Libera chiesa in libero stato; ma anche viceversa, s’il vous plaît

Corrado Guzzanti denunciato per offesa alla religione

 L’Aiart si arrabbia per il personaggio del monsignore nello spettacolo di La7 CONTINUA

Ma come sono permalosi i cattolici; non tutti ma molti sì.

Anch’io vorrei denunciare Rai, mediaset e Sky, quest’ultima addirittura con una finestra interattiva dedicata unicamente alla messa della domenica, all’angelus e altre cose che per molti sono importanti ma che molti altri hanno il diritto di considerare poco interessanti o per niente ma che, in barba al fatto che una religione di stato in Italia non esiste più e per fortuna  vengono riproposti a random tutto il giorno ogni volta, quindi sempre, egli esterna, pontifica, insorge, insulta le donne e gli omosessuali.

Ed estenderei la denuncia  anche a quei quotidiani che aprono col vaticano, il papa e le eminenze varie in prima pagina ogni giorno  anziché in quelle interne dedicate alla cronaca internazionale così come si fa con le notizie che riguardano gli stati esteri.

C’è un mucchio di gente a cui il papa non interessa ma Guzzanti ed un sacco di altre cose che i cattolici non gradiscono perché pensano che offenda la loro morale [la 1, la 2, la 3? chissà…] sì, come la mettiamo cari integralisti rompicoglioni che non siete altro?

Un’improbabile associazione che si richiama ai valori cattolici e dunque cristiani, quelli che ben conosciamo e che si richiamano a loro volta ad una presunta morale stravagante e ondivaga, quella che condanna l’amore omosessuale definito addirittura un pericolo per la pace ma non la pedofilia che secondo molti referenti di dio va “compresa” e ancorché perdonata, quella che NON paga le tasse; quella che condanna una donna che abortisce appellandola con l’insulto di assassina ma che fa dire a dei preti – senza che nessuna eminenza insorga abbastanza –   che ammazzare una donna perché “provoca” è solo una giusta e comprensibile reazione di uomini esasperati da donne che hanno capito [finalmente!] che oltre ai figli da crescere, a mariti da viziare a tempo indeterminato, ai manicaretti perfetti e una casa splendente c’è di più, anche una mise succinta e sexy e perché no; quella che i funerali a Welby no ma a Pinochet sì, quella che ha permesso che in una chiesa venisse ospitata la salma di un boss assassino per una ventina d’anni in qualità di “benefattore”; quella che ha tollerato una chiesa cattolica che si è messa in casa, ha accolto, protetto e dato asilo ai peggiori dittatori sanguinari, ai presidenti di presunte democrazie evolute che dichiarano guerra e vanno a bombardare innocenti civili, donne e bambini nel nome di dio, ha denunciato Corrado Guzzanti a proposito di uno spettacolo vecchio di sei anni perché avrebbe, secondo certe menti contorte, malate “vomitato falsità e dileggio alla chiesa, offendendo il sentimento religioso dei telespettatori”.

Lo spettacolo peraltro è stato trasmesso non dalla tv di stato, dunque quella pagata coi soldi dei cittadini ma da una privata, finanziata dai proventi della pubblicità e dal suo editore.

E comunque una delle grandi invenzioni di questo millennio è il telecomando col quale cambiare, volendo, canale, perché quello che non piace si può evitare senza pretendere che non venga trasmesso per non offendere i sentimenti di qualcuno.

Perché quel che eventualmente offende me potrebbe invece essere gradito da qualche miliardo di persone. 

Naturalmente questa bella associazione di IPOCRITI BIGOTTI  può benissimo sorvolare sul fatto che venga offeso, insultato ogni giorno da duemila anni il sentimento razionale, laico, agnostico e ateo di miliardi di persone che non si riconoscono nella religione cattolica – quella che  attraverso i suoi referenti religiosi, suorine che ne han fatte di ogni ma sono state prima beatificate e poi santificate, da duemila anni vanno in giro per il mondo a proclamare il loro credo, ad imporlo con metodi subdoli, veicolando ignoranza, impedendo la contraccezione, vietando l’uso del profilattico financo come sistema di prevenzione da malattie orribili qual è l’AIDS, promuovendo una cosa impraticabile da tutti i sani di mente, quella sì contronatura  come  l’astinenza sessuale.

