Otto milioni di euro per pagare spinelli? ma quanto sta la marijuana al chilo?

Io me la ricordavo più economica…

Otto milioni di euro. I sequestratori del ragionier Giuseppe Spinelli (ufficiale pagatore delle olgettine nonché contabile del portafoglio personale di Silvio Berlusconi) e signora potrebbero aver ricevuto questa somma o anche di più come riscatto della loro vita.[Il Fatto Quotidiano]

La moglie di Spinelli: “Ho tirato fuori un rosario e abbiamo cominciato a pregare.”
Che la storia reggesse.
[Nicoletta Notav]

Ogni volta che sta per sprofondare succede sempre qualcosa che fa in modo che si continui a parlare di lui; questa del fantomatico e quanto mai fantasioso rapimento del ragionier Spinaus sarà un’altra ed ennesima occasione per distogliere l’attenzione e concentrarla su questo personaggio che vuole esserci sempre ma che  per qualcuno invece ed evidentemente, ci deve essere.
Tutto per parlare di lui in qualità di vittima.
Sempre la solita storia, quella che fa pensare che ci sia qualcuno che si attiva alacremente,  lavora notte e giorno per non agevolare il declino naturale e definitivo di quest’uomo che tanto ha dato, ma soprattutto ha preso al nostro paese.
Uno che è sceso in campo e l’ha dovuto fare per il bene del paese e cioè il suo.
E’ davvero valsa la pena dedicare 18 anni meno qualche mese di azione politica quasi interamente spesa nell’abilitazione alla politica di un impostore prima e nel salvataggio dopo di un “delinquente naturale” [per sentenza di un tribunale] che poteva già vantare ottime referenze tipo aver ospitato un pluriergastolano mafioso in casa a fare da baby sitter ai figli [“affinché non facessero brutti incontri”: testuali parole del padre dei figli] quando gli fu concesso il capriccio di scendere in campo, uno circondato da collaboratori, amici e parenti che gente normale avrebbe paura e vergogna ad avere per vicini di casa.
Sono soddisfazioni; e questa è la politica che difende il nostro beneamato presidente della repubblica, quella tradizionale.
Deve essere una sensazione entusiasmante farsi tenere per le palle [è stato il collante per l’esistenza di tutto l’arco costituzionale di questi ultimi diciotto anni, “crollato” lui sarebbero caduti giù tutti molto peggio di quanto stia già accadendo ed ecco il motivo per cui viene ancora così considerato e aiutato]  da uno a cui le palle si saranno disintegrate a furia di farsele stritolare da porci, cani, mafiosi, papponi,  mignotte e dell’utri: tutto il peggio è passato nelle sue case e nelle sue cose.
Uno a cui il presidente della repubblica, invece di sgridarlo, faceva le coccole così come si fa col  figlio discolo a cui si concede il capriccio sperando che metta la testa a posto, per questo ha taciuto più e più volte quando firmava tutto l’inimmaginabile per paura che facesse nientemeno che il colpo di stato.
Un paese intero sotto scacco di un disonesto per natura, uno che non ha mai avuto la benché minima concezione di quel che significano parole come lealtà, onestà e rispetto e la loro applicazione nel concreto, cose che dovrebbero essere i fondamenti per la vita di un normale cittadino, figurarsi per chi aveva promesso la famosa rivoluzione liberale a gente evidentemente peggiore di lui che lo ha sostenuto e che sarebbe pronta a farlo ancora; uno sul quale si era già detto così tanto vent’anni fa per farsi passare la voglia perfino di prenderci un caffè al bar.
Ma invece di evitarlo –  ed evitarCElo soprattutto – di tenerlo a debita distanza, di porre rimedio al danno fatto quando qualcuno ha pensato che tutto sommato uno che aveva ricevuto in dono un partito politico da chi frequentava le sue case e cosa nostra potesse avere davvero i requisiti  giusti per fare il presidente del consiglio gli è stato permesso TUTTO; c’è stata una gara bi e tripartisan a chi lo accontentava meglio e di più.
E ancora oggi gli viene permesso di avere voce in capitolo nelle cose di tutti, nella politica: l’interlocutore da rispettare, ascoltare,  al quale stringere la mano e andarci – sobriamente -a pranzo insieme.

