Il terzo mondo è qui: basta leggere i giornali per accorgersene

A proposito del presunto assassino di Yara.

“L’Italia è un Paese dove chi uccide e chi delinque viene arrestato e finisce in galera. Può passare del tempo o può finirci subito. Ma questo è il destino che attende i criminali”.[angelino alfano, ancora, incredibilmente, ministro dell’interno]

Tutti meno uno, vero angelino? Per quell’uno si può fare una deroga, Anzi, è stata fatta, e con viva e vibrante soddisfazione.

 

Avere cura di noi stessi – Alessandro Gilioli

 

Era il mostro quel padre accusato di aver stuprato una figlia bambina ma che poi si scoprì, era malata di tumore, è morta lei e dopo un po’ anche quel padre, ci sono dolori che hanno un effetto a rilascio lento, come un veleno. Ma questo non interessa ai professionisti del crimine autorizzato a mezzo stampa.

I mostri servono, perché mentre si dà la caccia ai mostri,  mentre ce li mostrano nei vari talk show, sulle copertine dei settimanali, le sanguisughe criminali si spartiscono l’Italia. Ecco perché ci vogliono sempre anni per trovarli.  Qui i mostri si confezionano ad uso, abuso e consumo della propaganda politica e della spettacolarizzazione mediatica di drammi e tragedie, mentre la criminalità politica viene trattata coi guanti di velluto, anche quando è conclamata e condannata. In Italia il giornalismo si divide in servo e criminale.  Criminale perché non si sbattono mostri in prima pagina prima di assicurarsi che lo siano davvero. Servo, per i motivi che abbiamo imparato a conoscere molto bene: come diceva Victor Hugo “c’è gente che pagherebbe per vendersi”, che è l’attività più svolta da gran parte degli addetti all’informazione di questo paese. Serietà e deontologia sottozero.  E’ molto importante che il mondo sappia che marito e moglie hanno avuto un rapporto sessuale appena prima che scattasse la follia criminale di lui. E’ un dettaglio che fa la differenza.
Di un vecchio delinquente prestato alla politica che comprava favori sessuali da ragazzine minorenni, invece, non si doveva sapere né parlare; c’era la privacy del delinquente da tutelare, da riparare perfino pensando a leggi speciali che impedissero la diffusione delle notizie.
Luridi cialtroni.

Penso a quei ragazzi che da oggi in poi saranno i figli del mostro, oltre ad avere il futuro distrutto se il loro padre  verrà riconosciuto colpevole davvero  e a cui qualcuno ha avuto premura di rovinargli anche l’immediato, il presente solo perché non si poteva aspettare di avere notizie più certe  prima di divulgare il loro cognome,  a differenza di quel che accade ad altri tipi di criminali, ad esempio quelli che abusavano di ragazzine: gente facoltosa, altolocata, il marito della mussolini che patteggia, paga il conto e si rimette a letto con sua moglie, ci va alla messa della domenica perché Dio si sa, perdona tutti: soprattutto quelli che hanno cospicui conti in banca.  Per sapere il nome del figlio del parlamentare di forza italia coinvolto in quello schifo ci sono volute settimane. E nessun alfano si è preso il merito di questo.

Complimenti ai garantisti sempre, quelli che “nessuno è colpevole fino al terzo grado di giudizio”, quelli che difendono la presunzione di innocenza solo quando a commettere i reati sono i malviventi abituali, ad esempio i politici, ma poi, come a La Repubblica, e a seguire tutti, compreso Il Fatto Quotidiano fanno i cazzoni pubblicando nome, cognome e foto di famiglia [prese da internet] di un fermato ancora da sottoporre ad interrogatorio, inchiodato da una prova ma che in questo paese basta – se si è persone normali e comuni – per essere colpevoli e condannati di omicidio prima del primo grado di giudizio. Per il politico invece bisogna aspettare anche il giudizio di dio.