Né tanto meno  possiamo e dobbiamo offenderci noi italiani e tutti i  residenti di questo paese, ostaggi di questi invasori arroganti che siamo costretti a sopportare e mantenere: l’Italia è l’unico stato al mondo che ne mantiene un altro,  nel NOSTRO stato, uno stato laico per Costituzione, solo per il fatto di ospitare il vaticano in terra italiana e dal quale la politica tutta, di destra di centro e di sinistra non ha mai voluto prendere le giuste distanze che il concordato aveva stabilito e cioè che ognuno è sovrano ma nel proprio stato. 

Il papa prega per lui

Sottotitolo:

Gli agenti della Dia: “Coi tagli si sta smantellando la Direzione antimafia”

Era il sogno di Giovanni Falcone, che aveva compreso la necessità di avere un’unica struttura di polizia per affiancare i magistrati impegnati nella lotta alla criminalità organizzata. “La stanno uccidendo a piccoli passi, perché nessuno si assumerebbe la responsabilità di eliminarla in un colpo”.

 

Ma naturalmente non c’è stata nessuna trattativa fra lo stato e la mafia.

 

 

Formigoni: “Idv, Grillo, Fatto e Repubblica? Braccio armato contro la democrazia che vuole destabilizzare il sistema politico italiano e mira al dissolvimento dello Stato che accusa anche in maniera vergognosa per abbattere in questo Paese ogni esperienza di democrazia ” [evidentemente gli deve essere sfuggita qualche copia di Repubblica di queste ultime settimane].
Se le esperienze di democrazia sono state quelle degli ultimi vent’anni [per non dover guardare ancora più indietro nel tempo che è peggio] ben venga tutto ciò che è in grado di dare un’energica scrollata a questo sistema mafioso e  paramafioso che ha distrutto anche l’idea di democrazia in questo paese.
Suppongo che oggi Violante non spenda una parola sul populismo di Formigoni. Meglio, molto meglio insultare i Magistrati, visto che poi nessuno li può difendere.
L’ayatollah celeste rivela inoltre che il papa gli avrebbe detto di pregare per lui tutti i giorni. 
Se fossi io a vestire gli umili panni di suasantità [comprese stole di ermellino e scarpette Prada] m’incazzerei moltissimo e denuncerei questo delinquente bugiardo che si crede Gesù Cristo.
Poi dice che una diventa atea.

Formigoni: “Il Papa prega per me ogni giorno”. Poi l’attacco al Fatto

Il presidente della Regione Lombardia indagato per corruzione approfitta per togliersi qualche sassolino dalle scarpe contro magistrati e giornalisti. Racconta di una vicenda giudiziaria come se fosse il passato, della fede in Dio e dell'”attacco strumentale” che ha subito. Poi spara contro il Fatto Quotidiano, Repubblica, Grillo e Italia dei Valori: “Sono il braccio armato contro la democrazia.”

Io sto con CL: no ai matrimoni gay!

di Silvio Di Giorgio per Il Fatto Quotidiano

Comunione e Liberazione dice no al matrimonio tra omosessuali. C’è il rischio che non nascano più bambini: i nostri preti sarebbero costretti a molestare dei maggiorenni, ed è una cosa che non possiamo permettere che accada.

Per prima cosa la carne dei maggiorenni è stopposa: i sacerdoti più anziani, abituati alla morbidezza delle carni giovani, rischierebbero di scheggiare le dentiere che si sono comprati con il nostro8×1000. E poi avere rapporti con un maggiorenne non costituirebbe reato, quindi dovrebbero escogitare altro per farsi trasferire in un’altra diocesi ed insabbiare tutto con l’aiuto del proprio vescovo.