Le sue pigioni
Marco Travaglio, 20 novembre

In attesa di sapere se sappiamo proprio tutto del sequestro più pazzo del mondo, quello del ragionier Spinelli (“Spinaus” per gli amici e soprattutto le amiche), un elemento balza subito agli occhi: i rapitori dovevano conoscere davvero bene non solo i movimenti di Spinaus, ma anche l’indole profonda del Caimano. Intanto sapevano benissimo che, chiamato al telefono dal suo contabile e accortosi — come dice lo stesso Spinelli ai pm — che era tenuto in ostaggio da qualcuno, non avrebbe avvertito le forze dell’ordine (come nel 1975, quando evitò accuratamente di denunciare il primo attentato alla sua villa di via Rovani a Milano). Sapevano anche di potergli tranquillamente chiedere un riscatto senza timore di essere denunciati. Forse avevano letto le intercettazioni del 1986, quando B., subito dopo il secondo l’attentato in via Rovani, chiamò Dell’Utri per attribuirne la colpa all’amico Mangano (“un segnale acustico… ma fatto con molto rispetto, quasi con affetto”) e raccontare di aver detto ai carabinieri: “Se (Mangano) mi avesse telefonato, io 30 milioni glieli davo!”. O quelle del 1988 con l’immobiliarista Renato Della Valle, a cui B. confidò che la mafia minacciava di uccidere Piersilvio, ma lui naturalmente non aveva denunciato nulla, anzi: “Se fossi sicuro di togliermi questa roba dalle palle, pagherei tranquillo, così almeno non rompono più i coglioni”. O magari hanno letto la sentenza della Cassazione su Dell’Utri: fin dai primi anni 70 “Berlusconi raggiunse un accordo di natura protettiva e collaborativa con la mafia per il tramite di Dell’Utri” e pagò “cospicue somme a Cosa Nostra” senza mai denunciare alcuna estorsione. Di sicuro i sequestratori conoscevano i punti deboli di B.: siccome Dell’Utri per sua fortuna ha la scorta, era più semplice acciuffare Spinelli, l’altro custode di altrettanti segreti, non solo quelli di via Olgettina. E soprattutto sapevano quale esca usare per farlo abboccare all’amo e scucirgli qualche milioncino. Basta frullare insieme le parole-chiave Fini, giudici, De Benedetti, lodo Mondadori, Ruby e il gioco è fatto (poi purtroppo il capobanda
ha voluto esagerare con le scarpette rossonere del Milan, e s’è tradito). Spinelli racconta che, di fronte alla “rivelazione” di un complotto di Fini e dei giudici del lodo Mondadori, gli avvocati Ghedini e Longo scoppiarono a ridere, ritenendo impossibile che il presidente della Camera potesse (o volesse) pilotare il Tribunale di Milano. Ma il loro illustre cliente, come diceva Montanelli, “è un bugiardo sincero: crede alle bugie che racconta”.
Dunque questi rapitori sono anche dei sottili psicologi: sapevano che, per lui, Fini l’ha mollato a causa di un complotto, non semplicemente perché non ne poteva più di votare leggi vergogna; e, per lui, è a causa di un complotto se il Tribunale l’ha condannato a risarcire l’Ingegnere per lo scippo Mondadori, non semplicemente perché la sentenza che annullava il lodo l’aveva comprata Previti con soldi suoi. Insomma, sono andati sul sicuro. Il fatto, poi, che fossero dei pregiudicati li rendeva ai suoi occhi più affidabili: come fossero di casa. Lui ha provato a farli scappare, ritardando di 16 ore la denuncia del sequestro (“fatto con molto rispetto, quasi con affetto”). Purtroppo non è riuscito ad abolire le intercettazioni e a estirpare quel cancro della Boccassini, così quelli sono finiti in galera. Resta il fatto che ormai il primo che passa, anche un albanese, può chiedergli ciò che vuole (soldi, gioielli, donazioni, candidature, affitti gratis, acquisti di ville a prezzo doppio) dicendo di sapere qualcosa di lui: e il pover’ometto, nel dubbio che sia vero, paga. Ecco perché si rifugia sempre più spesso in Kenya. Se resta due giorni di seguito in Italia, lo spolpano. Per lui Briatore è la madonna consolatrice degli afflitti. Anzi, degli affitti.

