Come se fosse antani

Sottotitolo: Tarapio tapioco! Prematurata la supercazzola o scherziamo?
No, mi permetta, no io… 
Scusi, noi siamo in quattro, come se fosse antani anche per lei soltanto in due oppure in quattro anche scribai con cofandina, come antifurto, per esempio.
Ma no, aspetti, mi porga l’indice, ecco lo alzi così, guardi, guardi, guardi, lo vede il dito, lo vede che stuzzica, e prematura anche! 
Ma, allora io le potrei dire, anche col rispetto per l’autorità, che anche soltanto le due cose come vicesindindaco, capisce?

  Ecco: questo è il livello del dibattito politico progressista italiano.

Gente che non si è mai sposata, che non sa nulla della famiglia, che fa comunella con gente divorziata come casini amato e benvoluto da tutta la gerarchia cattolica come il suo ex alleato berlusconi – al quale si concede anche di accostarsi all’eucaristia, di bestemmiare ed essere contestualizzato dal monsignore –  ma che discetta sulla sacralità della famiglia tradizionale e in base alle sue idee poi contribuisce a fare ma soprattutto NON fare quelle leggi che renderebbero l’Italia un paese un po’ più civile.

Basterebbe semplicemente non dire di essere un partito di sinistra o di centrosinistra.

Un bell’atto di coraggio che ridarebbe fiato a loro permettendogli di NON fare senza essere massacrati dalle critiche  e ai cittadini di pretendere che in parlamento vada una sinistra che abbia davvero idee di sinistra e che faccia – finalmente – qualcosa di sinistra [anche se altrove quelle cose le fanno anche le destre].

” Credo che la gradualità nei diritti sia quasi un obbligo, capisco le posizioni differenti, ma in un paese arretrato come il nostro questo sarà un primo passo importante. Portiamolo a casa questo risultato perché non è così scontato”.
[Rosy Bindi a proposito della regolarizzazione delle coppie di fatto]


Una domanda a Rosy: di chi è la colpa se questo è un paese arretrato? di chi è la colpa se questo è il paese dove non si è mai pronti a fare niente che abbia a che fare col progresso e con la civiltà?

“Il paese non è pronto” anche grazie alle persone come lei, che portano le loro opinioni personali nel dibattito politico, le impongono, che parlano minacciando possibili spaccature qualora qualcuno provasse a pretendere quelle leggi che esistono in ogni paese civile. 

Agli italiani non frega nulla delle opinioni personali dei politici, del loro credo, se vanno a messa la domenica. 

Né soprattutto pensano che la politica si debba affrontare per mezzo della coscienza di chi la rappresenta.

Le questioni di coscienza sono un fatto privato; la coscienza non si usa per decidere sulle cose dei tutti ma solo per le proprie.

Agli italiani interessa avere una classe politica che si occupi di tutti e garantisca gli stessi diritti a tutti così come prevede la Costituzione, quella vera, non quella che ha letto la Bindi. 

I primi attentatori della Costituzione sono proprio loro – i politici – che dovrebbero onorarla, invece, come, meglio e di più di ogni normale cittadino.

berlusconi è potuto entrare in parlamento proprio perché si è ignorato quell’articolo della Costituzione che vieta ai possessori di mezzi di comunicazione di poter intraprendere carriere politiche.

E non c’è NESSUN articolo che parla di matrimonio fra uomo e donna, che vieta a persone dello stesso sesso di poter comporre un nucleo familiare regolare.

Nell’articolo 29 si parla di CONIUGI, non di un uomo e una donna.

Per non parlare di quante volte, praticamente sempre, si disonora quell’articolo 3 che vuole i cittadini TUTTI UGUALI, che vieta disparità e discriminazioni.

 Gli italiani gradirebbero che il parlamento della repubblica risponda alle loro istanze, non a quelle delle eminenze e di un capo di stato straniero,  di una chiesa che gode  nel creare diversità nei diritti civili umani a dispetto di quella cristianità che vorrebbe invece rappresentare ma  che poi dietro le quinte – e nemmeno tanto –  si adoperano attivamente per impedire che questo paese cresca culturalmente,  che rispetti davvero le persone e i loro diritti e che risponda all’Europa anche sul tema di quella sfera che riguarda i cittadini/persone, non solo quando c’è da spellare vivi i cittadini/contribuenti. 

Quelli che non lo gradiscono possono sempre trasferirsi in quei bei paesi dove i diritti non sono previsti, nessuno sentirebbe la loro mancanza.
Poi quando le persone accolgono ‘sta gente come merita c’è pure qualcuno che parla di atteggiamenti violenti, come se non ci fosse nulla di più violento della negazione dei diritti, specialmente in un paese che si spaccia per repubblica democratica.

