Feed RSS

Alta voracità

Inserito il

SERVIZIO PUBBLICO, RIVEDI TUTTI I VIDEO DELLA PUNTATA DEDICATA ALLA TORINO-LIONE

GLI ESPERTI: “E’ LA PEGGIORE INFRASTRUTTURA POSSIBILE (di Luca Mercalli)

Marco Travaglio ripercorre la storia della ferrovia Torino-Lione e illustra le conseguenze del progetto Tav. Il Tav è dannoso: lo è per le casse dello Stato e per le tonnellate di rifiuti (tra cui l’amianto) che verranno prodotti durante i lavori di costruzione.

***

Questo pezzo di  Marco Travaglio sulla Tav è uno dei migliori che lui abbia mai scritto,  un discorso, chiaro, esplicativo, lucido, rigoroso, appassionato, definitivo che va oltre il superbo giornalismo al quale ci ha abituati:  è una vera e propria orazione civile.
Quest’uomo è un patrimonio nazionale, una memoria storica che in un paese normale, dunque non in Italia,  tutti si terrebbero da conto.
Non c’è nessuno in Italia che fa giornalismo così come lo sa fare lui.

Ognuno è libero di pensare quello che vuole, ma se non ci fosse Servizio pubblico e l’informazione  sua e di Santoro questo paese sarebbe molto peggio di quello che è:  le sue trasmissioni sono un faro nella nebbia.
 La faccia di Bersani, la sua reazione, e di volta in volta tutte le reazioni che hanno avuto e che hanno le persone chiamate in causa dalla sua  precisione chirurgica nel raccontare i fatti – perlopiù orribili –  che sono accaduti  e che accadono in Italia da venti, venticinque anni a questa parte sono lì a dimostrare quanto sia efficace il suo lavoro e quanto la politica, ordinaria e straordinaria abbia ormai raggiunto un livello di miserabilità e arroganza  insostenibile per un paese che vuole definirsi democratico e civile. 

***

“Il primo studio di fattibilità stimava un aumento dei passeggeri tra Italia e Francia. Invece sono un decimo del previsto. Hanno detto allora che se la Tav non poteva servire per i passeggeri allora poteva servire per portare soprattutto le FAVE”

*****

L’Eroe

 Marco Travaglio, Il Fatto Quotidiano – 2 marzo

A dispetto delle barzellette sui carabinieri, abbiamo finalmente al comando della Benemerita un plotone di fini umoristi. Solo dei generali dotati di spiccato sense of humour potevano conferire un encomio solenne al carabiniere in Val Susa per “la fermezza e la compostezza dimostrate” davanti alla “grande provocazione” del barbuto No Tav che lo chiamava “Pecorella” e lo sfidava a levarsi il casco e la proboscide antigas, o magari a sparare. L’eroico soldato avrebbe così “evitato ad una situazione delicata di degenerare “. Dev’essere uno scherzo, una barzelletta sui carabinieri raccontata da se medesimi. Solo che i politici, categoria molto più allergica all’umorismo, l’han presa sul serio.
Le cronache segnalano che al milite ignoto “è giunto il plauso di tutte le forze politiche e di governo, dai presidenti di Camera e Senato Fini e Schifani al ministro Cancellieri, da Berlusconi a Bersani: ‘Lui rappresenta l’Italia migliore'”. E meno male che poi ha parlato l’encomiato: “Ho fatto solo il mio dovere: anche altri colleghi avrebbero fatto lo stesso”. Come a dire: ma siete
tutti matti? Ma cosa vi aspettavate che avrei fatto? Che, di fronte a un contestatore esasperato che mi sfotte, avrei potuto estrarre il manganello e fracassargli il cranio? Forse avete visto troppi film, o troppi documentari sulla Diaz e Bolzaneto. Siete abituati all’anormalità perché siete anormali pure voi. Vi sembrerà strano, ma io sono una persona normale, e come me ce ne sono tante, nell’Arma. Ma è stato tutto inutile. Per la stampa di regime, il giovanotto è già un eroe.
“Sembra una storia tratta dalle pagine del libro Cuore di De Amicis”, tromboneggia il Messaggero. Il Giornale festeggia
perché “le azioni dell’orgoglio patrio sono risalite”.

