Feed RSS

Suburra: ovvero il politico, il malavitoso e l’eminenza

Inserito il

Quando uno scrittore scrive un libro e un regista gira un film seguendo la traccia scritta come è successo per Romanzo Criminale e adesso con Suburra, entrambi non lo fanno certamente per far diventare idoli e semidei dei criminali come è accaduto con Romanzo criminale, i cui protagonisti, la famigerata “banda della Magliana” sono stati umanizzati, trasformati in nicknames, magliette e portachiavi come delle rock star mentre altro non erano che pericolosi criminali che hanno destabilizzato per anni non solo la capitale ma tutta l’Italia.

Il  processo della deizzazione avviene solo nelle teste bacate di chi non si rende conto di quello che legge, di cosa vede e della realtà che circonda non solo Roma ma, nel caso specifico dei temi trattati da Bonini e De Cataldo nel libro e ripresi da Sollima nel film,  tutta l’Italia.
Non è colpa degli scrittori e dei registi se questo è un paese culturalmente e intellettualmente limitato dove c’è gente che certe verità storiche, politiche, di semplice cronaca dell’attuale non le capisce né le accetta nemmeno se qualcuno gliele incarta sotto forma di “regalo” attraverso il libro e il film.
Di  Suburra non si può dire che è un bel film: non c’è niente di bello in questa storia, nemmeno a cercarlo con la lente: l’aggettivo che meglio descrive la trama del film, molto ridotta rispetto a quella del libro è “terribile”.
Si può dire che è un film ben fatto nel suo svolgimento e nella sua realizzazione scenica, che gli attori sono straordinariamente bravi, che andrebbero premiati per il solo fatto di aver accettato di vestire i panni e incarnato i ruoli di chi ha reso non solo Roma ma tutta l’Italia una cloaca a cielo aperto.
Perché è troppo facile parlare solo di Roma come una Suburra.
Il sistema che parte da Roma contagia e contamina tutta l’Italia.  Roma viene colpevolizzata oltremodo perché ospita il vaticano, vero centro di   un potere tossico, tutt’altro che finalizzato al bene e i palazzi dove poi quel potere viene messo in pratica dalla politica che fa le leggi che devono accontentare tutti: anche le varie organizzazioni criminali mafiose e paramafiose che si mischiano con la politica,  agiscono sul territorio partecipando alla razzia del bene pubblico.
Mafia capitale non è una specialità romana e romanesca ma è la consuetudine che ha segnato in modo irreversibile e devastante il corso della storia politica di questo paese da quando esiste la repubblica. 

La vera violenza di Suburra non sono le scene di sangue né la trama ma la realtà di ciò che racconta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...