Dell’italica ipocrisia, della vita e della morte

Sottotitolo: La vita non è sempre degna di essere vissuta; se smette di essere vera e dignitosa non ne vale la pena. [Mario Monicelli]

***

Nella vecchiaia, quando è malattia, perdita delle funzioni vitali, della propria indipendenza, autonomia psichica e fisica, dell’impossibilità di poter gestire in proprio anche le più elementari abitudini come mangiare, lavarsi, andare in bagno, non c’è proprio nulla di romantico. La vecchiaia non è un bello spettacolo, nulla che valga la pena di protrarre oltremodo solo per dire che si è vivi o, peggio ancora, per soddisfare l’egoismo delle persone che si hanno intorno, quelle che “anche così, purché sia qui”.
Chiunque abbia avuto esperienze di assistenza a persone molto anziane e malate sa. Morire quando il ciclo di vita si è compiuto non è una tragedia, le tragedie sono altre, quelle giovani vite, quei bambini morti in mare, ecco quella è una tragedia immensa, dalle proporzioni gigantesche. E non sarebbe tragedia scegliere di porre fine alla propria esistenza prima che la condizione fisica dell’autonomia e dell’indipendenza necessaria ad una vita per essere considerata tale abbandonino mente e corpo.
La tragedia è vivere in un paese dove chi sopravvive ad una strage che si poteva e doveva evitare viene indagato perché ha commesso il reato di restare vivo.
Scegliere di poter mettere fine alla propria esistenza da vivi e non da morti che respirano magari con l’aiuto di macchine che tengono in vita ciò che vita non è fa parte di quei diritti  che devono essere concessi a tutti.

La mia stima e ammirazione rispettose a Carlo Lizzani, che come Mario Monicelli ha avuto la sapiente genialità di dire addio alla vita prima che la vita dicesse addio a lui, a modo suo, portandogli via la dignità.

***

Noi che restiamo, la morte, l’Altro Alessandro Gilioli

Credo che questo epocale cambiamento di condizione scientifica e di ’sentimento’ religioso ci costringa tutti – tutti noi che provvisoriamente restiamo – a fare un po’ di conti.

Primo, sul fatto che allungare la vita non serve a niente se contemporaneamente non si riesce anche ad ‘allargarla’, a renderla degna di essere vissuta per condizioni fisiche e mentali, per felicità quotidiana.

Secondo, sul fatto che quando uno ha davvero deciso di chiudere ha diritto legale a farlo nel modo meno doloroso e violento possibile, liberi dalle ipocrite leggi che ci costringono a buttarci da una finestra, scritte quando ancora si credeva che il padrone delle nostre vite fosse sempre e comunque un Altro.

***

E’ incredibile come molti si ricordino del rispetto per la vita solo in determinate situazioni e in altre no.

Se tanta attenzione per la vita ci fosse quando questa è davvero vita forse ci sarebbe meno ipocrisia in giro.

In questo paese da dieci anni esiste una legge, la bossi fini che, de facto, impedisce di salvare delle vite e di cui ci si ricorda soltanto quando ne vediamo gli effetti applicati alla realtà; ovvero quando produce la morte di persone che non volevano morire ma, al contrario, speravano di riuscire a fuggire dalla morte. Ed è una legge sulla quale nessuno intende mettere mano perché non produrrebbe gli effetti desiderati da una politica sempre meno interessata alla vita ma sempre più interessata a se stessa.

Diverso è per la legge sull’aborto sulla quale invece moltissimi vorrebbero ancora, a trent’anni dalla sua approvazione, dall’approvazione di una legge civile che permette di decidere in autonomia, quando e se ci sono ragioni sufficientemente importanti, serie e gravi per farlo, di non far proseguire una vita quando non è ancora tale.

E, nel paese che galleggia nell’ipocrisia fa scalpore un suicidio quando a decidere di mettere fine alla propria esistenza sono persone avanti con gli anni e dalla cultura più che superiore, in grado quindi di capire quando il loro viaggio terreno è terminato.
Anche in questo caso bisogna assistere alla solita pletora dei giudicanti: quella che la vita è sempre vita e che bisogna rispettarla e attenderne la fine “naturale”: come Dio comanda.

Io invece, che ho scelto in totale autonomia e nel pieno del possesso della mia indipendenza fisica e psichica di non dover ricorrere a nessun Dio che mi suggerisca cosa è meglio fare e pensare continuo ad essere convinta che nessun Dio, per come ce lo raccontano: buono, giusto, colui che ha creato la macchina perfetta della natura e dell’uomo e della donna, vorrebbe mai veder disprezzare così la sua genialità.