Le bugie hanno le carriere corte [nei paesi normali]

Sottititolo: Verrebbe voglia di votarlo davvero il movimento, non foss’altro che per fare un dispetto a questi disgraziati disonesti che prima hanno distrutto la politica e adesso vogliono dare la colpa al “buffone dittatore” che, fino a prova contraria, colpi di stato non ne ha ancora fatti. A differenza di un parlamento che spesso ha mascherato veri e propri golpe antidemocratici e anticostituzionali con azioni legittime. schifani che ammette che una legge elettorale non può essere favorevole al movimento di Grillo fa parte di una classe politica indecente che deve andare a casa, non ci può stare gente così nel parlamento di una repubblica, capito presidente Napolitano? perché se questa è la politica tradizionale che piace tanto a lei, che difende tutti i giorni agli italiani no, non piace più;  bisognerebbe che qualcuno ne prendesse atto, e anche con una certa urgenza.

Processo Ruby, le ‘Olgettine’ rivelano
“Berlusconi ci passa 2.500 euro al mese”

Berlusconi continua a pagare le ragazze delle “cene eleganti” di Arcore. Toti, Espinoza, Visan, Polanco e De Vivo confermano: “Ci dava un aiuto allora e ce lo dà anche adesso”. Nella scorsa udienza la notizia degli acquisti immobiliari da Apicella e Mariani (leggi)

Petraeus ad Obama : “Lascio il mio incarico,  ho avuto una storia extraconiugale “.

Panico a Montecitorio: verrebbe a mancare il numero legale. [Enrico Bertolino]

Fa quasi tenerezza David Petraeus che si dimette – ufficialmente perché sembra che i motivi siano altri ma tant’è  [a me comunque va benissimo tutto quel che può essere utile a screditare questa classe politica d’indecenti che ci tocca subire. Poi è chiaro che i motivi delle dimissioni risiedono altrove e non nel tradimento che comunque non è un reato, intanto però le ha date o, per meglio dire lo hanno sollecitato a farlo, e tanto basta per fare la differenza coi fattacci di casa nostra che nessuno ha disturbato per non “violare la privacy” di un satrapo viziato al quale, invece,  nessuno ha chiesto di dimettersi] –  non da presidente del consiglio o di regione in  un paesello  ridicolo nel quale non si dimette mai nessuno per motivi molto più seri e gravi,  ma da capo della CIA perché pensa che avere una relazione extraconiugale sia motivo di disdoro per la carica che ricopre.
Avere una relazione extraconiugale invece rientra perfettamente in quella sfera della vita privata in cui a nessuno dovrebbe essere consentito ficcare il naso, non significa affatto essere persone inaffidabili e gli eventuali rimorsi e sensi di colpa sono  un fatto  altrettanto privato e  personale.
Avere un’amante non è uguale ad essere un vecchio erotomane delinquente che sfrutta ragazzine minorenni per sfogare le sue perversioni e se ne vanta, non vuol dire avere rapporti stretti coi mafiosi, non è lo stesso che rubare soldi dei contribuenti per vacanze, automobili, feste e molto, troppo altro.
Tutte cose che qui sono accadute davvero ma che non hanno provocato purtroppo  quell’effetto tabula rasa che sarebbe stato invece opportuno e assai gradito.
Come c’insegna il celeste ayatollah “la responsabilità è individuale”, e quindi dobbiamo aspettare che ne arrestino uno per volta, la retata finale può attendere.
Diverso è quando una relazione extraconiugale può diventare motivo di ricatto, e se Petraeus ha scelto l’umiliazione della confessione pubblica con conseguenti dimissioni  riguardo ad un fatto personale, significa che il suo senso di responsabilità vale il doppio indipendentemente dal  motivo,  perché vuol dire non aver ceduto ad un ricatto oppure non voler offrire nessun pretesto per essere ricattato.