 Questo PD è peggio della DC di Fanfani e Andreotti, che ci ha comunque permesso di avere leggi importanti come quella sul divorzio e sull’aborto.

Oggi  queste leggi il PD non le farebbe, e pensare, invece, che nei paesi civili le leggi a tutela dei diritti civili le fanno anche i governi di destra.

E il bello è che silvio ritorna alla carica per non riconsegnare il paese alla sinistra.

Avercela una sinistra, in Italia.

Ce lo chiede (anche) l’Europa

Sottotitolo: Il potere logora chi non ce l’ha?

Massimo Rocca – Il contropelo di Radio Capital

Dunque, facendo le somme con beneficio di inventario.
Riforma delle pensioni, ci si era provato dal ’94, ma finalmente è fatta, gli italiani resteranno al lavoro più o meno fin che ce la fanno e anche un po’ di più.

Mercato del lavoro, l’articolo 18 crolla salvando solo i licenziamenti senza giusta causa e discriminatori, pare anche che le frustate sulla schiena non siano permesse.

Si metterà mano alle legge sulle intercettazioni che gli autorevoli moniti del colle avevano messo su un binario morto.

A proposito di binari la tav si fa senza se e senza ma.

Ci sarà una qualche forma di responsabilità civile per i giudici, che neppure in bicamerale si era riusciti ad immaginare.

I vertici della rai restano saldamente sotto controllo, le frequenze televisive per adeesso non si toccano.

Il processo Mills è prescritto, il concorso esterno alla mafia dicono dalla cassazione che non ci crede più nessuno.

Il Milan vincerà lo scudetto ed è l’unica squadra in coppa dei campioni.

Minchia, ma vuoi vedere che era davvero la nipote di Mubarak?

Articolo 29 della Costituzione della Repubblica Italiana
 
La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio.
Il matrimonio è ordinato sull’uguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell’unità familiare.

(Se qualcuno riesce a leggerci che il matrimonio, istituto civile e non religioso, fino a prova contraria, prevede l’obbligo dell’eterosessualità, lo porto a cena fuori. Nella Costituzione, infatti, si parla di CONIUGI e non di un uomo e una donna e, sempre fino a prova contraria le leggi DICONO e non si INTERPRETANO, nota di R_L).

Cassazione: ‘I gay hanno diritto
al trattamento delle coppie sposate’

Strasburgo boccia i governi contrari ai matrimoni gay

 Sono naturalmente favorevole al matrimonio esteso alle coppie omosessuali,  perché la nostra Costituzione riconosce  la dignità di famiglia solo alle coppie sposate.

E siccome per me una coppia è una famiglia indipendentemente dal sesso dei suoi componenti, l’unico modo per riconoscere questa  dignità e mettere in pratica nei fatti l’articolo 3 della Costituzione  è annullare la discriminazione di “genere”.

E a differenza di Vendola non sono per nulla sorpresa “felicemente” del fatto che in Italia tutto quel che ha a che fare coi temi etici legati ai diritti civili debba essere risolto a colpi di carte da bollo e di sentenze come fu anche per la vicenda tristissima di Eluana Englaro. Anzi, direi che sono abbastanza schifata che per queste faccende ci sia bisogno della minaccia, dell’ordine perentorio (secondo giovanardi quella della Cassazione è un’opinione, ma bisogna capirlo, egli stesso è un’opinione e pure piuttosto confusa) di istituzioni terze come la Cassazione e il parlamento europeo.

Mentre nei paesi davvero civili di queste cose si occupa la politica in modo assolutamente trasversale. 

Mentre qui si perde tempo a farsi duemila problemi sul come chiamare un’unione di questo tipo come se il problema fosse il nome e non la negazione di un diritto, e una legge così non la farebbe nemmeno la sinistra cosiddetta ‘radicale’ per non inimicarsi le gonnelle d’oltretevere.

Il matrimonio (quello civile),  è sostanzialmente un contratto a tutela di due persone che vivono insieme.
Per eventuali figli la tutela giuridica è del tutto indipendente dal matrimonio, quindi la discriminazione è solo dettata dalla morale religiosa, da pregiudizi di tipo patriarcale, maschilista e ovviamente dal disgustoso opportunismo politico di questi nostri “statisti” di destra e di “sinistra” dalla morale doppia e tripla, quelli che difendono la famiglia e poi ne hanno due o tre oppure gli omofobici alla giovanardi che si scandalizza di fronte al bacio omosessuale ma poi trovava del tutto normali le orge e lo sfruttamento della prostituzione minorile da parte di un vecchio satrapo pervertito e vizioso in quel di HardCore e dintorni.
I matrimoni estesi alle coppie omosessuali sono una realtà di tutta Europa, partendo dai luoghi più vicini a noi dal punto di vista culturale (Francia, Spagna, Germania, Inghilterra), e li vogliono sia  la sinistra che la destra, in Spagna la legge sulle coppie di fatto fu voluta dal governo di Aznar, Zapatero si limitò a perfezionarla estendendola appunto ad un REGOLARE matrimonio.

