Contratto di svendita

 Preambolo:  l’Italia è stata derubata della possibilità di avere un’indipendenza politica il 1 maggio del ’47 grazie alla strage di Portella della Ginestra fatta eseguire su commissione proprio per evitare che l’Italia rischiasse la “deriva comunista” che non era gradita all’America, alla mafia e al vaticano.
Dopo 66 anni questo paese è ancora schiavo e succube dell’America, della mafia e del vaticano perché nessuno in tutti questi anni si è preoccupato di fare in modo di ridurre e annullare questa dipendenza. Non era conveniente, si vede.

Però ci mandano a votare, visto che carini?
 Forse è proprio per questo che gli italiani poi sono diventati “così“: materia del luogo comune più  becero.

Ecco perché  mi sarei un po’ scocciata, anzi molto,  di questi ritornelli sugli italiani, quelli sì qualunquisti e populisti piùcchemmai.
Perché sono storicamente falsi.
E gli italiani sono di destra, e gli italiani hanno quello che si meritano, e gli italiani qui e lì: vaffanculo, eh?
Abbiamo un passato, impariamolo, e poi esprimiamoci magari argomentando.
Star sempre a dire che gli italiani hanno quello che si meritano, che in Italia le cose hanno sempre funzionato in un certo modo e che vuoi fare colpevolizzando chi le ha subite e non chi le ha causate è sbagliato, è culturalmente sbagliato. 
Si può sorridere, essere in qualche modo leggeri se proprio non si vuole appesantire il significato della propria presenza in un social network e nella rete in generale anche senza  scrivere falsità e luoghi comuni, che non aiutano certamente le giuste cause.

Se voglio ridere e leggere argomenti divertenti non andrò a scrivere in un sito on line di un quotidiano dove si trattano argomenti seri o in un blog dove non si scrive di gossip, moda e make up.

Poi nulla vieta l’intermezzo cazzaro: non mi sono mai sottratta.
Le battutine sugli italiani alla lunga sfiancano, perché ci sono tanti italiani che s’impegnano per migliorarsi, per imparare, per arricchire la propria cultura, che forse non servirà a cambiare davvero lo stato attuale del paese ma restituisce qualcosa in termini di dignità personale, tutti i giorni, e credo che andrebbero rispettati. 
Troppo facile attaccare sempre la solfa sugli italiani, ma dell’Italia chi ne parla?

Gli States e Obama ‘tifano’ per Monti
Vogliono garanzie sugli investimenti Fiat

Napolitano, nella sua visita negli Usa, ha difeso Monti dagli attacchi che riceve “da chi prima l’ha appoggiato”. In realtà il capo dello Stato ha voluto dare un segnale ben preciso: rassicurare Obama che il Professore avrà un ruolo importante anche nel prossimo governo. Una rassicurazione “in chiave Fiat”. [Il Fatto Quotidiano]

Ha ragione Napolitano, definito da Kissinger “il mio comunista preferito” – il che spiega molto bene la stima che riscuote oltreoceano, le copertine di certi giornali – quando dice che il comunismo ha fallito.
Essendo stato una delle cause del fallimento di quello italiano parla da persona informata sui fatti. 
Anzi, proprio dentro quei fatti.
E l’ex comunista poi migliorista poi liberista non può andarsene in giro per il mondo come quell’altro a dire quello che vuole.
Se va in America a rendere conto al presidente del compitino svolto in questi sette anni a pochi giorni dalle elezioni perché deve sentire il bisogno di rassicurare Obama, parlargli dell'”ottimo lavoro” svolto da Monti e appoggiare dunque in modo così sfacciato il professore? e fosse vero poi, che quello di Monti è stato un ottimo lavoro. 
Chi rappresenta l’Italia nel mondo da istituzione dovrebbe smetterla di farlo umiliando così il popolo italiano, pensare che sia composto solo da perfetti imbecilli che non sanno, non capiscono, non ricordano la storia.
Non c’è bisogno di ricordare al mondo in modo così sfacciato che l’Italia è un paese a cui è stata sottratta l’indipendenza politica prim’ancora che nascesse la repubblica.
Non serve rammentare in modo così manifesto che se questo è il paese che è non è per colpa degli italiani ma di chi non ha mai rescisso il contratto di svendita [alla mafia, al vaticano e all’America] contratto col sangue dei braccianti a Portella della Ginestra il 1 maggio del 1947.  