Permettere ai gay di sposarsi porterà ad un’inevitabile conclusione: l’estinzione degli italiani. I maligni potrebbero dire che, alla luce delle dichiarazioni di CL, non sarebbe poi una perdita così grave, ma il vero problema è un altro. Vogliamo forse che i nostri sacerdoti siano costretti a diventare tutti missionari e volare all’estero a molestare negretti?

E’ come per il calcio. Un tempo tutte le stelle venivano a giocare da noi perché avevamo il campionato più bello del mondo, adesso scelgono tutti altri Paesi. Per la pedofilia ecclesiasticarischiamo lo stesso esodo. Che ne sarà della nostra immagine?

E poi lo sappiamo tutti che in Africa i bambini sono denutriti, non sono mica resistenti come i nostri cresciuti con pane e nutella. C’è il rischio che si facciano male. Poveri piccoli, vogliamo forse traumatizzarli per tutta la vita?

C’è inoltre chi fa notare che  i matrimoni gay non durerebbero, ed è un dato di fatto. Non sono solidi come quelli dei cattolici. Vedi ad esempio Berlusconi, Casini e Fini, uomini di chiesa che, nonostante i problemi quotidiani con le rispettive mogli, continuano stoicamente a portare avanti il loro primo matrimonio senza mai pensare neanche per un istante al divorzio.

Per finire un’ultima considerazione, e cioè che non si può andare contro natura. E la natura esige che a picchiare la moglie sia il marito, e non un’altra donna. E’ un matrimonio, cazzo, mica una lotta nel fango!

Vieni a trovarmi sul mio blog “Lo Starnuto”

 

Salvate il soldato Embrione

Sottotitolo (a proposito di “tensioni sociali”):   nulla vieta a un governo di premiare con promozioni e onori i responsabili di un massacro che verrà a lungo ricordato come un atto vigliacco e gratuito, di natura fascistoide, contro persone inermi.

Però la credibilità delle istituzioni si misura con la cura con cui combattono il marciume interno, quando si presentano casi come quello della Diaz, per cui la nomina è un atto che svilisce le istituzioni democratiche.  Credo che nei paesi civili abusi e crimini commessi dalle forze dell’ordine siano puniti in modo esemplare proprio per evitare che si perda la fiducia. Noi abbiamo una lunga e nobile tradizione di premio agli abusi e di punizioni alle persone per bene, tanto per ricordare ai cittadini che sono soltanto dei sudditi sottoposti all’arbitrio.

Preambolo: militia christi, forza nuova, tutta brava gente con cui la chiesa intrattiene simpatiche e amichevoli relazioni.

Dovrebbe bastare e avanzare per abbandonare (ormai lo dico tutti i giorni perché ogni giorno c’è più di una ragione per doverlo dire) questa setta di intolleranti, di ipocriti oscurantisti, questi spacciatori di ignoranza dalla morale prêt-à-porter. E un sindaco che sfila con la fascia tricolore in una pagliacciata mostruosa rappresentando così tutti i cittadini, non solo quella parte che ha eletto un fascista a primo cittadino di Roma, città medaglia d’oro alla Resistenza. Non so se i romani se ne sono accorti ma ieri alemanno ha deciso che tutta Roma è contro la legge sull’aborto.

Chissà se alemanno era a favore della vita anche quando andava in giro con le molotov sotto al braccio, mentre  i suoi compari di ideologia (fascista) piazzavano bombe in ogni dove facendo esplodere treni, stazioni, quando le stragi fasciste si facevano beffe della vita, di quella fatta e finita, non di un’ipotesi di vita? ci vorrebbe qualche giornalista serio e coraggioso che glielo chiedesse.

Salvate il soldato Embrione

Amo i bambini. Amo gli animali. Detesto il genere umano, ma ho rispetto della vita.

