Di proibizionismi, educazione, giovanardi e cose del genere [cose brutte]

Se progredisse l’educazione familiare, se si abolissero dall’educazione dei figli quelle ipocrisie e il perbenismo tipico di chi sa che le cose succedono e si fanno ma preferisce non occuparsene, pensare che non siano un problema di tutti,  si evolverebbe anche la civiltà comune. I figli respirano tutto quello che avviene in casa, si nutrono di esempi, e più quegli esempi sono positivi meno si rischia di allevare generazioni di imbecilli  e di giovanardi  che pensano che la soluzione sia vietare e proibire quello che è impossibile vietare e proibire. E bisogna educare i figli  facendo in modo di evitare alle nuove generazioni di posdatare certe esperienze in periodi della vita in cui si dovrebbe avere già una conoscenza delle cose. Un discorso che si potrebbe anche allargare al sesso. Chi si prende le sue libertà prima, impara a conoscere altro  prima di fermarsi col compagno e la compagna della vita eviterà di avere poi  il desiderio che si tradurrà in errori dopo, quando sarà inevitabile quella curiosità di andarsi a cercare quello che non ha sperimentato all’eta giusta.

***

Ho iniziato a fumare intorno ai quindici anni, e più o meno è stata l’età in cui ho cominciato anche a pagare di tasca mia il pacchetto di Muratti da dieci che poi nascondevo ovunque per non farmi scoprire dai miei.

Ma nonostante gli sforzi non ci sono riuscita. 
Un giorno mia madre mi fa: “so che fumi, ti hanno vista”, dopodiché non mi ha detto idiozie sul genere “guai a te se lo rifai” promettendo e minacciando tutte le punizioni del mondo. Mi ha semplicemente detto: “è meglio se qualche sigaretta da oggi in poi la fumi a casa”. 
Da donna intelligente qual era ha capito che impedire qualcosa che io avrei sicuramente continuato a fare sarebbe stata una fatica inutile. 
E che se l’avessi continuata a fare di nascosto non mi sarei controllata, mentre sapere di potermi fumare una sigaretta dopo pranzo e dopo il caffè senza dovermi nascondere avrebbe evitato che me ne fumassi dieci  quando non ero in casa.
Ma mia madre era una donna speciale, oggi si direbbe che era “avanti”.
Così tanto che un giorno arrivò a dire al mio fidanzato e futuro marito: “non portare mai mia figlia in posti pericolosi, se volete stare tranquilli quando siete soli vi do io i soldi per l’albergo”.
Mia madre era una donna che in tempi molto diversi da quelli attuali aveva capito che proibire quello che non si può evitare era perfettamente inutile. 
Forse perché lei aveva dovuto subire un’educazione severa non solo dai suoi genitori ma anche da tre fratelli che non gliene hanno mai perdonata una. 
Ai suoi tempi i genitori delegavano, e il fratello maggiore aveva la stessa autorità di un padre. Mia madre ha preso le botte da suo padre fino a quindici giorni prima di sposarsi perché invece di rientrare alle otto di sera era rientrata alle otto e un quarto, e non aveva diciotto anni ma ventiquattro.

Dunque che significa tutto questo? Semplicemente che uno stato per mezzo dei suoi governi che sa che le persone manterranno – indipendentemente dai divieti e dalle minacce – le loro abitudini come fumare, non solo il tabacco ma anche la marijuana e non si attiva per evitare che quelle abitudini diventino un rischio personale e delega alla criminalità e alle mafie la gestione di quelle abitudini non è uno stato serio.
E’ uno stato che fa come avrebbe fatto un’altra madre al posto della mia vietando a sua figlia di fumare sapendo benissimo che quella figlia non avrebbe smesso. 
E’ uno stato vigliacco che dice ai cittadini: “continua pure a farti le canne ma senza il mio permesso”. 
Un permesso che invece eviterebbe l’abuso, il rischio di fumare erba mischiata a sostanze pericolose ma soprattutto eviterebbe di far ingrassare il mercato della criminalità che ruota attorno a tutto ciò che non è illegale ma, grazie ai governi poco seri che delegano o pensano addirittura di proibire con la minaccia della galera, ci diventa. 

