Feed RSS

Il 25 aprile è di vi si vo

Inserito il

Il fatto che il 25 aprile sia una giornata che alimenta i conflitti, le divisioni, un giorno in cui si può fare tutto: tenere aperto il centro commerciale, la manifestazione nazifascista al cimitero di Milano, le ormai consuete dichiarazioni istituzionali a favore e sostegno dei marò che nulla c’entrano coi Partigiani, la Resistenza e la Liberazione, impedire di suonare e cantare “Bella ciao” perché  “troppo di parte”, qualcosa che un quotidiano come La Repubblica può dimenticare, l’uso ma soprattutto lo spregevole abuso per mera propaganda politica, che passa non solo nelle varie réunion “festaiole” ma anche per televisioni e giornali dovrebbe spiegare perfettamente quanto nella storia di questo paese le istituzioni si siano impegnate per renderlo tale.
Un giorno come un altro.
Non c’è solo la scuola che non insegna, c’è soprattutto lo stato che non ha mai messo al primo posto la difesa delle sue origini e dell’antifascismo come valore non negoziabile né discutibile.

***

Dal Fatto Quotidiano:

Ha colpito molto la scelta di ieri di Repubblica di non dare spazio al 25 aprile. Nessun racconto, nessuna intervista, in un giornale che fino a qualche tempo fa avrebbe menzionato la Liberazione tra i propri pilastri identitari. Però, a leggere bene, dire “non ne parlano” è impreciso, anzi ingeneroso. Perché il 25 aprile c’è eccome. E sta lì, nelle parole dell’intervista di Renzi, come un fiore all’occhiello, richiamato bene in un sommario di pagina 2: “L’antifascismo è un elemento costitutivo e irrinunciabile della nostra società. Giusto tenere alta la guardia”. Giusto, giustissimo e sacrosanto. Però vale la pena proseguire nella lettura. Perché la domanda immediatamente successiva alla frase del premier è: “La destra populista che a Roma si presenta con il volto della Meloni e della grillina Raggi non sono il segno che il senso più profondo della Liberazione rischia di essere travolto?”. Eh???? A parte l’incertezza grammaticale del “sono” quando il soggetto è singolare – “la destra populista” – colpisce il volo pindarico: che ci azzecca la campagna elettorale di Roma con “il senso più profondo della Liberazione”? Ma basta passare avanti e godersi Renzi che nel resto dell’intervista randella ancora i magistrati e passa la paura. E pure ogni dubbio sul “senso più profondo”.

***

La Repubblica dimentica il 25 aprile e conferma la sua linea editoriale

Annunci

»

  1. Sono distrutta, anch’io ho fatto un post, tra l’altro con molto impegno….ma è tutto inutile, un popolo che dimentica il passato, tornerà in quel passato. Ciao, Giusy

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...