Questo signore si è dimesso UFFICIALMENTE in rispetto ad un principio MORALE, checché ne pensino i fautori di quella teoria strampalata circa la difesa della vita privata di chiunque, anche di chi ha ruoli istituzionali, che ha fatto in modo che uno sciagurato che di notte faceva le orge con le ragazzine  e il giorno andava a farci fare figure indecenti nazionali e  internazionali sia potuto restare al suo posto senza che nessuno alzasse un sopracciglio  perché tutti invocavano il rispetto per la privacy di un signore che, in fin dei conti aveva solo uno stile di vita un po’ vivace. Ci sono voluti almeno due anni perché più gente capisse che quello di berlusconi era un sistema col quale stava svendendo l’Italia un tanto al pezzo a chi lo ricattava e non una faccenda da  “ognuno nel suo letto ci porta chi gli pare”.
 E non solo non si è dimesso per i fatti di HardCore e dintorni né nessuno gli ha chiesto espressamente di farlo, ma ancora oggi paga tutti – soprattutto tutte – esattamente come faceva da presidente del consiglio  praticamente alla luce del sole e non succede niente: non è meraviglioso?

Obama, l'”abbronzato”, non vede l’ora

La Papi-girl vestita da Obama: la notizia sui siti nel mondo

La solita figura di merda a livello planetario. Chissà che pensa oggi il polillo ridens, se crede ancora che il satrapo depravato pervertito abbia salvato la democrazia e che per questo meriti di soggiornare al quirinale anziché in una clinica per malattie mentali così come aveva suggerito sua moglie già tre anni fa, ben prima delle ultime e squallidissime vicende.

      

Preambolo: sono sempre prevedibili, natale viene sempre il 25 dicembre e il colpevole, valà, è il maggiordomo. Che barba & che noia.

Sottotitolo: Alle cene eleganti dell’ex tizio, le zoccole si travestivano da Obama. Agli incontri ufficiali internazionali, i premier stranieri – minchia di fuori – usavano le zoccole gentilmente offerte dal tizio del Consiglio italiano. Non vedo l’ora che lo facciano presidente della Repubblica. [Rita Pani]

Diventare Presidente della Repubblica non è mia ambizione, ma ci sono responsabilità che non si possono ignorare.
(Silvio Berlusconi, 25 maggio 2012)

Come scrissi tempo fa un giro sulla ruota del quirinale glielo farei fare. Chi, meglio di lui può rappresentare alla perfezione questa Italia? così almeno il mondo intero cucirebbe attorno a questo paese un robusto cordone sanitario così come si fa coi paesi definiti “canaglia” e potremmo finalmente sapere e capire se gli italiani sentono quel boom che avrebbero dovuto già sentire da svariati anni o sono sordi come Napolitano che non si accorge mai di niente, visto che pensa che nei vent’anni trascorsi dalle stragi di mafia qualcuno abbia fatto davvero la lotta alla mafia, oltre a quei magistrati coraggiosi, quelli che vengono accusati poi di eversione, di essere comunisti,  perché si proclamano difensori dello stato e della Costituzione.

E’ inutile che ci si scandalizzi così tanto all’idea; del resto c’è un sottosegretario di QUESTO governo, raccomandato da un piduista, che lo ritiene il salvatore della democrazia, e non mi pare che in questi cinque mesi la sua figura sia stata sminuita ma, al contrario si è  spesso parlato di continuità ‘significative’.

