Feed RSS

Loboto_Renzi

Inserito il

Nel mondo normale Vladimir Putin sarebbe stato fermato da tempo e processato per crimini contro l’umanità. In questo invece viene proposto per il Nobel della pace.

Nel paese normale un pregiudicato condannato a quattro anni di galera per frode fiscale, un danno allo stato e cioè a tutti sarebbe a scontare la sua pena. In questo invece si chiedono provvedimenti disciplinari per il giudice che ha emesso la sentenza.

Il “metodo Esposito” (Marco Travaglio)

***

SCUOLA INTITOLATA A VITTIMA DI MAFIA, MA LA SORELLA RESTA FUORI (di G. Pipitone)

Giovanna Raiti, sorella del carabiniere assassinato da Cosa Nostra, era stata invitata. “Ieri in tarda serata, infatti, mi arriva un messaggio sul cellulare in cui mi comunicano che il cerimoniale del Presidente non ha dato la possibilità di inserire la presenza di persone esterne alla scuola…”. Palazzo Chigi: “Richiesta mai ricevuta, noi estranei alla vicenda”.

***

Se s’insegna ai bambini fin da piccoli, dalle elementari a riverire il potente come si può pensare di formare una generazione di adulti che poi non lo faranno? Il presidente del consiglio venerato come il santo patrono e il padrino mafioso davanti al quale tutti si inchinano e fanno il baciamano?  Questa sarebbe l’Italia, una repubblica occidentale del terzo millennio? L’unico indirizzo che può e deve dare la scuola è quello didattico, dovere della scuola è preparare culturalmente le nuove generazioni, non deve certo insegnare a dei ragazzini ad innamorarsi della politica, del politico, inculcare in giovani menti  la dottrina religiosa e il culto dell’uomo dei miracoli, della provvidenza: in questo senso l’Italia ha già dato coi risultati disastrosi che sappiamo.

E poi perché il presidente del consiglio può andare a disturbare le lezioni in una scuola raccontando cose che dei ragazzini di una scuola elementare non sono tenuti a conoscere e né tantomeno a doversene preoccupare? Si chiede una scuola indipendente dalla religione, nella quale non trovino – giustamente – spazio riti, benedizioni e quant’altro, c’è anche una legge che protegge e tutela l’orario scolastico da invadenze e ingerenze, allora perché si fa entrare la politica, nella scuola dell’obbligo frequentata da immaturi non ancora in grado di poter ragionare in senso ampio e di mantenere quindi, se lo vogliono, le giuste distanze dalla religione e dalla politica, di decidere autonomamente se vogliono farsi invadere la vita dalla religione e dalla politica? E come si può pretendere che un ministro dell’istruzione del governo di Renzi prenda oggi gli opportuni e doverosi provvedimenti disciplinari nei confronti di scellerati e scellerate dirigenti scolastici e insegnanti che non solo fanno entrare la politica nelle scuole – invece di tenerla distante così come si dovrebbe fare con la religione – ma fanno cantare anche la canzoncina adorante al presidente del consiglio? La scuola pubblica e statale è un ambiente laico dove devono trovare spazio tutti, in una società che si evolve, diventa sempre più multietnica anche i riti tradizionali, quelli delle feste comandate religiose devono essere modificati e trasformati in manifestazioni che non disturbino la sensibilità di nessuno; i bambini hanno una capacità di adattamento molto più veloce della nostra e una festa resta tale anche se privata di simboli di qualsiasi religione, ma essendo bambini sono anche facilmente seducibili, influenzabili, fragili,  ed ecco perché dovrebbe essere un luogo asettico, disinfettato da tutto ciò di dannoso per la formazione, che disorienta persone ancora non in grado di difendersi da sole. Quindi figuriamoci se può entrarci la politica. Se una cosa del genere l’avessero fatta per Grillo oggi chissà che avremmo letto sui giornali di regime.  Il presidente del consiglio che vagabonda su e giù per L’italia per farsi la sua propaganda fra l’altro costa, molto di più che se restasse nel suo ufficio ad attivarsi, a mettere in moto il suo governo per le cose serie, a fare politica, non a twittare le sue cazzate. Io, siccome sono moderata, toglierei la tutela a quei genitori che non sono andati a scuola a spiegare che i bambini non si usano per la propaganda, di nessun tipo. Se il presidente del consiglio è di tutti gli italiani [e nemmeno per sogno, il mio no e lo dico dai tempi di berlusconi: questi campioni di balle, di cui uno anche delinquente, se li tenesse chi li ha votati e ha votato i partiti di cui fanno parte, io non li riconosco come istituzioni né tanto meno li ho delegati a rappresentarmi] e quindi pensa di avere il diritto di incontrare gli studenti anche minorenni non in grado di intendere, di volere e di capire la politica dovrebbe invitarli nelle sue sedi. Saranno i genitori poi a decidere SE far incontrare i loro figli con l’istituzione. Non, invece, imporre la sua presenza in luoghi pubblici, quindi di tutti, quindi anche di chi non gradisce l’interferenza politica e/o religiosa nelle scuole primarie frequentate da BAMBINI.