E non vorrebbe mai veder morire innocenti nelle guerre o quelli che da una guerra scappano finire in fondo al mare perché qualcuno pensa che il diritto alla vita si possa negoziare in base alle convenienze e agli opportunismi politici.

E nemmeno vorrebbe, come piacerebbe a certi difensori della vita anche quando non è più tale, che la sua creazione perfetta venisse svilita in virtù di quell’ipocrisia che in questo paese impedisce una legge seria su un fine vita dignitoso, ovvero prima che la vita ci abbandoni da vivi e che ciclicamente fa tornare sul tema dell’aborto che permette di poter scegliere di non dare il via ad un’esistenza quando non sarebbe tale proprio in funzione del rispetto per la vita: del figlio e della madre.

Sul Foglio del sempre molto intelligente ferrara, quello che voleva portare nella politica una lista per la vita e contro l’aborto oggi qualcuno ha scritto che la soluzione per fermare le stragi dei profughi e di chi tenta di fuggire da situazioni impossibili per la vita consiste nell’ammazzare chi porta qui quelle vite disperate: dunque per difendere la sovranità del territorio ci si può dimenticare di quel rispetto per la vita sbandierato soltanto quando serve a fare gli interessi di qualcuno ma del quale poi ci si può dimenticare quando si dovrebbe mettere in pratica sul serio.

Niente. E così sia

Sottotitolo: “La Chiesa non condanna il peccatore ma il peccato.”

[“Inoltre la Chiesa condanna il peccato, non il peccatore quando questi fa un certo cammino”. “Questi soloni che imperversano, dicendo che la Chiesa è ipocrita non sanno niente della Chiesa. Anche Gesù andava dalle prostitute perché si convertissero. Io sono andato tante volte a casa di Lucio e c’era anche Marco Alemanno, e non ho mai visto nulla. Davanti al Signore ogni cosa viene ricomposta, al di là delle nostre fragilità. Non vedo perché io debba fermarmi di fronte a etichette che servono solo a far parlare. Quel che è prevalso è che lui era un credente. E questo dovrebbe prevalere sempre”. Bernardo Boschi]

Nel caso di Welby, evidentemente, non è prevalso.

Ogni occasione di dialogo che si perde non tornerà mai più.

Di chi è la colpa se per parlare di qualcosa, di un problema che c’è serve sempre il fatto eclatante? per riparlare del diritto a scegliersi un fine vita dignitoso c’è voluta la genialità di un uomo che si è suicidato a 95 anni, solo una manciata di mesi prima un emerito cialtrone disse, di una donna immobilizzata a letto da 17 anni, che ‘poteva ancora procreare’, e lo disse soltanto per ottenere la compiacenza delle eminenze in gonnella che tutto gli hanno contestualizzato e perdonato, dalle amicizie pericolose alle mignotte passando per la bestemmia permettendogli finanche di accostarsi all’Eucaristia da divorziato, dunque da peccatore imperdonabile secondo i dogmi della chiesa.

E in questo paese non c’è ancora una legge che permetta alle persone di scegliere come morire, una legge che invece c’è in tutti i paesi civili.

Mi è dispiaciuto molto leggere e  ascoltare ancora e ancora che la vicenda di Dalla è una questione personale, perché anche se lo è, prenderla a pretesto per riportare alla pubblica attenzione la questione dei diritti degli omosessuali è doveroso; chi invece rinuncia non rende un servizio utile né all’informazione né tanto meno a quella giusta causa che si chiama UGUAGLIANZA.
Sono proprio contenta che Travaglio invece non abbia scelto di aggiungersi alla pattuglia del giornalismo dell’ “erano affari suoi”, o per meglio dire lo ha fatto ma con molto più stile visto che anche a lui come a molti di noi non è sfuggito che da un’occasione importante sebbene triste un paese civile dovrebbe saper trarre degli insegnamenti.

E soprattutto sono contenta che non abbia contribuito anche lui all’oscurantismo e alla censura di chi ha evitato accuratamente di usare la parola “compagno” come se fosse un insulto, qualcosa che è meglio non far sapere.
Io mi chiedo cosa abbiamo fatto di male noi italiani per meritarci di essere trattati da imbecilli anche da un giornalismo e da una stampa solitamente molto più disinvolti quando si tratta di altri argomenti ma che, di fronte alla possibilità di aprire una discussione circa quei diritti che qui mancano hanno tirato indietro la manina nascondendosi ridicolmente dietro il rispetto per la persona.