La questione della liberalizzazione delle droghe leggere è identica a quella della prostituzione.  Non è necessario fumarsi la canna così come non lo è prostituirsi e comprare carne umana [ma nemmeno giocare alle slot machine, grattare e s_vincere, ubriacarsi] ma, siccome sono cose che si fanno,  che fanno parte dell’uso personale di se stessi impossibile da regolare coi divieti, sperare che l’umanitá comprenda la non necessarietá è un’utopia. Quindi come ci si preoccupa della sorte delle vendeuse del sesso nello stesso modo ci si dovrebbe preoccupare di chi potrebbe rischiare comprando fumo non sicuro finanziando mafie e criminalitá. Non mettendo la gente in galera, visto che prostitute e clienti in galera non ci vanno ma semplicemente controllando che non si faccia male. Chi fa leggi non può e non deve tenere conto della sua etica e della sua moralità che il più delle volte si traducono solo in un’insopportabile ipocrisia. Nessuno chiede al legislatore di divorziare, abortire, fumare uno spinello o prostituirsi, ma uno stato serio, nella figura di chi lo gestisce, sa che la gente continuerà a fare tutto questo e deve tutelare, eliminare il più possibile i rischi di queste abitudini e comportamenti, nel caso dell’aborto, una necessità.

I mercati illegali continueranno ad esistere perché delinquere è insito nell’umanitá. Uno stato serio però argina l’illegalità, non la favorisce. 

L’umanitá continuerá a drogarsi, prostituirsi, ubriacarsi e giocarsi stipendi e  pensioni alle slot e ai videopoker, quindi tanto vale limitare i danni.

Con buona pace di giovanardi che, avendo fallito la prima legge, quella pensata con fini che ha riempito le galere di gente che non ci doveva andare, una legge liberticida e fascista senza la quale Stefano Cucchi oggi probabilmente sarebbe ancora vivo e che per questo è stata ritenuta anticostituzionale,  è stato chiamato a fare da relatore a quella nuova.  Cose che possono succedere solo in Italia.

Nemmeno Dio, se esiste, li perdonerà

Sottotitolo: lo stato, il padre di tutti come ci insegnano quelli bravi e romantici può vendere la nicotina che intossica i polmoni, l’alcool per ammalarsi di cirrosi epatica e causare magari incidenti per colpa dell’ ubriachezza, il gioco d’azzardo, tutto per fare cassa sulle debolezze della gente, creare dipendenze  il cui costo poi ricade su tutta la collettività come gli incidenti provocati dagli ubriachi, curare chi si ammala di tumore e di cirrosi ma guai a permettere di poter scegliere di farsi male se si vuole tirando uno spinello che fra le dipendenze di cui sopra è quella meno nociva. Il proibizionismo sulle droghe leggere oltre ad essere una scemenza ipocrita serve solo a finanziare mafie e criminalità alle quali va tolto il monopolio della vendita così come hanno già fatto paesi più civili di questo. Chi fa una legge che manda in galera fino a vent’anni una persona che si fuma uno spinello è un irresponsabile delinquente, e altrettanto lo sono state le persone che hanno approvato quella legge. Gente a cui non affidare, e per nessun motivo, la gestione delle vite degli altri.

***

Consulta boccia la legge su tossicodipendenze
Ilaria Cucchi: “Senza la Fini-Giovanardi mio
fratello sarebbe vivo. Ora svuotare le carceri”

Giustizia è fatta. Ma solo in parte. La Corte costituzionale, dichiarando illegittime le norme della cosiddetta Fini-Giovanardi, ha accertato che quella di allora fu un’ operazione sporca e fuorilegge del governo Berlusconi. 