E naturalmente complimenti agli imbecilli che, grazie a chi ha divulgato il nome del fermato, da ieri condividono le foto a più non posso, perché agli imbecilli se gli levi i mostri da giudicare e  condannare, magari a morte perché loro sono i buoni e gli altri i cattivi  poi sui social non sanno che cazzo fare, a loro non interessa che si tratta del padre di tre figli la cui sicurezza potrebbe essere messa in pericolo. Perché al giustiziere del web in realtà non frega nulla del dolore degli altri, lo usa per mettersi in mostra, perché sa che in quel modo è facile catturare il consenso e l’approvazione di altri imbecilli.

Complimenti ad alfano che per chiedere la libertà di un delinquente seriale è andato, insieme ad altri colleghi  a fare eversione occupando tribunali ma poi si vanta pubblicamente come se il mostro lo avesse trovato lui personalmente, a differenza di quello che ha fatto quando il mostro era lui che per compiacere l’amico delinquente non si è fatto nessuno  scrupolo e ha permesso la deportazione di una madre e di sua figlia; e complimentissimi al quadrato e al cubo  soprattutto a Renzi che solo in questo caso non ritiene di dover aspettare i tre gradi di giudizio prima di gioire per l’arresto di un “assassino”. 
Eccola l’Italia che fa paura a me, altroché quella dove si avvisano, si indagano e si condannano persone a cui poi il massimo che può capitare è di andare a scontare i domiciliari in villa.

AMICI DI SANGUE SU FACEBOOK – di Diego Cugia  [Jack Folla]
Entrambi gli assassini, quello -presunto- di Yara e quello che ha sgozzato la famiglia in fretta e furia perché dopo c’era la partita, hanno profili Facebook. Noi italiani li clicchiamo perché ci piace sguazzare nell’orrido per fare “Ooh!” come i bambini di Povia e perché ci illudiamo di essere innocenti. Ma che colpa hanno i figli degli assassini, i loro bimbi fotografati al mare o quando spengono la candelina sulla torta, che hanno fatto per meritarsi questo danno collaterale i nipoti, i genitori, gli zii del “Mostro”? Sfogliamo gli album degli assassini su Facebook come milioni d’improvvisati commissari Montalbano. “Hai visto? Quello che ha ucciso la moglie dopo averci fatto l’amore e prima di gridare Forza Italia era “seguace” di una sola persona, guarda tu, una donna, e pure bonazza, sarà mica lei l’amante di cui vociferano gli inquirenti?” Clicchi e apri il profilo della donna “seguita” dall’assassino. E toh, guarda un po’, c’è un post di lei, in evidenza, che inveisce contro “chiunque” abbia commesso proprio quel delitto lì. “Strano no? Sei amica dell’assassino e inveisci contro “chiunque” sia stato? Ma se è stato lui, il tuo “seguace”!” Così la tragedia-madre, il delitto, si costella di centinaia d’altre micro-tragedie, quelle di chi è colpevole solo di essere figlio, parente o amico di sangue su Facebook. Penso a quelle povere bambine, alle figlie minorenni del presunto assassino di Yara, l’uomo che ha dichiarato agli inquirenti “Sono sereno”. Loro, le figlie del “Mostro” che chiunque può copiaincollare sulla propria pagina fosse solo per commentare “Oooh! Poverine!”, dopo tutta questa terribile pubblicità a quale serenità potranno mai aspirare? Sono contro ogni censura ma i profili Facebook degli assassini, forse, è il caso di spegnerli come le vite delle loro vittime, per non crearne, involontariamente, altre ancora.

 

Onore Napolitano [sottotitolo: L’italia della vergogna]

 I valori “incancellabili” della Resistenza sono tutti scritti su quella Carta che l’estremo difensore, il suo garante supremo molto spesso dimentica che andrebbero anche messi in pratica. E, se la pace è un “valore assoluto” si potrebbe onorarla sul serio coi fatti, non solo con le parole vuote della retorica da festa, evitando di spendere miliardi in apparecchiature da guerra.  Napolitano, nel giorno della Liberazione dal fascismo e dalla guerra  infila nello stesso discorso –  oltre all’onore relativo a due persone che non sono state rapite dagli alieni cattivi ma accusate di duplice omicidio in terra straniera e lì sarebbe giusto che fossero giudicate –   la pace quale “valore assoluto” e la critica alla giusta diffidenza verso gli strumenti della difesa, quelli che fanno perdere l’assoluto al valore della pace. Sarebbe ingiusto derubricare tanta confusione all’anzianità di un presidente che pare non voglia arrendersi al fatto che l’onore, la difesa di un paese non passano per una divisa da soldato né nella quantità immorale di soldi spesi in armamenti e affini specialmente in un periodo di crisi profonda come questo.  Pertini voleva “svuotare gli arsenali e riempire i granai”,  Napolitano invece, il 25 aprile, giorno della Liberazione dalla guerra e dall’invasione nazifascista, invita a resistere alle “pulsioni antimilitariste”,  quelle di  chi pensa che le armi non abbiano nessuna funzione di pace. 

