Feed RSS

Nomine_Rai

Inserito il

Sottotitolo:  Federico intervista suo padre Bruno.
Vespa (senior) difende la moglie Augusta Iannini (magistrato,  ma con la quale parla poco, altrimenti si sarebbe fatto spiegare la differenza fra assoluzione e prescrizione visto che spesso fa confusione, specie quando si tratta di andreotti e berlusconi ), abituée di casa berlusconi dove si recava per fornire la sua preziosa consulenza (una di quelle che evidentemente le hanno arricchito oltremodo il curriculum) in materia di leggi “ad personam”.
La patetica gag avviene in quel di RTL 102.5 dove lavora il Vespa (junior) che quindi viene pagato dal gruppo di berlusconi.
Ma naturalmente è tutto “italianamente” a posto.

Non ci dobbiamo ancora preoccupare.

Rai, Agcom e Privacy, si chiude la partita.

 

Rai, Monti sceglie Anna Maria Tarantola

 Prodi: “E’ suicidio”. Bersani: “Nessuno è innocente” (leggi)
 Video – Monti sulle candidature di Freccero e Santoro: “Nomine non sono concorso di abilità”

Anna Maria Tarantola  è vicedirettore generale della Banca d’Italia e si occuperà soprattutto dei conti del servizio pubblico.

Luigi Gubitosi, vicino all’ Opus dei  si è fatto presentare al potente sottosegretario Gianni Letta da  Luigi Bisignani.

 

 

«MONTI HA UNA BANCA AL POSTO DEL CERVELLO»:

L’intervista esclusiva di Michele Santoro a “Il Manifesto”

 
Le nomine rivelano che Pd e Berlusconi sono legati dal conflitto di interessi. I nomi di Monti sulla Rai dicono che il governo ha una banca al posto del cervello. Grillo? I partiti personali non mi sono mai piaciuti
Quelli che non cambiano e non ascoltano la società
di Norma Rangeri

All’indomani della clamorosa sceneggiata delle Authority, alla vigilia del rinnovo del Cda della Rai, Michele Santoro saluta il pubblico del suo programma sperimentale e fa un bilancio. Numeri buoni sui quali poggiare il futuro, nonostante l’indifferenza della politica (leggi del Pd), nonostante l’incuranza (leggi sufficienza) di Monti. L’intervista può cominciare da qui.