Un rispetto che nei fatti non c’è e non c’è stato, perché non c’è rispetto per nessuno in un paese dove un uomo non può dire liberamente di amare un altro uomo e una donna per legalizzare la sua unione con un’altra donna deve andarsene in un altro paese come ha fatto Paola Concia.

Non c’è rispetto né civiltà in un paese dove nemmeno quella stampa e quel giornalismo che si definiscono liberi  hanno il coraggio di dire e scrivere che il vaticano è il più grande diffusore di ignoranza e falsi concetti presente sulla faccia della terra. Il primo costruttore di giudizi e pregiudizi di cui poi si nutrono miliardi di persone.

E’ la chiesa ad aver strumentalizzato Dalla, una chiesa che ha protetto i pedofili per decenni e ancora sale in cattedra perché nessuno si oppone a questa tirannia. Dalla che in altri tempi sarebbe finito su un tavolo di torture o sul rogo ma oggi dobbiamo sorbirci ancora la morale per bocca del padre spirituale di Dalla che ha detto di aver frequentato spesso la casa dove lui abitava col suo COMPAGNO ma che “non si è mai accorto di niente”: e di cosa avrebbe dovuto accorgersi?   
E’ il potere cattolico che va urgentemente  ridimensionato, perché in Italia è peggio della Piovra.

Niente comunque potrà mai superare lo scandalo dei funerali religiosi negati a Piergiorgio Welby.

Lucio e Marco –  Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano, 6 marzo

 

    Lucio Dalla fa miracoli anche da morto. Il funerale proprio il 4
    marzo nella sua Piazza Grande. L’abbraccio di tutta Bologna e di un
    bel pezzo d’Italia dentro e fuori San Petronio, dopo due giorni interi
    passati ad ascoltare le sue note sparse nell’aria della sua città. E
    soprattutto il saluto finale di Marco Alemanno, il suo giovane
    innamorato, che ha straziato ma anche rinfrescato l’atmosfera della
    vecchia basilica, strappando l’unico applauso non stonato (per il
    resto, gli applausi in chiesa sono sempre stonati): l’applauso
    liberatorio per un gesto che ha squarciato il velo di tanta ipocrisia
    e anche, diciamolo pure, di tanta omofobia.

    Non so se fosse previsto – nel rigido cerimoniale fissato dalla Curia
    bolognese, così rigido da negare a tutti noi persino un ritornello,
    una nota delle sue canzoni – che Marco leggesse, oltre al testo del
    brano “Le rondini”, anche il suo ricordo personale degli ultimi anni
    vissuti accanto a Lucio: quel ricordo che si è concluso con un
    “grazie!” urlato e commosso proprio sotto l’altare.

    Può darsi che si sia trattato di un fuori programma che ha colto di
    sorpresa anche qualcuno dei preti concelebranti avvolti nei paramenti
    viola-quaresima. Certo era voluto l’affettuoso accenno che padre
    Bernardo Boschi, amico e confessore di Lucio, ha dedicato a Marco
    nell’omelia (“questo tonfo… quasi crudele, vero Marco?… ci ha
    lasciati tutti più soli, più tristi”).

    Ma, sia che la cosa fosse prevista, sia che fosse un fuor d’opera,
    meglio così: è stata una benedizione anche per chi, come il
    sottoscritto, pensa che la vita sessuale di una persona sia un fatto
    privato, salvo che la persona stessa non decida di metterlo in
    pubblico.
    Su questo hanno detto e scritto in tanti, dopo l’aspra invettiva-
    provocazione di Aldo Busi.

    Ma, comunque la si pensi, è un fatto che Lucio Dalla abbia condiviso
    gli ultimi anni della sua vita (i più sereni, fra l’altro, per unanime
    riconoscimento degli amici più cari) con un giovane uomo: Marco
    Alemanno, appunto.

    Quel che è accaduto in San Petronio, anche se non voluto fino in
    fondo, fa bene alla Chiesa: le scrolla di dosso un’immagine
    sessuofobica e omofoba che tanti dolori ha provocato a molti credenti
    omosessuali e soprattutto ai loro famigliari e che ancora, al funerale
    di domenica, è echeggiata nelle parole di monsignor Gabriele Cavina,
    numero tre della Curia bolognese, che ha presentato Alemanno come
    “collaboratore” di Dalla e ha rammentato il dovere della confessione e
    della penitenza per non “accostarsi all’Eucarestia in peccato
    mortale”. Un precetto che molti han trovato superfluo e soprattutto
    stonato, in quel contesto.

