Feed RSS

Riforme_Rai

L’Italia del rottamatore, del quarantenne rampante è rimasta l’unico paese europeo a non riconoscere una legalità, quindi i diritti, alle coppie omosessuali.
Complimenti vivissimi a chi ha votato, sostenuto e lo fa ancora questo pericoloso megalomane che oggi invece di andare a scusarsi con i derubati dal suo decreto salvabanche come ha fatto Tsipras con i greci privati fino a ieri dei loro diritti, è andato a tagliare l’ennesimo nastro ad una finta grande opera.  Sette miliardi di euro, cifra come al solito più che raddoppiata rispetto a quella prevista che era di 2.521.000.000, undici anni di lavori per costruire 59 chilometri di strada e far risparmiare un quarto d’ora di viaggio a chi deve percorrere quel tratto di strada.
Questa è la prestigiosa, necessaria ‪#‎VarianteDiValico‬.
E ‪#‎Renzi‬ ha pure il coraggio di vantarsi della “grande opera” come se l’avesse costruita con le sue nude mani e non fosse invece un progetto di altri.
Ecco come si costruisce il consenso politico di un cialtrone.

***

Quando Renzi diceva “fuori i partiti dalla Rai” intendeva dire fuori i partiti e dentro il governo?  Dopo che in tutti questi anni nessuno della presunta sinistra ha mai voluto risolvere il conflitto di interessi di berlusconi arriva Renzi e fa asso piglia tutto con l’azienda di stato ma lo fa coi soldi dei cittadini.  I contribuenti saranno costretti a pagare una tassa opportunamente inserita nella bolletta dell’elettricità per finanziare un’azienda fintamente pubblica visto che ormai i programmi sono un intermezzo fra una pubblicità e l’altra, un’azienda messa sul mercato con un amministratore delegato stile Marchionne scelto da Renzi in persona che a sua volta potrà decidere il personale da assumere che dovrà fare i palinsesti a immagine e somiglianza del Leopoldo da Rignano stando ben attento a non dis_turbarlo troppo.

A questo punto, visto che Licio Gelli è morto i diritti d’autore se li dovrebbe far pagare berlusconi,  meglio di così non avrebbe saputo fare nemmeno lui che almeno le sue porcate le ha fatte in governi eletti da parlamenti autorizzati dal voto degli elettori, non da uno abusivo che avrebbe dovuto solo garantire la tenuta dello stato e invece lo sta rovesciando senza il permesso di nessuno. 

***

“La tv di Stato aumenta la dipendenza dai partiti

Ora è come se l’ad della Rai fosse Palazzo Chigi”

Enrico Mentana, direttore del Tg de La7, critica la riforma della Rai approvata ieri al Senato (leggi)
E davanti ai telespettatori rincara la dose: “Col canone in bolletta molti più soldi dei competitor” (video)

“Con questa riforma torniamo a prima del 1975, a una Rai che dipende dall’esecutivo. La fonte di legittimazione del Cda è la commissione di Vigilanza, ma soprattutto l’amministratore delegato con pieni poteri è Palazzo Chigi“. Il direttore del Tg La7, Enrico Mentana, intervistato dal Fatto, non usa sfumature. “Non si può dire ‘fuori i partiti da viale Mazzini’ e poi approvare una legge del genere”.

***

renzi_vespa_porta_a_portaSe una riforma del genere l’avesse pensata e realizzata berlusconi, perfino gasparri dice che è incostituzionale ed è tutto dire, oggi avremmo le piazze piene di girotondi, di popoli viola, di senonoraquandiste, di associazioni popolari, di articoli21, di difensori della Costituzione più bella del mondo. Invece, tutto tace, e non potrebbe essere altrimenti due giorni prima di natale nel paese più assopito del mondo. Solo su una cosa Mentana sbaglia, quando dice che non è vero che la televisione orienta gli esiti delle elezioni.
Questa cazzata la lasci dire a Pigì Battista che la ripete da anni, lui che è stato anche un dipendente mediaset sa benissimo che non è vero.
Se fosse così la politica non avrebbe l’ossessione del controllo dei media: vent’anni di berlusconi e ancora c’è chi vorrebbe convincere la gente che le televisioni non spostano i voti, mentre sono riuscite e riescono a spostare perfino i cervelli.