Cos’è questa storia dei ministri consigliati di non partecipare al tuo programma?
I Berlusconi passano, i vizi restano. Lo ripeto:Monti parla di efficienza, innovazione, modernizzazione, creatività, merito e non ha mai messo piede qui, invitando i ministri a fare altrettanto.
Professori ubbidienti come scolaretti. Niente di nuovo, anche Prodi preferiva il salotto di Vespa. Bersani però è sceso nella tua arena.
Sì, ma a un certo punto anche quelli del Pd hanno cominciato a disertare.
Anche noi del «manifesto» abbiamo chiesto a Bersani di potergli rivolgere qualche domanda. Non ha mai risposto.
Quelli del Pd hanno ereditato risorse straordinarie di sacrifici, battaglie, lotte. Non è che D’Alema e Bersani affrontano l’elettorato forti soltanto della loro credibilità personale, lo affrontano anche perché hanno ereditato un pezzo importante di Botteghe Oscure. Senza quella storia sarebbero niente. Se non si confrontano, se non si aprono, sono irresponsabili di fronte alle responsabilità della storia. La leadership non è solo un diritto, è anche un dovere. Io credo nel dialogo critico. Volevo fare anche con voi del manifesto un convegno quando si stava concludendo la stagione di Annozero. Per parlare di quel che si poteva fare sulla libertà di informazione, per discutere con la sinistra di quale offerta politica. E magari, per una volta, loro a sedere per ascoltare come ha fatto Obama. Ma non ascoltano niente, non guardano la televisione, non sentono quello che dice Grillo, snobbano tutto. È insopportabile. E oggi non sono nemmeno seduti sul 35 per cento dei voti come in passato.
Bersani dice che il Pd ha vinto e adesso impazza il dibattito sulle liste civiche, già ribattezzate ciniche, per tentare un argine a Grillo e al grillismo.
Se sono operazioni di facciata, o di un giornale, aumentano la confusione. Bisognerà trovare un modo per sottrarre questo dibattito sul futuro a scelte di tipo organizzativo. Ecco perché non posso accettare la vulgata del «sono tutti uguali». I partiti personali non mi sono mai piaciuti. All’inizio dell’ultima puntata di Servizio Pubblico ho accennato alcune note di Bandiera Rossa, il contrario dell’idea di un uomo solo al comando. E poi c’è eresia e eresia… Rossana Rossanda ha esercitato l’eresia rispetto al Pci con grande responsabilità sentendosi parte di una vicenda più grande.
Non c’è contraddizione con la tua passione per Grillo?
Ma Grillo è forte su alcune questioni, sul conflitto di interessi, sulla democrazia economica, sull’ambientalismo. Per il resto la sua forza deriva dalla debolezza e dalla vigliaccheria degli altri che saranno responsabili del vuoto che si aprirà quando Grillo seguirà la sorte degli altri partiti personali.
Ora però, sulla Rai, Bersani promette che non parteciperà alla spartizione e sprona Monti a fare nomi credibili e indipendenti. Tutto bene?
Intanto ha già partecipato. Più che sceneggiare l’Aventino e dire non entreremo nella spartizione, per essere credibili dovrebbero spogliarsi di quello che hanno e generare una crisi. E poi chiedo: la governance è l’unica chiave? Perché non mettono in campo qualche idea di servizio pubblico? Se il governo proponesse tre nomi di altissimo profilo, scelti con un meccanismo trasparente (quel che chiedevamo io e Freccero), i partiti dovrebbero adeguarsi.
Mentre stiamo finendo l’intervista arrivano le nomine del governo. Il presidente è la vicedirettrice di Bankitalia, Anna Maria Tarantola. Direttore generale Luigi Gubitosi (ex Wind). Per Freccero «due marziani». Per te?
Regole nuove per indicare i nomi: zero. Fantasia: zero. Mi pare che Monti abbia una banca al posto del cervello.
Seppure a parole, però, il Pd ha sposato la linea del «fuori i partiti dalla Rai».
No. Parlano solo di governance e dunque lasciano a Monti l’iniziativa. Dovevano essere loro a provocare questo cambiamento. È giusto che un programma come Servizio Pubblico, così condiviso, sia fuori dalla Rai? Parole chiare non le hanno mai dette.
Se Berlusconi ha perso e il Pd non ha vinto forse è perché non ha mai sciolto davvero il nodo del conflitto di interessi?
Sono d’accordo con il giudizio severo di Arturo Parisi: il Pd è immerso nel conflitto di interessi che lo unisce a
Berlusconi. Le nomine alle Authority rivelano un sistema che lega Berlusconi ai suoi avversari, con l’acquiescenza di Monti e il silenzio del Quirinale.
Perché tanta sordità alle voci della società? Capisco l’orgoglio per questo anno di lavoro, ma anche ma anche tu constati che siete rimasti quelli che eravate. Per ottenere qualcosa bisogna fare un partito?