Quelli che avrebbero dovuto buttarlo giù dalla torre continuano a legittimarlo, poi quando un bel mattino quello si alza dal letto e dice che gli piacerebbe soggiornare i prossimi sette anni al quirinale invece che nelle ville dell’ammmòre ci strappiamo i capelli? dice bene Don Paolo nell’articolo che ho postato, Monti avrebbe dovuto fare quello che doveva, e ad ogni impedimento andare in televisione a dire: “signore e signori, non sono io il colpevole ma un parlamento che fa ancora gl’interessi di un malfattore”.

Così avrebbe fatto un figurone, invece coi suoi comportamenti, e anche quelli dei suoi collaboratori sobri l’unico effetto che ha prodotto è stato quello di farsi detestare.

Polillo alla Zanzara: Berlusconi trattato peggio di Al Capone, spero vada al Quirinale

DON PAOLO FARINELLA – Mario D’Azeglio e Massimo Monti

Ai tempi di Cavour, quando le vacche si chiamavano vacche e i maiali, maiali, Massimo D’Azeglio, politico del Regno di Sardegna e dell’unità d’Italia, meglio noto come «sporcaciun» diceva:

«I più pericolosi nemici d’Italia non sono gli Austriaci, sono gl’Italiani. E perché? Per la ragione che gl’Italiani hanno voluto far un’Italia nuova, e loro rimanere gl’Italiani vecchi di prima, colle dappocaggini e le miserie morali che furono ab antico il loro retaggio; perché pensano di riformare l’Italia, e nessuno s’accorge che per iuscirci bisogna, prima, che si riformino loro, … Il primo bisogno d’Italia è che si formino Italiani dotati d’alti e forti caratteri. E pur troppo si va ogni giorno più verso l’opposto: pur troppo s’è fatta l’Italia, ma non si fanno gl’Italiani» (Massimo Taparelli D’Azeglio, I miei ricordi, Firenze, Barbera 1891, pp. 4-5).

Al tempo di D’Azeglio era l’alba dell’unità d’Italia, al tempo di Monti è il tramonto di una Italia che ha fallito il proprio compito, calpestato da coloro che avrebbero dovuto esaltarlo. La degenerazione dei politicanti ha portato costoro a servirsi dell’Italia, piuttosto che servire il popolo. Un altro sottosegretario di Monti, guarda caso proveniente dall’area del Pdl si è dovuto dimettere per corruzione e istigazione all’evasione fiscale. Ora Monti dice che vuole rifare l’Italia, addirittura che la vuole salvare. E che fa il nostro D’Azeglio «tecnico»? Consulta Berlusconi per nominare i responsabili della Rai e delle Agenzie di garanzia. Sarebbe come dire al lupo: «tienimi l’agnello, mentre mi assento un attimo».

Anche Monti ha perso la sola occasione che poteva dargli lustro e onore: mettere al primo posto il bene della Nazione, fare pagare a tutti, in proporzione delle proprie entrate; fare pagare agli evasori quattro volte quello che hanno rubato; togliere pesi mortali ai poveri; abolire l’abolizione del falso in bilancio; fare una ferrea legge sulla corruzione e sulla concussione; non guardare interessi di parti, invece di cincischiarsi sugli interessi di un singolo e di un malavitoso. Non lo avrebbero votato: poteva fare due cose: andare in Parlamento e dire: “Signore e Signore, voi siete i responsabili dello sfracello, votatemi contro se lo ritenete, ma fatelo davanti a tutto il popolo e che sia certificato”.

Poi andare in Rai e dire: “Italiane e Italiani, questo, quello e costui hanno votato contro per questo motivo e per quest’altro motivo. Sono venuti da me a chiedermi di fare questo e quello. A costoro non gliene frega niente di voi, vogliono portare a casa interessi personali e il signorotto di Arcore vuole solo salvarsi il sedere e le sue aziende. Quando andate a votare, tenete conto. Io non ci sto. Voi, popolo bue, siete liberi di suicidarvi con le vostre stesse mani. Non sarò certo io a tirare lo sciacquone”.

Avremmo avuto un nuovo Massimo D’Azeglio, invece dobbiamo sopportare un Mario Monti qualsiasi di una qualsiasi Bocconi e senza sconti.