***

Chi pagherà i risarcimenti dei danneggiati dalla #fini #giovanardi? Loro in persona, spero. Bisognerebbe ripristinare l’esilio, l’allontanamento coatto di questi socialmente pericolosi che hanno mandato in galera chi non ci doveva andare, qualcuno anche a morire come è accaduto a Stefano Cucchi che senza quella legge non sarebbe mai stato fermato e arrestato.
Incapaci, disonesti, delinquenti che hanno infilato un obbrobrio simile dentro un decreto legge per, che lo dico a fare? un finanziamento. Per la precisione nella legge di conversione del decreto per il finanziamento delle Olimpiadi Invernali di Torino. Una legge liberticida, oscena approvata dopo un referendum in cui gli italiani ma non fini e giovanardi, e nemmeno chi ha approvato e firmato quella legge avevano dimostrato di aver capito benissimo che fra lo spinello e la cocaina c’è una grande differenza.
Non sono uguali, nemmeno si somigliano.

Se i giudici sono costretti di tanto in tanto a sostituirsi al parlamento per correggere od eliminare le leggi non sono i giudici che vogliono fare politica. E’ la politica che non la sa fare, non la fa. giovanardi dovrebbe sparire, oggi più di ieri e meno di domani portandosi dietro i suoi complici in quell’abominio di legge che porta il suo nome e quello di fini, ma che è stata approvata con la fiducia in parlamento e firmata da Ciampi.

Ancora una volta, anche se con notevole ritardo, ci sono voluti i giudici a mettere la pezza sui disastri che fa la politica. Quelli che dovrebbero condurre un paese sono invece persone assolutamente inadeguate e per fortuna che c’è una corte che si occupa di loro, ultimamente pure con una certa frequenza. In questo paese si fanno mettere le mani e la firma su proposte di leggi e sulle leggi ad una persona come giovanardi che in qualsiasi altro paese non solo sarebbe fuori dalla politica ma anche da qualsiasi contesto civile. Un razzista  omofobo, uno che insulta i morti e oltraggia le loro famiglie in Italia può sedere in parlamento e pretendere anche il rispetto per l’istituzione che rappresenta. Uno che del rispetto applicato ai comportamenti, alle azioni e alle cose che si dicono non ha nemmeno la benché minima concezione, conoscenza. Nulla. Un ignorante totale che paghiamo per farci insultare.

Bisognerebbe iniziare  fare politica seriamente, e smetterla possibilmente di infilare tutto in un decreto unico, perché la fini giovanardi è stata approvata  più o meno come la cancellazione dell’IMU con relativo riassetto della banca d’Italia che non si capisce cosa c’entrasse con l’IMU. 

Più o meno lo stesso che hanno fatto per la legge sul cosiddetto femminicidio dove hanno infilato l’impossibile circa violenze di altro genere che nulla c’entrano con la violenza sulle donne, ad esempio l’inasprimento per gli scontri di piazza e quelli negli stadi. Fanno i decreti per una cosa e dentro poi ci infilano un inenarrabile che non c’entra con quello che si vuole agevolare o contrastare con la legge in questione e approvando una cosa poi passa tutto. Un po’ come coi famosi milleproroghe. E il compito di non far passare mostri giuridici estranei ad una legge e alla Costituzione dovrebbe essere dell’opposizione che sta in parlamento apposta per questo: per vigilare,  evitare che la maggioranza faccia disastri che poi devono correggere i giudici. Se e quando lo fanno.

Quella di oggi non è una vittoria ma la dimostrazione dell’ennesimo fallimento dello stato.

E’ sempre colpa di feisbùck

Sottotitolo: questo blog, a meno che non succedano cose importanti o gravi, si ferma per un po’.