 

Sarebbe stato bello, senz’altro più opportuno nel giorno della Liberazione dal tiranno nazifascista, che Napolitano invece di parlare di onore riferito a due probabili assassini avesse parlato del disonore, dell’incapacità di questo stato di rendere giustizia ai sette operai  della Thyssen morti bruciati sul posto di lavoro e alle altre migliaia di morti di lavoro, italiani e non, nel paese dove chi ha meno vale meno da vivo e da morto.  Del resto, ciclicamente ce lo ricordano anche gli illustri rappresentanti della politica italiana che “chi non ha niente, ha poco è perché non si è impegnato abbastanza”. Con la mole gigantesca di argomenti a disposizione in fatto di ingiustizie in questo paese, Napolitano ha scelto di associare l’onore italiano  alla vicenda tragica di due pescatori scambiati per terroristi uccisi in mare solo perché i due accusati del loro omicidio indossano una divisa militare. Come se una divisa in Italia significasse sempre onore.
Oggi ci sarebbe stato un motivo in meno per vergognarsi di essere italiani.

 

Quelli che difendono tanto l’operato di Napolitano esaltandone lo spirito di “sacrificio” che lo ha “costretto” ad accettare un secondo mandato, caso unico nella storia della repubblica italiana; quelli che lo giustificano rispetto al suo atteggiamento verso il pregiudicato berlusconi, che non hanno trovato niente di anormale e di strano che lo abbia ricevuto al Quirinale da condannato, che in precedenza non trovarono niente da ridire quando per consentire a berlusconi di “poter partecipare alla delicata fase politica” non esitò a fare quello che gli riesce meglio e cioè la ramanzina ai giudici colpevoli di mettersi in mezzo fra berlusconi e la sua disonestà, delinquenza; quelli che negano la massiccia ingerenza nella politica di Napolitano, cosa che un presidente della repubblica non deve fare; quelli che “Napolitano non poteva fare diversamente”; quelli che “le istituzioni si devono rispettare”… e si potrebbe continuare all’infinito, a proposito di “quelli che” ma è meglio non andare oltre. Ecco: a tutti i quelli vorrei chiedere cosa pensano di un presidente della repubblica che il 25 aprile, nel discorso ufficiale per le celebrazioni della Liberazione dal nazifascismo, tesse le lodi di due accusati di duplice omicidio dicendo che sono “ingiustamente detenuti e rendono onore alla patria”. Mi interesserebbe altresì sapere perché il presidente della repubblica pensa che ad onorare e dare lustro all’Italia, dunque anche al mio paese, debbano essere due persone sottoposte a provvedimenti giudiziari certamente lontane dall’Italia perché non è in Italia che si deve decidere se sono colpevoli o innocenti. Due persone che godono di un’attenzione speciale da parte delle nostre istituzioni e anche di quelle del paese dove sono “detenute” a differenza di quello che è capitato a Tomaso Bruno e ad Elisabetta Boncompagni, italiani anche loro, che dal 2010 sono detenuti in un carcere indiano: un carcere vero, condannati all’ergastolo perché accusati di un omicidio sul quale non è mai stata fatta chiarezza. A Tomaso ed Elisabetta, dei quali  fino ad ora si sono occupate solo le Iene non è stata concessa nessuna licenza premio in questi quattro anni, non sono tornati a Natale per mangiare la lasagna di mamma e nemmeno hanno goduto di un permesso premio di un mese per poter esercitare il loro diritto/dovere di voto. E presumo che casomai dovessero, per una fortunata circostanza, per uno Staffan De Mistura che si ricorda anche di loro tornare in Italia, non verrebbero accolti in pompa magna con tanto di presenza di politici ed eminenze in aeroporto così com’è capitato alle due persone in questione. E nemmeno verrebbero ricevuti da un presidente della repubblica che il 25 aprile dice a tutti gli italiani – anche a chi come me non lo pensa – che devono sentirsi orgogliosi di essere i connazionali di due più che presunti assassini.