 Si può fare tutto ormai, in questo mondo folle. Sfilare per strada in favore della vita mentre tutto, intorno, muore. La vita intesa come l’embrione, ovviamente, quello che non si vede, che Dio ha creato e messo dentro la pancia della donna che poi partorirà con dolore. Quella vita non vita, sospesa, che si farà. Forse si farà, perché non è più certo che possa evolversi e farsi uomo. Non è detto che possa sopravvivere.

 È facile proteggere le vite non ancora nate. Impossibile pare poter salvare quelle ormai divenute adulte, che si impiccano e si sparano, che uccidono con armi intelligenti in nome di una pace che puzza di danaro. Piangere un aborto e tollerare l’eccidio infinito delle guerre, dichiarate e non.

 Queste manifestazioni che puzzano di fascismo, con quei valori fasulli che negano ogni libertà anche quella di scegliere – con tutto il dolore possibile – di non aggravare questo mondo di un altro essere che dovrà lottare per strapparsi i pezzi di vita a morsi, come il pane che probabilmente non avrà. In questo tempo in cui, responsabilità del genitore sarebbe quella di non procreare, per non provare il rimorso di non essere riuscito nemmeno a consegnare una vita degna di essere vissuta a quel bimbo a volte desiderato. Nemmeno più si corre il rischio di procreare, proprio per non essere costrette a confrontarsi con questo mondo che aggira le leggi costringendoti a volte alla clandestinità dei diritti ormai negati.

 Pure quel fascista del sindaco di Roma, in pompa magna, con la sua fascia tricolore e la rimpatriata con i suoi camerati, proibiti dalla nostra Costituzione, eppure vegeti e di nuovo pronti a trascinarci nel medioevo dell’inciviltà. Verrebbe da urlare l’ultimo insulto, ma questo è il mondo che confonde i valori con la demagogia, la dittatura con la democrazia. Non siamo nuovi a queste trovate, siamo in fondo il paese del family day, il giorno in cui sfilarono preti pedofili, presidenti pedofili, presidenti fedifraghi, nani, puttane e ballerine, per dare a noi la lezione di famiglia e moralità.

 Non posso neppure ridere per la loro incoerenza, per la loro ignoranza o strafottenza. Non posso ridere pensando a gente come questa, che la notte incendia i campi rom e di giorno salva l’embrione. Questa gente che per salvare la Patria ucciderebbe i clandestini, e poi sfila per strada per salvare l’embrione. Questa feccia immonda, che ha contribuito a creare il baratro in cui le vite umane sono finite, e ha così tanto a cuore una vita mai nata.

Ma ci sta, in questo paese indifferente, che non si guarda più negli occhi quando s’incontra per strada. Questa nostra epoca che fugge dall’odore della fatica della vita altrui, che nega l’altrui dolore, incapace di compiere un gesto caritatevole e che anche quando lo compie spera di trarne profitto. È un mondo in cui da lontano salviamo le vite ai cani, ai gatti e persino ai ratti, ma non dividiamo il cibo con nessuno.

 Amo i bambini, quelli già nati. Quelli malnutriti, quelli infreddoliti. Gli ultimi bambini del mondo, quello che non giocano alla guerra perché non ne hanno il tempo, dato che la guerra la fanno davvero. Amo i bambini che mitragliamo in tempo di pace. Amo i bambini, tutti i bambini, anche quelli molestati dal cattolicesimo che ci impone di non gettar via un embrione. Amo i bambini nati, e poi abortiti dalle barche, dispersi e dimenticati in fondo al mare.

 La vera marcia per la vita, sarà quella con i forconi, che salverà le nostre. Sarà da festeggiare il giorno in cui, spazzata via questa feccia, potremo di nuovo avere la libertà di desiderare un figlio, e poi, arrivata sera, farlo con serenità.

 

Rita Pani (APOLIDE)

A noi ce interessa propio ‘ a vita, dar concepimento aa nascita, un quarto d’ora dopo già ‘gne ne frega più gnente a nessuno.
Della vita conta solo il feto dar primo giorno, er parto e prima de’ morì, in mezzo ce sta solo un grandissimo chissenefrega.