La pseudosenatrice Finocchiaro vorrebbe “stringere la mano al carabiniere insultato da uno pseudomanifestante “.

E tutti a scomodare Pasolini che, tra sessantottini figli di papà e poliziotti figli di proletari, stava coi secondi. Ma qui sono tutti figli di nessuno, mandati allo sbaraglio in una guerra fra poveri da una classe politico-affaristica che lancia il treno e nasconde la mano. Il Giornale segnala che “l’oltraggio a pubblico ufficiale è punito fino a 3 anni di carcere”.

Se è per questo, la corruzione giudiziaria è punita fino a 8 anni.

E il punto è proprio questo: nessun partito è credibile per andare in Valle a spiegare le ragioni del Tav, sempreché ne trovi.
L’ex sottosegretario all’Interno Mantovano (Pdl) invoca manette ai manifestanti per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale: e allora che ci fa a piede libero il suo ex ministro Maroni, condannato per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale? E come si chiama il reato di un politico (sempre Mantovano) che paragonò ai “nazisti in fuga” i giudici che avevano condannato Dell’Utri? E di un altro, tale B., che paragonò i giudici alle Br e alla Uno Bianca? Che si fa, si dà l’encomio solenne pure ai giudici che non hanno ancora spaccato la faccia ai politici che li insultano? Il delirio sull’eroe carabiniere ricorda quello sull’eroe De Falco che ordina a Schettino di tornare a bordo. E sull’eroina, durata un paio d’ore , Manuela Arcuri che due anni fa, dai verbali del caso Tarantini, pareva aver respinto le avances del Cainano e solo per questo era pronta per la leadership della sinistra.
Lei giustamente tenne la bocca chiusa.

Infatti, dalla telefonata intercettata di un’amica, si scoprì subito l’eroico motivo del gran rifiuto: “Manuela dice che, se non vede ‘sto cammello, fino a quando non ha una certezza… non fa nulla per lui” (il “cammello”, per la cronaca, era presentare il Festival di Sanremo). Gli unici che, sul concetto di eroismo, hanno sempre avuto le idee chiare sono B. e Dell’Utri: l’eroe è Vittorio Mangano, punto e basta. Per il resto, nel Paese di Sottosopra, diventano eroi una ragazza che forse non si prostituisce, uno della Capitaneria di Porto che intima a un comandante in fuga di tornare sulla nave e un carabiniere che non spara a un ragazzo che gli parla.

Come cantava Lucio Dalla, “l’impresa eccezionale, dammi retta, è essere normale”.

Annunci

»

  1. essere normali è una bella impresa. Scommetto che l’ Arma a suo tempo diede l’encomio anche ai carabinieri che pestarono a sangue alcuni ragazzi per costringerli a confessare una strage ad Alcamo

    Rispondi
    • http://www.gonews.it/articolo_124217_Gulotta-parla-alle-Iene-dopo-lassoluzione-sento-piedi-sandali-Icaro-dalla-gioia-Video.html

      Questa vicenda fa orrore, pensare che nelle segrete stanze di chi dovrebbe garantire la sicurezza dei cittadini si usano invece sistemi di tortura medioevali fa semplicemente rabbrividire. Ma di questo non si parla mai abbastanza, non c’è nessuno ‘stronzo’ da accusare e mettere alla berlina. Questa non è roba di tanti anni fa: sono cose che accadono ancora, dove non c’è tortura ci sono pestaggi, le botte, uno Stefano Cucchi che muore perché “era un drogato” e un Federico Aldrovandi che si ammazza di botte “da solo”. Ma di questo gli autorevoli giornalisti che elevano ad eroe uno che non ha alzato un sopracciglio solo perché sapeva di essere ripreso da una telecamera non ne parlano, e chissà perché.

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...