Ha ragione berlusconi: non è la sua sentenza ad essere mostruosa ma proprio la “giustizia”

L’arresto, con tanto di manette manco fosse un berlusconi qualunque, dell’ambulante a Roma è una vergogna che può succedere solo in un paese fatto di gente che non percepisce come più grave il reato che danneggia tutti. E che quindi è stata incapace di pretendere nel tempo una politica che non abbia sempre applicato poi nelle leggi che i Magistrati devono rispettare quando scrivono una sentenza i due pesi e le due misure in materia di giustizia, una cosa che qui da noi è diventata consuetudine [per informazioni, chiedere a berlusconi, Napolitano, Letta e Renzi]. Perché la maggior parte della gente sente come più grave il danno che la tocca personalmente. Il venditore ambulante di borse non danneggia nessuno. Le signore benestanti possono continuare ad andare a fare chilometriche file in quei negozi lussuosissimi dove si entra al massimo in tre per volta, acquistare portafogli in plastica da cinquecento euro e lasciare la libertà a chi pensa che un portafoglio non debba costare cinquecento euro di potersene comprare uno da trenta senz’aver derubato nessuno ma anzi, con la consapevolezza di aver evitato che l’ambulante si debba trasformare poi per necessità nel ladro che danneggia tutti.

***

“Sentenza mostruosa” Ma B. sembra una replica (Carlo Tecce) –  20 aprile

***

 

Berlusconi come da copione trascende nonostante l’obbligo imposto dalla finta condanna che deve ancora iniziare a scontare, non lo fa una volta ma due nell’arco di pochi giorni, nonostante l’avvertimento che, ad insulto alla Magistratura avrebbe perso il suo già non diritto ai servizi sociali. E non succede niente, sempre come da copione.

Mi piacerebbe essere ancora viva e abbastanza lucida così da potermi godere lo spettacolo del prossimo dittatorello eletto a furor di popolo, ché noi qua siamo bravi a produrne alla velocità del ventennio, quando rivendicherà anch’egli la pretesa di poter fare il cazzo che vuole e restare impunito perché ha il consenso del popolo, che in un contesto civile da paese normale dovrebbe costituire l’aggravante, non essere motivo di indulgenza. Pretesa che non potrà essergli negata perché è già stata concessa a silvio berlusconi, per questa Gloria Swanson in versione maschile, accompagnato al declino come fosse un malato terminale al quale nulla si nega e tutto si concede, circondato da un esercito di Cecil DeMille e tutti rigorosamente nel ruolo di loro stessi, ovvero,  spudorati senza vergogna che non fanno nemmeno più finta di non esserlo.

***

Evasori ed evasivi – Marco Travaglio, 22 aprile

Ha fatto il giro del web la foto dell’immigrato arrestato a Roma in piazza del Pantheon e trascinato in manette come un boss mafioso sotto gli occhi esterrefatti della gente impegnata nello shopping pasquale. Non aveva ucciso né picchiato né stuprato né scippato nessuno: vendeva borse taroccate. Naturalmente nessun garantista un tanto al chilo ha protestato contro la “gogna mediatica” e le “manette facili”, come avrebbe fatto se fosse toccato a qualche frequentatore di un palazzo lì vicino: Montecitorio. Intendiamoci: nessuno giustifica i contraffattori e i loro complici, che vanno perseguiti con severità, visto che sottraggono risorse non solo alle griffe della moda, ma anche al fisco e dunque alla collettività.