***

RIFORMA RAI

Avanti a mani alzate  – Vincenzo Vita

Nel consesso civile l’alzata di mano è una richiesta educata di parola.
In parlamento, il luogo dove si dovrebbe costruire la civiltà l’alzata di mano serve a togliere la parola..
Il parlamento di Renzi riforma la Rai, lo stato a modo suo con lo stesso spirito che anima una riunione di condominio dove basta una persona in più a decidere il colore delle tende dei terrazzi.
A margine di tutte le sconcezze che dobbiamo subire tutti resta però la realtà di un paese che non vuole crescere, maturare, fatto di una maggioranza di gente che spera sempre che sia qualcun altro a risolverle i problemi e il dramma è che sceglie sempre le persone sbagliate.

Se i farabutti approfittano sempre delle feste, delle vacanze, di ferragosto per fare le peggiori porcate è perché possono contare sulla complicità di chi non alza più nemmeno un sopracciglio nemmeno di fronte al peggiore degli abusi di potere.
Per fortuna Licio Gelli è mancato giusto un attimo prima della magnifica riforma della Rai targata Renzi, altrimenti altroché i diritti d’autore avrebbe chiesto.
Fino a ieri le televisioni pubbliche controllate in toto dal governo esistevano solo in Cina, Thailandia, la Corea del nord, in tutti quei paesi dove l’ipotesi di democrazia è stata stroncata sul nascere. Da oggi finalmente l’abbiamo anche qui, così ci togliamo il pensiero ché il dilemma “democrazia sì, democrazia no” ha sinceramente rotto il cazzo.
L’occupazione manu militari del servizio pubblico da parte del governo di quello che diceva “fuori i partiti dalla Rai” è cosa fatta e ha pure un capo: Renzi.
Kim Renz-un prima ha pensato al modo per far pagare il canone a tutti, dopo si è riformato la Rai a sua immagine e somiglianza, nominando il direttore generale leopoldo e promuovendolo AD, quindi con tutti i poteri nelle sue mani come se la Rai fosse una sua azienda privata dove l’uomo solo può decidere chi deve stare dentro e chi fuori senza fare nemmeno l’editto.
La domanda è retorica e stra-abusata, ma “se l’avesse fatto berlusconi”?
Gli italiani costretti dallo scippo con destrezza del canone in bolletta a sovvenzionare la ormai ex azienda di stato per permettere ad un capo del governo abusivo di trasformarla definitivamente nel suo house organ.
Presumo sia inutile aspettarsi un sussulto di dignità da parte di quei pochi professionisti che pensano che il giornalismo e l’informazione non siano mettersi al servizio del capetto di turno ma il perno dell’equilibrio democratico di un paese.  

Con una Rai così conciata da Renzi che se l’è praticamente privatizzata a suo uso e consumo, pagare il canone è un abuso.
La politica dovrebbe finanziare di tasca sua un servizio che serve solo alla propaganda di regime, non estorcere la tassa ai cittadini.

 
Annunci

»

  1. Bravissima! C’è una sola precisazione: nessuno lo ha eletto.

    Rispondi
  2. consenso polititico di un cialtrone… io lo chiamo venditore di pentole…s cusami, forse mi sbaglio ma tu non eri su quel portalicchio ora in fin di vita con un blog locanda etc etc ? Sparisti quando arrivai io ed era un gran bel blog…comunque curiosità a parte ,condivido il tuo pensiero Viki ex stregaM.

    Rispondi
    • Sì, sono io, ma non sono sparita volontariamente, semplicemente hanno ucciso il mio blog per togliere di mezzo me. Sono una persona fastidiosa in un ambiente ipocrita e falso come il web, anche se devo dire che mi ha dato parecchie soddisfazioni, non solo quella di essere ricordata anche a distanza di anni per aver avuto un blog sul portalicchio in fin di vita ;-))

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...