Quelli che hanno dato vita a Servizio Pubblico sono la società civile nella definizione gramsciana, sono la società che si organizza, è una partecipazione dal basso. Trovo assurdo che di fronte alla risposta insignificante della politica, per far valere le ragioni di questo pezzo di società si debba fare un partito. Già vediamo le conseguenze: la frammentazione è il primo nefasto effetto. E guarda che questo si riflette anche nella televisione.
Quasi una simmetria, un gioco di specchi: la perdita pesante di ascolto delle tv generaliste (Rai1 e Canale5) sembra correre in parallelo a quella dei due maggiori partiti. Le due reti oggi, sommate insieme, fanno l’audience che ieri aveva una sola. Così come oggi Pd e Pdl hanno una percentuale elettorale che ieri avevano singolarmente. La tv è politica.
L’audience di Rai e Mediaset è crollata ma il pubblico è andato su un’offerta moltiplicata e, in ambito televisivo, la frammentazione non è solo negativa, rappresenta l’esplosione di domande prima soffocate. Tuttavia non è la trasformazione virtuosa di un patrimonio industriale, è piuttosto la crisi di un sistema che cerca di conservare l’esistente. Siamo alla morte del servizio pubblico, perché oltre un certo limite, il calo di audience significa abolire il servizio pubblico.
Che, invece, in un momento di crisi economica, di debolezza culturale potrebbe alimentare il cambiamento. In fondo l’industria televisiva e quella del cinema sono un asset strutturale di prima grandezza.
Eppure la fiction ha avuto una fortissima riduzione di budget. È come dire: rinuncio alla mia identità. La Bbc ha prodotto We want sex, le tv americane indipendenti sondano, riflettono le questioni sociali, costruiscono figure di riferimento. Se l’immaginario gioca un ruolo di primo piano allora i nostri eroi popolari dove sono? Noi siamo fermi alla Piovra. O vogliamo parlare della crisi Cinecittà? Il servizio pubblico dovrebbe fare quello che il mercato non fa. Questi tecnici come vogliono modernizzare il paese, con la riforma delle pensioni? La loro idea di società è patetica. La televisione potrebbe essere uno stimolo straordinario, non solo sul piano valoriale, ma anche nel reperimento di risorse. Siamo arrivati al punto che per fare un film il regista deve contrattare anche il cast secondo le indicazioni dei partiti. E guarda Mediaset, un altro malato grave, colpita da questo blob invasivo che pervade tutto.
Da 1 a 10, un pronostico sulla possibilità della Rai di cambiare, e tu di ritornare a viale Mazzini Direi molto bassa, prevedo una gestione di basso profilo, magari mascherata da televisione di qualità, queste balle che poi ci raccontano…
E tu in Rai che faresti?
Darei un profilo forte alle reti maggiori e poi, come dice Freccero, stabilirei un sistema di relazioni con le reti tematiche. L’omologazione non ha pagato. Guarda che cosa è successo alla radio del servizio pubblico, ha perso il primato e molti punti nella classifica delle emittenti.
Andrai a La7 o a Sky?
Qualunque scelta noi facciamo sul piano editoriale, la sottoporremo alla nostra lista di sostenitori. Ti dò qualche numero. Dieci euro donate da centomila persone per un milione di euro, appena sufficiente per quattro puntate, che, invece, sono arrivate a ventisette grazie ai sette milioni di euro di raccolta pubblicitaria. Il sette per cento di ascolti, battendo, nei tempi di sovrapposizione, i programmi di La7, Raitre, Rete4, quasi sempre anche Raidue, spesso Italia1. Un milione e mezzo di accessi sul web e cinquecentomila utenti unici. Il programma più visto in streaming. Oggi una comunità di 25mila donatori (e il 10 per cento sono inglesi) coinvolta nelle scelte editoriali future. Per cominciare faremo un Premio per giovani Reporter.
Chi sono i soci più importanti e Servizio Pubblico dove finirà?
Il socio editoriale più importante, dopo di me, è l’Associazione Servizio Pubblico che gestisce le donazioni. Poi c’è anche il Fatto. Andremo dove avremo una vita più tranquilla. Navigare a vista di puntata in puntata è dura, sono contento di averlo fatto per un anno ma la situazione economica potrebbe peggiorare, si annuncia un anno orribile dal punto di vista pubblicitario, potremmo trovarci sulle spalle anche milioni di euro. Sceglieremo l’editore che ci farà un’offerta, ma resteremo un gruppo indipendente.
Nell’ultima puntata, verso mezzanotte avevate ricevuto un flusso di nuove donazioni.
È il nostro editore. Finché siamo un “noi” Servizio Pubblico può continuare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...