“Non è Facebook ad impedirci di incontrare un amico al bar”

Fumo, alcool, ludopatie, sex addict, le droghe, sono tutte dipendenze che esistevano già prima dell’avvento del web e dei social network. Eppure nessuno ha mai pensato di impedire a nessun altro di giocarsi stipendio e pensione al gratta e vinci (anzi, lo stato incentiva però dice di farlo “responsabilmente”), nessuno va a controllare se nel cassetto della scrivania degli impiegati c’è una bottiglia di liquore e le sigarette, altre dipendenze che proprio lo stato attraverso i monopoli mette a disposizione dei cittadini e anche qui, ma che carino, ti avverte che fumare fa male, provoca il cancro e, udite udite, anche bere fino ad ubriacarsi non è un comportamento socialmente esatto visto che molti degli incidenti stradali che provocano morti e feriti sono causati dall’assunzione di alcool. Così come nessuno va a controllare quante volte e con chi fa sesso il singolo cittadino. Un bel giorno qualcuno s’inventa i social network e subito questi diventano la peste bubbonica del terzo millennio; i coniugi si cornificano allegramente? è sempre colpa del web, i figli crescono senza valori e principi morali? è sempre colpa di facebook, come se prima fosse tutto rose e fiori, come se prima nessuno tradiva nessuno, come se prima non c’erano genitori incapaci di educare i propri figli. Dei danni, quelli sì visibili  che hanno anche nome e cognome che invece ha prodotto certa televisione chissà perché non si parla mai abbastanza come della cosiddetta dipendenza dal web.

La vera psicopatologia è imputare al web e ai social network la responsabilità di tutto, capri espiatori utilissimi visto che non essendo fisicamente presenti ed esistenti non possono rispondere, altrimenti ce lo spiegherebbero loro che l’assenteismo [così come i tradimenti  e la maleducazione]  esiste da sempre nei posti di lavoro, e purtroppo la colpa non è delle distrazioni che offre la Rete ma della mancanza di responsabilità di chi al posto di svolgere il suo lavoro fa altro.

E lo farebbe comunque a prescindere da facebook.

L’asocialità non è un fenomeno da terzo millennio, e con un computer collegato alla Rete si può invece ridurre la solitudine di tanta gente, ma per quale motivo deve essere meglio uscire e stare fra la gente per tutti? chi lo ha detto che una passeggiata all’aria aperta sia meglio di conversare con amici lontani o di scriversi una pagina del blog? e, soprattutto, chi lo ha detto che non si possono fare tante cose insieme?

La colpa di quel che succede in Rete non è mai della Rete e dei servizi che offre ma  dell’uso che se ne fa. La Rete e anche facebook mettono a disposizione tutti gli strumenti per preservare la propria privacy, se poi c’è gente che va a scrivere tutto di sé  in una bacheca virtuale non penso che la responsabilità sia del mezzo.

Qui – come scrivo spesso – basterebbe non scrivere di noi quel che non vorremmo vedere pubblicato sui giornali, basta avere una carta punti di un supermercato per vedersi invadere la privacy, e,  personalmente io questa ‘fissa’ della privacy non ce l’ho, internet e privacy è un ossimoro, tutti sanno che si perde ogni diritto alla riservatezza totale col semplice invio di una mail o mettendo una firma su uno delle migliaia di appelli che circolano in Rete.

 Sono stata vittima di cyberstalking per anni, ancora oggi so che c’è sempre qualcuno che mi segue di dove in dove, eppure su facebook mi sono presentata con la mia faccia, il nome e il cognome.

Perché l’obiettivo non deve essere quello di criminalizzare la Rete e i servizi che offre ma di pretendere tutela così come avviene nel quotidiano dove nessuno aspetta nessun altro fuori dalla porta di casa per prenderlo a calci o a schiaffi e la fa franca. Perché questa è la stessa sensazione che si prova quando entrando nel proprio blog, nella propria bacheca e nella casella email si trovano insulti, minacce e quanto di altro si può fare da qui.

L’obiettivo comune di chi frequenta spazi web deve essere principalmente quello della tutela della PERSONA, perché qui ci sono persone, non entità astratte da usare come bersagli grossi delle  proprie frustrazioni. 

 I cattivi maestri sono fra noi, non viaggiano in internet.