Ciò che stona non è l’arresto del venditore abusivo: è il mancato arresto di chi fa le stesse cose, frodando il fisco con i più svariati raggiri, ma resta a piede libero. C’è qualcosa di mostruosamente sbagliato in un paese che porta via in catene l’immigrato delle borse farlocche e intanto manda un frodatore incallito, condannato per 7,3 milioni evasi e miracolato dalla prescrizione per altri 300, a fare il volontario in un ospizio per 4 ore alla settimana per 10 mesi fra una campagna elettorale, un Italicum e una riforma costituzionale. Abbiamo dato volentieri atto a Matteo Renzi delle cose buone annunciate nel Def: gli 80 euro in più nelle buste paga più sottili, anche se escludono incapienti e pensionati, sono meglio di un calcio nel sedere; il tetto ai compensi dei manager pubblici e anche dei magistrati è sacrosanto; l’aumento delle tasse alle banche sul regalo miliardario delle quote Bankitalia è un’inversione di rotta dopo anni di bancocrazia (anche se era meglio evitare tout court quel pacco dono). Ma sulla lotta all’evasione la bocciatura è totale. L’altro giorno, intervistato da Repubblica , il premier ha dichiarato che l’evasione “non si combatte con nuove norme”, bensì con “la volontà politica di incrociare i dati” e “perseguire i colpevoli” con l’“uso massiccio della tecnologia”. La solita supercazzola. Per punire i colpevoli, occorrono pene severe e figure di reato efficaci che oggi non ci sono. Infatti il neocommissario anti-corruzione Raffaele Cantone le chiede eccome: prescrizione, falso in bilancio, autoriciclaggio e veri poteri alla sua Authority, oggi ridotta a ente inutile perché non può sanzionare le amministrazioni che non rispettano le regole. Si spera che Renzi sia così evasivo perché non conosce la materia e non perché teme di perdere voti alle prossime elezioni europee (i 10-11 milioni di evasori votano e fanno votare). Nel primo caso, può rimediare informandosi con qualcuno che ci capisca. Nel secondo, è in malafede e non c’è niente da fare. Come ricorda il pm milanese Francesco Greco, “il sommerso del Pil ammonta a 420 miliardi con mancate entrate fiscali per 180 all’anno”. Cifre spaventose che imporrebbero – dice Greco – “una spending review che riduca i costi della criminalità economica, anche con tagli lineari”. Ma nessuna delle slide delle televendite renziane dice niente sulla prima emergenza nazionale: basterebbe grattarne il 10% per far recuperare decine di miliardi, anziché elemosinare le briciole con le spending à la Cottarelli, le pochade delle auto blu su eBay e le false riforme del Senato e delle Province. Per farlo, occorrono proprio le “nuove norme” che Renzi non vuole. La prima è sull’autoriciclaggio, per punire finalmente chi reinveste in proprio il bottino dei suoi delitti e per garantire che il prossimo decreto sul rientro dei capitali dall’estero non diventi l’ennesimo scudo-condono. La seconda è sulla prescrizione, che garantisce l’impunità a qualunque colletto bianco che derubi la collettività. Ma, per approvarle, ci vuole una maggioranza diversa da quelle del governo (avete presente l’Ncd?) e delle riforme istituzionali (col partito dell’evasore e dell’evaso). I 5Stelle, anch’essi finora piuttosto evasivi, si facciano avanti e sfidino Renzi a presentarle, garantendo i loro voti. Tutto il resto è frottola.

 

 

Ma vergognatevi voi!

Sottotitolo: Napolitano agli azzurri: “siete lo specchio del paese”. Pensavo di aver capito male, avrei voluto aver capito male. Napolitano ci tiene proprio, evidentemente, ad essere ricordato più che altro per la famosa copertina che gli dedicò il Time definendolo “The king”. In effetti in un paese ridotto alla stregua di un feudo medioevale dove a gestire, comandare ma soprattutto intrallazzare  sono sempre gli stessi  personaggi indagati, inquisiti, talvolta condannati ma poi puntualmente riciclati, lavati e candeggiati ma non per questo tornati come nuovi, un re al posto di un presidente ci sta proprio bene, è la giusta figura degna a rappresentarlo.

A me questa leggenda delle italiche tradizioni non ha mai convinto.

