Lei sì, che ha vinto

Per entrare nella Storia non servono l’estetista, la tinta e nemmeno le meches: basta una doccia “più lunga del solito”.
Se si parlasse più di donne come lei, che ha lavorato e studiato tutta la vita per arrivare al raggiungimento del suo obiettivo e meno di quelle che hanno avuto la carriera regalata, incapaci di onorarla, di essere grate al privilegio, si farebbe un favore non solo alle donne ma a tutta l’Italia.

 

Annunci

5 pensieri su “Lei sì, che ha vinto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...