 

***

OLTRE LA REALTÀ
Come costruire il consenso tra gli applausi dei Balilla 2.0
di Daniele Ranieri, Il Fatto Quotidiano, 6 marzo


Ma eccolo. Il presidente Renzi visita una scuola di Siracusa. La giornata è quasi di primavera, si sente la brezza del mare che qui non riposa mai. Eccolo: cammina, lancia una battuta ai microfoni, un sorriso alle giovani maestre della nostra bella Sicilia.
“Facciamo un salto e battiam le mani”, cantano i bambini, emozionati, in circolo. Le maestre dettano il tempo. “Ma-tteo, Ma-tteo!”, lo acclamano i pargoli: eccolo, l’uomo nuovo che trasforma il Paese con un’alchimia di polso e franchezza.
In questa terra maltrattata, uno spirito di entusiasmo ravviva gli occhi degli abitanti; i disoccupati si godono l’ora lieta, gonfia di una segreta speranza.
“Faremo della scuola la Grande bellezza”, proclama il Presidente, e forse intende “un capolavoro da Oscar”, ché di farne un vaniloquente florilegio di fatuità, fiumi di cocaina e remix della Carrà sarebbe capace pure un Governo Mora, nel senso di Lele.
Quello dell’uomo simpatico e brusco amato da donne e bambini è un paradigma sfruttabilissimo. Renzi ci si pasce con narcisismo infantile. Avrebbe potuto fermare lo spettacolo patetico di un coretto che lo accoglieva come un divo tra il Gabibbo e un supereroe dei cartoni? Avrebbe potuto chiedere alle maestre di evitare di trasformare la visita in un omaggio alla sua persona da parte di piccoli balilla 2.0, e rifiutare un’accoglienza così imbarazzante e littoria? Ma sì. Ha buttato giù un governo senza un motivo chiaro (parole sue: come sono andate veramente le cose lo so io e altri protagonisti della vicenda) e non poteva interrompere l’insopportabile déjà vu?
Non bisogna ridurre tutto ad Mussolinum, certo. Ogni epoca ha la sua grandezza anche nell’indegnità, e il paragone sminuisce e anestetizza. Così come è ridicolo evocare il duce ogni volta che Grillo si fa una nuotata. Ma il tour delle scuole sa molto di propaganda. Ristrutturarle, ci mancherebbe, è cosa urgente e nobile, che però si può fare da un tavolo dello splendente ufficio romano sempre illuminato, mostrato a tarda sera alle telecamere di Ballarò. Renzi ha rifiutato di cedere alla retorica deresponsabilizzante del “Mezzogiorno” nel suo discorso alle Camere, dove disse di voler entrare in punta di piedi (forse per far fuori il Senato cogliendolo di sorpresa), e poi inzuppa il suo viaggio a Siracusa via Tunisi nella più meticolosa retorica da cinegiornale, pompata dagli specchi riflessi di Twitter.
È risaputo che agli italiani piaccia essere infinocchiati. È una coazione irresistibile. Stanchi di mezzo secolo di padri padroni e fedifraghi, non vedevamo l’ora di farci riscattare da uno più giovane e più furbo. Renzi intasca un assegno in bianco (non) firmato da noi per esasperazione: adesso lavora per conquistarsi il consenso. Forse più bravo di Berlusconi, mira al cuore delle mamme; mette il suo nome di battesimo sulle bocche dei bambini; twitta alle 6 di mattina, per dire “sto scrivendo una nuova Storia”, in 140 caratteri.
La sua sicumera lascia intendere che c’è una strategia, sotto le mosse opinabili dell’ultimo mese: la destituzione di Letta, la fumosità verbosa nella richiesta di fiducia, la megalomania riformista, la nomina di sottosegretari indagati, l’inciampo logico della legge elettorale fatta con un fuorilegge. Sembra saper trattare con chi sullo stomaco ha il pelo di più di un quarto di secolo di scorribande politiche; sul suo volto telegenico si alternano cinismo e candore, bontà e furbizia. Bergoglio laico, chiede ai bambini quanti di loro usano Facebook, WhatsApp. Loro ridono, alzano le mani. Li esorta a non dimenticare che nulla vale la bellezza di un abbraccio fisico. Si vanta di non essersi montato la testa per avere quasi un milione di amici su Twitter. Il coretto riprende: “I ragazzi le ragazze tutti insieme alle tue idee e al tuo lavoro affidiamo il nostro futuro”, nientedimeno.
Un altro capitolo di una narrazione quotidiana mozzafiato, una rete di idolatria che non risparmia neanche i bambini, trasformati in sfondo per ottime copertine di Chi. Forse siamo noi che non capiamo il sottile disegno, ma non ci piace questa roba, Presidente Renzi, per niente.

Annunci

»

  1. Riverire i potenti potrebbe far la differenza tra un piatto di minestra ed il nulla e ben lo sanno i siculi che da sempre si schierano con i potenti, prima la dc, poi il nanerottolo son stati capaci di fare il 100% in quella terra, quantunque molti di loro ed io stesso pensiamo che se fossero governati direttamente da cosa loro starebbero senz’altro meglio

    Rispondi
  2. mi ricordo 5 anni fa quando, pochi mesi dopo il terremoto, berlusconi tornò qui nel suo ennesimo “tour” promozionale e tutti i media diedero gran risalto ad una sua visita in una scolaresca. Ai bambini (che se non erro erano della materna) disse “vi piace il presidente del consiglio? Alzate le mani!”

    Renzi ne rappresenta la continuità

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...