L’evoluzione culturale, la civiltà di un popolo passano anche per la capacità di ridimensionare, imparare a dare il giusto valore alle cose. E  saper condannare quel che va condannato, senza sconti né giustificazioni.
Io non ci tengo per niente ad essere rappresentata, paragonata, accomunata a gente a cui piace il soldo facile e che pensa che tutti i mezzi siano buoni, anche quelli illegali, per accumularne ancora e ancora, così come mi sta profondamente sui coglioni chi dice che la politica che abbiamo è quella che ci meritiamo ancora di più detesto chi mi associa ad un manipolo di viziatelli arroganti che spesso si trasformano in delinquenti. E chi se ne frega se questo a Napolitano non piace. Buffon che parla di miserie in questo paese, riferendosi ai cosiddetti ‘detrattori’ è sintomatico di come la malattia di questo paese sia proprio incurabile, uno che scommette un milione di euro dicendo che è come comprare un quadro d’autore, parla della miseria intellettuale altrui, quella di chi, invece, evidenzia le miserie cercando di contrastarle, anche la sua.

Perdenti e lagnosi: Abete si vergogna di chi non ha tifato Italia, riferendosi anche lui alle dichiarazioni di Marco Travaglio non avendo evidentemente capito un cazzo di quel che Travaglio ha detto e scritto come la maggior parte di quelli che lo hanno criticato. E poi ha anche detto più o meno che niente di quel che attiene agli scandali e ai reati compiuti e commessi nel magnifico ed esemplare  ambito del calcio andrà a finire nel dimenticatoio,  chi ha sbagliato pagherà secondo il giudizio di chi è preposto a sentenziare sulle frodi sportive e cioè gli organi di competenza del calcio, ovvero  i giudici sportivi.

Dunque questo è un paese dove i processi vengono istruiti sulla base del ceto e del censo sociali, un feudo dove a comandare e a gestire le cose di tutti sono sempre i  soliti signorotti,  squallidi personaggi spesso con un  curriculum giudiziario, dei precedenti penali  che non gli permetterebbero neanche di fare il bidello in una scuola ma il presidente del consiglio sì, dove i politici vengono giudicati dai politici, gli sportivi dagli sportivi, i preti dai preti and so on.

Ma i giustizialisti  i detrattori, gli antitaliani  siamo – more solito – noi che non veniamo mai giudicati da persone come noi, per noi ci sono le botte, i pestaggi e la galera ordinaria.

Nel frattempo l’imbecille che per onorare questo paese come si conviene l’altra sera al Circo Massimo a Roma  sventolava la svastica nazista è stato arrestato, condannato a due mesi e venti giorni con la condizionale  e rimesso subito in libertà. Condannato solo per resistenza a pubblico ufficiale, non certo, e ci mancherebbe altro,  per il reato che non viene mai sanzionato e punito cioè quell’apologia del fascismo che in Italia sulla Carta è proibita ma nei fatti no. Ma in casi come questi Napolitano, chissà perché, non se la sente mai  di intervenire. Lui che dovrebbe essere, per restare nell’ambito che gli è così caro, il primo e l’estremo difensore della Costituzione, l’arbitro imparziale.

Questa gente qui, quella che Travaglio racconta nell’editoriale di oggi è quella stessa  che Napolitano corteggia con la sua solita viva & viBBrante soddisfazione elevandola a simbolo di questo paese per dire: e allora, vergogna di che, ma, soprattutto chi, si deve vergognare? Travaglio non è un detrattore ma un osservatore della società ed ha il dovere di ficcare il naso dove vuole e di esprimersi quanto e quando vuole. Lui ha detto semplicemente che una vittoria avrebbe significato mettere la pietra tombale sugli scandali del calcio, ed ha ragione, perché è già successo e sarebbe successo un’altra volta. Chi la letto l’editoriale di sabato e spero anche quello di oggi ha capito benissimo quel che voleva dire, gli altri, chi ha letto ma magari non si sforza nemmeno di capire, al solito ci marcia, ché lo sputacchio a Travaglio ci sta sempre bene. Ammenoché non scriva e parli delle malefatte di berlusconi, perché quando scrive e parla di quelle degli altri, ad esempio del piddì rischia lo stesso. Volevo anche ricordare agli smemorati che a lui, tifoso juventino, fu inibito l’ingresso allo stadio di Torino quando iniziò a scrivere di Moggi e delle frodi sportive che non erano e non sono leggende di chi vuole male al calcio e al paese ma sono tristissime realtà italiane.