L’omofobia (la discriminazione delle coppie tra eterosessuali e omosessuali E’ omofobica) non dipende solo dal vaticano.
Quella è una scusa facile (“il papa non vuole”, c’è un elenco grosso come la Treccani di quello che non vuole, tra cui guerra e capitalismo, ma in realtà non frega nulla a nessuno di quello che vuole o non vuole il papa).

 In realtà quello che proprio non vogliamo (collettivamente) fare è portare gli ultimi, i senza diritti, gli emarginati, al nostro livello. Trattarli da pari.

E’ facile dire due parole di solidarietà ad una coppia omosessuale, difficile è dirgli “ok, potete fare tutto quello che facciamo noi, sposarvi, adottare un bambino, lasciarvi l’eredità a vicenda”.

C’è sempre una resistenza, qualcosa che si può riassumere come il sollievo di avere qualcuno che sta peggio di noi, che non può avere il nostro stesso diritto.

L’Italia è un paese fondato sul privilegio.

L’assurdo è che questa questione, semmai verrà risolta così come si fa nei paesi normalmente civili,  non lo sarà, come dovrebbe essere,  dalla politica.

Siamo al limite della minaccia a colpi di sentenze e di sanzioni europee.

Strano che ad un’ Europa che chiede si conceda sempre tutto, quando quel tutto riguarda la diminuzione dei diritti nel lavoro, eccetto però la famosa legge sulla corruzione chiusa in un cassetto da dieci anni e quelle leggi che renderebbero questo un paese appena un po’ normale.

Forse gli omosessuali italiani dovrebbero imparare a protestare e a invocare i diritti  in lingua tedesca.

Just married

 

 

Rosy e Angelino oggi sposi

Bersani contro Alfano: “Coppie gay da tutelare”

Che tristezza può essere svilire la Costituzione che, all’articolo 29 parla sì di matrimonio ma non specifica affatto quale deve essere il sesso dei coniugi? e quanto aumentano la tristezza, lo sconforto e la consapevolezza che questo non sarà mai un paese appena appena normale  se a farlo è un politico che dovrebbe rappresentare le istanze della parte progressista del paese?  le opinioni personali non devono né possono essere imposte come legge, la Bindi,  Alfano e tutta l’orrenda compagnia degl’ipocriti baciapile di stato e di governo pensassero dunque quello che vogliono ma senza pretendere che il loro sentire diventi poi una legge dello stato che è di tutti, dunque anche degli omosessuali.

Il problema della legge sulle coppie miste, omosessuali  e di fatto, che può significare anche due parenti costretti  o che scelgono di voler vivere sotto lo stesso tetto come ad esempio zii e nipoti, fratelli e sorelle, eccetera va risolto.

Questa è una legge che serve perché renderebbe questo un paese più civile. E non sono affatto d’accordo che questi non siano argomenti,  perché alla fine, in questo paese fatto perlopiù di gente piccina gli argomenti invece sono proprio questi. E a me non piace affatto l’idea che un politico che si dichiara  di sinistra sugli argomenti etici la pensi come uno di destra, la peggiore, peraltro.

La verità è che non è la definizione il problema, il come chiamare queste unioni, il dramma è che questa legge in Italia non la farebbe nemmeno un governo di sinistra, mentre nelle democrazie moderne l’hanno fatta  i governi di destra, vedi Aznar in Spagna.

La priorità? chiediamolo a chi aspetta di regolarizzare la sua unione magari per avere la tranquillità che i suoi beni vengano affidati a persone scelte, guardiamo lo schifo che sta succedendo con l’eredità di Dalla. E in precedenza c’era stato il caso di Patroni Griffi costretto ad adottare il suo compagno: un delirio subumano in un paese che vuole definirsi civile e democratico.

Una legge semplicemente civile sui diritti degli omosessuali non costa impegno né troppe energie, basterebbe copiarne una a caso fra quelle che tutta l’Europa ha meno, naturalmente, Grecia e Italia che ci tengono a confermarsi ultime della classe in tutto e per tutto,  e non impedirebbe nel frattempo di potersi occupare di risolvere gli altri problemi.

Io non cado nel tranello del benaltrismo, del “con tutti i problemi che ci sono”, perché anche questo è un problema, eccome se lo è. Purtroppo però è un problema che non tutti vivono sulla loro pelle di emarginati e discriminati, ecco perché non se ne capisce l’importanza.