Nota a margine: perché di quel che ha detto Napolitano si sono incazzati solo quelli del PDL e il solito Di Pietro? al PD fa comodo che il presidente sponsorizzi Monti, gli torna utile? a pensar male…

“Impedite a quel cervello di pensare”

Sottotitolo: non mi sovviene proprio come può venire in mente, come sia potuto venire in mente  – ad un partito che vuole rappresentare non dico una sinistra che sarebbe pretendere troppo in questo paese di rinnegati storici, di quelli che erano comunisti ma poi hanno pensato che non fosse conveniente esserlo neanche oggi che nessuno rischierebbe la galera e l’isolamento a causa delle sue idee, ma almeno di un centrosinistra liberale e moderno come ce ne sono in ogni democrazia evoluta e moderna, di allearsi con una congrega di ipocriti sporcaccioni razzisti e omofobi come l’uddiccì dell’inutile casini.

Omofobia: le norme non si fanno neanche stavolta

Mentre negli States oltre a rieleggere Obama referendum locali hanno scelto marijuana libera, matrimoni gay e aborto finanziato dallo stato nella nostra piccola e incivile Italietta la legge contro l’omofobia non c’è nemmeno questa volta: un emendamento approvato in commissione Giustizia cancella completamente le norme che prevedono pene severe contro chi non rispetta o istiga odio contro omosessuali e transgender. Il testo in discussione estendeva i contenuti della legge Mancino del ’93, quella che punisce l’odio razziale anche all’omofobia. Insieme alla Lega hanno votato Pdl e Udc.

“Impedite a quel cervello di pensare”.
L’8 novembre 1926, dopo la promulgazione delle “leggi eccezionali” varate dal governo fascista di benito mussolini contro gli oppositori, Antonio Gramsci viene arrestato in violazione dell’immunità parlamentare [era stato eletto deputato del Partito Comunista d’Italia alle elezioni politiche del 6 aprile 1924] e condotto nel carcere di Regina Coeli in regime di isolamento.

Odio chi non parteggia. Odio gli indifferenti.

Antonio Gramsci

Per rinfrescare le memorie di quelle povere miserabili testine che ancora oggi si permettono di pensare e purtroppo anche dire che in Italia fascismo e comunismo pari sono stati. Oggi per fortuna a nessuno “viene impedito di pensare”, chi non pensa, non studia, non s’informa, non legge lo fa di sua spontanea volontà, ma non è detto però che a farne le spese debba essere chi invece pensa che l’ignoranza sia stata ed è la malattia peggiore di tanta gente, in questo paese.

Meno ignoranza e più cultura, anche e solo per decoro personale, avrebbero salvato l’Italia da silvio berlusconi, se più gente avesse pensato, questo paese non sarebbe diventato lo zimbello del mondo civile.

Senza ignoranza mafie e criminalità non avrebbero avuto quel campo libero che consente a malavitosi e delinquenti di avere voce in capitolo nella politica, di essere essi stessi politica, di avere le mani in pasta nella gestione delle cose di tutti. Non sarebbero considerate un’alternativa valida, accettabile e tollerabile allo stato di diritto;  solo in un paese come questo uno ha potuto dire, da ministro, che “con la mafia si deve convivere”.

E solo in un paese come questo si può definire “eroe” un pluriergastolano assassino.

E solo in un paese come questo un boss della malavita è potuto restare oltre vent’anni in una tomba all’interno di una chiesa in qualità di “benefattore”.
Fascismo e nazismo sono stati e sono orrori dell’uomo moderno, non fantasticherie di chissà quali epoche lontane.

Orrori di morte e distruzione. Non c’è niente di positivo nelle teorie fasciste.

Il fascismo di mussolini era quello che mandava gli oppositori “in vacanza al confino”[come ci ha spiegato tempo fa il delinquente zippato], il comunismo di Gramsci era invece quello che ci ha regalato quella Costituzione grazie alla quale oggi c’è ancora gente che si può permettere di dire e scrivere pubblicamente senza vergogna in riferimento all’Italia che “fascismo e comunismo pari sono”.

Questa cosa mi pesa moltissimo, non so e non voglio nemmeno immaginare perché  ci sia gente che rifiuta, ancora oggi, di guardare a quello che è realmente accaduto in questo paese dove, fino a prova contraria l’unico regime che ha oppresso, violentato e ammazzato è stato quello fascista.

Ed è per questo che il fascismo è stato messo fuori legge, anche se poi nei fatti quella legge non viene fatta rispettare, l’ultimo squallido esempio sono stati i funerali di pino rauti qualche giorno fa.

Paragonare il fascismo, tentare di metterlo sullo stesso piano di quella classe di pensiero che è stato il comunismo italiano, è come dire che la merda è uguale ad una raffinata crema chantilly.