E, aggiungo, si può essere italiani lo stesso anche senza incarnare il modello del tifoso “a prescindere”.

Dedicato a…
 Marco Travaglio, 3 luglio

A Giancarlo Abete, detto anche “cambio di vocale”: il presidente della Figc che si vergogna per quei due o tre che hanno osato dichiarare il tifo anti “azzurri”. Conservi la vergogna, se ha idea di cosa sia, per questioni più serie. Tipo quel tizio che nel 1979, ai tempi di Breznev e Andreotti, era deputato Dc; dopo tre legislature divenne dirigente pallonaro per meriti politici, senz’accorgersi di decine di Calciopoli; e dopo 23 anni è ancora lì a far la muffa; tant’è che Prandelli, vedendoselo sempre fra i piedi, è sbottato contro l’Italia “paese per vecchi”. Un tale Abete. L’insuccesso gli ha dato alla testa. A Giorgio Napolitano, che a 87 anni si scopre tifosissimo di calcio, ma si scorda di spiegare alla sua signora chi è il tizio che le siede accanto (tale Platini). Poi abbraccia Sbruffon che ha appena attaccato i pm del calcio-scommesse, anziché abbracciare i pm del calcio-scommesse. Infine scrive a Prandelli e telefona a Mancino, anziché scrivere e telefonare ai pm di Palermo che indagano sulla trattativa. A Mario Monti, altro neofita del pallone, che un mese fa voleva “chiudere il calcio italiano per 2-3 anni” per bonificarlo e l’altroieri ha scelto il momento e il luogo peggiore, Kiev, per assistere alla prima partita della sua vita. Con tanti saluti a Julia Timoshenko. Salvo poi lavarsi la coscienza con la letterina paracula al dittatore perché gli faccia vedere la prigioniera. Ma certo, come no.
A Capezzone che, parlandone da vivo, aspettava la vittoria per regolare i conti coi pm (“chiedano scusa a Buffon”). Fortuna che nessuno sragiona come lui, altrimenti ora che Buffon ha perso dovrebbe scusarsi coi pm. A Sergio Marchionne, che cercava di nascondere dietro la bandiera azzurra i disastri della Fiat incapace di vendere auto e rispettare i diritti dei lavoratori: “La finale la vince l’Italia”. Noto patriota con cittadinanza svizzera. Ai tromboni e trombettieri di giornali e tv, grondanti metafore, voli pindarici, ditirambi patriottardi sul “primo tifoso che porta fortuna”, l'”Italia torna a vincere non solo nel calcio”, il “fare squadra”, “l’Italia s’è desta”, le magnifiche sorti e progressive dei “tre Mario”, l'”asse fra Re Giorgio e Cesare Augusto”,
la fine del razzismo irrorata dalle lacrime di Supermario. Ma ande’ a ciapa’ i ratt. Al prototipo degli ultrà italioti, che a Como festeggia la vittoria coi tedeschi sparando fucilate e colpendo una bimba di 10 anni. Ai cosiddetti giornali del “VaffanMerkel” e del “Ciao ciao culona”, come se la Merkel tirasse rigori: ringraziate che in Spagna non esistono giornali equivalenti, sennò sai le risate. Ai pippaioli di Twitter, quattro comari che confondono il pallone con la realtà per saltare sul carro dei vincitori. Non ci sono abituati, ma devono accontentarsi di quello dei perditori. A chi mischia calcio e politica e viene punito col più impietoso dei contrappassi: non basta una bella partita per vincere il campionato. Al più grande biscottificio della storia dell’universo, il calcio italiano, che lanciava sospetti sul “biscotto” spagnolo e ha avuto quel che si meritava: un bel cappotto spagnolo. A Sandro Petrucci, presidente del Coni dalla notte dei tempi, altro dinosauro che deve aver ispirato la denuncia di Prandelli visto che bivacca fra Coni, Federcalcio, Federvolley, Federgolf e politica da 35 anni. L’altra sera gli è bastata una buona partita con la Germania per uscirsene col memorabile “lo spread lo dettano gli azzurri, le chiacchiere stanno a zero”.
Zero a quattro, per la precisione.