    Ma il piccolo miracolo di San Petronio fa bene anche al mondo
    dell’informazione che, se possibile, riesce talvolta a essere più
    ipocrita e omofobo persino di certe gerarchie ecclesiastiche,
    ossessionate dal sesso e digiune d’amore. Prima che Marco ci liberasse
    con un semplice grazie da tante tartuferie, molti giornali, tv e siti
    web l’avevano presentato come “amico”, “collega”, “stretto
    collaboratore” e altri ridicoli e imbarazza(n)ti giri di parole per
    non usare la più bella e la più semplice delle espressioni: compagno
    innamorato. In prima fila, in basilica, c’erano politici di destra e
    di sinistra che per anni sono stati al governo o in Parlamento e non
    sono riusciti, anzi sono riusciti a non dare all’Italia una legge che
    riconosca i diritti minimi a due innamorati di sesso “sbagliato”.

    Conoscendo Lucio, quei politici sapevano tutto di lui e di Marco: a
    loro quel che è accaduto in San Petronio non ha rivelato nulla. Se
    ora, usciti di chiesa e tornati in Parlamento, la presentassero e la
    votassero tutti insieme, quella legge che manca solo all’Italia,
    compirebbero un gesto semplicemente doveroso, soprattutto per i non
    famosi. Un gesto tutt’altro che coraggioso, perché ci vuole un bel
    coraggio a non compierlo.

    Sarebbe l’ultimo miracolo di Lucio.

Un anno fa Mario, ieri, Lucio…

Come Monicelli un anno fa, un’altra bandiera se n’è andata, decidendo lucidamente e coraggiosamente della propria vita. Entrambi uomini liberi, fino alla fine.

 

.

“La realtà è che quando un clericale usa la parola libertà intende la libertà dei soli clericali (chiamata libertà della Chiesa) e non le libertà di tutti. Domandano le loro libertà a noi laicisti in nome dei principi nostri, e negano le libertà altrui in nome dei principi loro” (Gaetano Salvemini)

La vita non è sempre degna di essere vissuta; se smette di essere vera e dignitosa, non ne vale la pena. (Mario Monicelli)

.

Morale  ipocrita e senza misericordia quella che costringe Magri a “emigrare” e a viaggi con biglietto di sola andata o a gesti estremi come quello di Mario Monicelli, per porre fine a una vita fatta di dolore insopportabile.

.

   Roma 29 Novembre 2011

Spero, voglio sperare che la vicenda umanissima di Lucio Magri, che ha deciso di non soffrire più, e ha posto fine al suo dolore, sia di ammonimento e insegnamento.
Magri riteneva intollerabile vivere, preda di una depressione che lo faceva scivolare inesorabilmente in un “buio” provocato da ragioni pubbliche e private che sono insondabili e non vanno giudicate. Per porre fine al suo dolore, ha però dovuto “emigrare”, un viaggio con un biglietto di sola andata, in Svizzera. Questo perché viviamo in un paese dove vige una regola ipocrita, quella del “si fa ma non si deve dire”: la regola dove la maggioranza dei medici e degli infermieri quando vengono interpellati, ammettono che sì, a volte la morte può essere preferibile a un residuo di vita fatta di dolore insopportabile e inutile; dove l’eutanasia si pratica al di là di ogni regola e controllo, perché la mano pietosa di un medico e di un infermiere compie quell’estremo gesto di misericordia che la legge e una “morale” immorale vieta; dove o lo si fa clandestinamente, oppure si è costretti a emigrare come Magri, o si devono compiere gesti di “rivolta” estrema come Mario Monicelli. Dovremmo sapere quanti anziani che si tolgono la vita in modo tragico, gettandosi da una finestra, da un ponte, o impiccandosi, lo fanno perché malati incurabili e vittime di atroci dolori, perché non hanno la possibilità di una morte pietosa e dignitosa che vorrebbero, e viene loro negata. Ma perfino un’indagine conoscitiva del fenomeno, è stata negata.
Rendo omaggio a Lucio Magri, come già lo resi a Mario Monicelli, vittime e martiri di questa morale assurda e ipocrita come lo furono Luca Coscioni, Piergiorgio Welby e Giovanni Nuvoli e i tanti di cui non conosciamo neppure il nome.
Continuerò, con le mie compagne e i miei compagni radicali la lotta per la dignità della vita e del morire, così come la chiedeva, anzi la ESIGEVA Indro Montanelli e tanti con lui. Perché non si sia più costretti a gesti estremi come Monicelli, a viaggi solo di andata, come Magri.  (www.lucacoscioni.it)

.


Hasta la victoria, siempre…

.