Anche il fatto che in questo paese non si inaspriscano le leggi per punire chi discrimina, maltratta, uccide sulla base dell’odio razziale, dell’omofobia la dice lunga sulla volontà dei governi di tutti i colori di tutelare davvero le minoranze.

 Cosa che invece si fa in tutti i paesi normalmente civili.

L’ossimoro

In Italia essere omosessuali “ma anche” cattolici è come essere neri e iscritti al KKK, come essere ebrei o Rom e tenere la foto di hitler sul comodino.
E, visto che si è molto parlato di privacy violata, del fatto che una persona non è tenuta a rivelare pubblicamente le sue relazioni affettive/amorose, ad “ostentarle”,  mi piacerebbe sapere che ne pensano i difensori di questa teoria di quell’usanza tribale che risponde al nome di matrimonio e per la quale si usa fare cose che sono tutt’altro che private e rispettose della privacy.

Organizzare cerimonie pubbliche in chiesa e in comune, mandare in giro lettere di partecipazione, indossare anelli d’oro a mò di timbro di riconoscimento all’anulare, cambiare/aggiungere il proprio cognome a quello del coniuge, invitare centinaia di persone alla cerimonia, chiedere regali per celebrare il gioioso evento, permettere che i propri nomi restino alla mercé di sconosciuti per almeno un mese…tutto questo non è forse OSTENTARE la propria eterosessualità?  se la vita è privata è privata per tutti, e allora perché questa spettacolarizzazione, questo sbandieramento pubblico dei propri sentimenti è accettato solo quando l’amore riguarda il maschio e la femmina, l’uomo e la donna? c’è qualcosa che non va oppure va bene così? Aldo Busi ha straragione, altroché, alla faccia degl’ipocriti al quadrato e al cubo.

Ostentare è una parola che fa schifo come tollerare.

E fra essere riservati ed essere repressi, incapaci di vivere i propri sentimenti in libertà per questioni di opportunità o, peggio ancora per mancanza di coraggio c’è una bella differenza.

Ecco perché in questo paese c’è bisogno del coraggio personale di chiunque quando si tratta di rivendicare uno o più diritti, ed ecco perché penso che chi  più di altri necessita di vedersi riconosciuti dei SACROSANTI diritti dovrebbe abbandonare una chiesa negazionista, omofoba e razzista.

Essere cattolici ed omosessuali in Italia è un ossimoro, perché la chiesa non rispetta né riconosce l’omosessualità come un fatto umano, naturale e quindi degno di essere considerato per ciò che è, dunque non una malattia, non una perversione né una devianza: questo non è radicalismo, relativismo né anticlericalismo ma REALTA’, e chi non la vede è IPOCRITA, e della peggior specie.
Se la chiesa non condizionasse anche la scelta del colore delle mutande in questo paese nessuno avrebbe paura di dichiarare quel che è e di viversi in libertà tutto quello che vuole, quando quel tutto non invade né mette a repentaglio le altrui libertà.

Invece l’obiettivo della chiesa è proprio far credere questo: che la mia libertà di amare, sposare, avere una relazione con un’altra donna se mi andasse, metterebbe in pericolo, ostacolerebbe quella di chi questo non lo fa: di chi fa altre scelte rispetto alle mie, e l’ennesima conferma ce l’ha data il papa giorni fa quando ha escluso dalla categoria dei ‘degni’  i figli nati fuori dal matrimonio.

Una cosa più abominevole di questa era difficile perfino da immaginare.
L’orientamento sessuale è tutto fuorché una cosa privata visto che condiziona il percorso di vita di tutti, basta guardare anche una cosa apparentemente stupida come la pubblicità, il modello che viene imposto è sempre quello della coppia etero, anche per comprare un’automobile.
C’è stato un tempo in cui i figli dei separati/divorziati erano additati e presi a male parole, oggi questo non succede più, è evidente che la cultura può fare dei progressi quando si vuole, nel caso dell’omosessualità questo non succede semplicemente perché non si vuole che diventi un fatto normale, tutto questo perché siamo costretti a sottostare ai voleri di uno stato straniero che occupa il nostro territorio non da ospite come dovrebbe ma da usurpatore/tiranno.
Quasi tutti criticano la “pagliacciata” dei gay pride ma pochi si fermano a riflettere sul fatto che se agli omosessuali fossero riconosciuti gli stessi diritti di tutti non ci sarebbe nessun bisogno di quelle manifestazioni.

Non avere diritto ai diritti significa anche non essere obbligati a sottostare ai doveri oppure no? io penso di sì.
Se io  fossi una lesbica italiana avrei smesso da un pezzo di pagare le tasse.

Lo stato vuole i miei soldi, vuole che io sia parte attiva della società? bene, che mi desse anche quei diritti che renderebbero più serena la mia vita dentro questa società, allora.

Basta  con le discriminazioni e con l’inciviltà.