Feed RSS

Garante, di chi?

Inserito il

Un presidente della repubblica che parla al telefono con un ex ministro indagato per falsa testimonianza, nel merito di cosa e perché non è dato sapere e poi pretende che vengano distrutte le prove di quelle conversazioni, che permette ad un già condannato, prescritto in vari processi penali che lo riguardano, un plurinquisito di continuare la sua attività “politica” interferendo nell’attività della Magistratura che lo deve giudicare e, come se non bastasse lo riceve al Quirinale –  come se fosse uno statista vero – subito dopo una condanna in primo grado a sette anni per concussione e sfruttamento della prostituzione minorile che cosa garantisce di preciso? o per meglio dire, chi?

***

Tre giorni fa da Letta, ieri al Quirinale.
Speriamo che il papa nei prossimi giorni s’inventi qualcosa di molto urgente da fare, altrimenti toccherà anche a lui ricevere a cena un condannato a sette anni di galera.
Se questo è un paese normale.

***

“Per amare la pace, armare la pace”. [Mario Mauro, ministro della difesa a proposito dell’acquisto degli F35,]

Della serie: “spezzeremo le reni anche al buon senso”.

Per elaborare una scempiaggine simile bisogna impegnarsi molto; qualche giorno fa sempre il ministro disse che gli F35 servono a fare la pace.

 Un po’ come dire che per dimagrire bisogna mangiare o che per essere puliti non ci si deve lavare.

L’uso insensato delle parole è possibile perché quasi nessuno se ne accorge; questi possono dire quello che vogliono e troveranno sempre un giornalista serio e compunto che li fa parlare, li ascolta ma non pronuncia mai, dopo,  la semplicissima frase:”scusi, ma che cazzo dice?”

***

Un contributo strepitoso purtroppo non all’altezza della mente povera, anzi assente di mariastellagelmini.

La professoressa ha spiegato molto bene quanto la figura di silvio berlusconi abbia danneggiato questo paese, e di quanto sia in pericolo il futuro dei giovani che sono cresciuti assimilando la sua subcultura del tutto lecito purché si abbiano i soldi per pagarselo.

berlusconi ha elevato a leciti e ancorché simpatici comportamenti che una volta significavano l’emarginazione dal contesto sociale.

Ovviamente siccome la gelmini come da consuetudine a lei cara non ha capito niente si è risentita perché secondo il suo autorevole parere la dottoressa  avrebbe offeso tutte le donne, anzi, tutti gli italiani e non lei e quelle e quelli come lei che si sono votati alla difesa e al sostegno del delinquente puttaniere. 

***

Lodo Mondadori, giudici di Cassazione
decidono sulla lunga guerra di Segrate

Lodo Mondadori: la storia vera – l’Espresso

***

D’Alema: “Berlusconi avrebbe dovuto farsi da parte da tempo”.

E pensare che senza D’Alema, il geniale legittimatore del berlusconi politico, l’inventore della bicamerale che consegnò a berlusconi le chiavi del paese non sarebbe stato nemmeno necessario, perché non ci sarebbe stato nessun posto – nella politica – dal quale cacciare berlusconi che sarebbe rimasto l’imprenditore fallito che era e che confessò ad Enzo Biagi che se non fosse entrato in politica per lui restava solo San Vittore.

***

Il reddito di cittadinanza no e gli F35 sì.

Questo è il pd: il partito del bene comune, del rinnovamento, del cambiamento.

Vediamo se qualcuno avrà ancora il coraggio di raccontare  la storiella che sono i 5stelle i fascisti antistato che non conoscono la Costituzione, quella dove c’è scritto che l’Italia ripudia la guerra.

Queste sono le priorità italiane, quelle che risolvono i problemi del lavoro che non c’è, dell’istruzione pubblica ridotta ai minimi termini e della sanità, sempre pubblica ché la privata funziona alla grande, da terzo e quarto mondo. Ricordiamocele queste cose.

Se lo ricorderanno tutti che gli unici contro sono stati SEL e 5Stelle?
Speriamo di sì.

 

 ***

Dei delitti e del pene
 Marco Travaglio, 27 giugno

“La prostituzione è un fenomeno che purtroppo sta dilagando… Un fenomeno sommerso… di ragazze attirate in Italia con lo specchietto del lavoro nella moda, o nel cinema, o nella televisione e poi costrette in appartamenti… utilizzate e poi minacciate nel caso in cui rivelassero a chiunque la loro condizione… Vere e proprie schiave che patiscono questa condizione intollerabile. Perciò su questo abbiamo fatto un disegno di legge che è intervenuto con delle pene elevate per chi sfrutta la prostituzione e per gli stessi clienti delle prostitute. Credo che queste pene siano estremamente giuste, soprattutto quando le prostitute sono minorenni”. Sante parole. Indovinate chi le ha pronunciate? Il solito moralista della sinistra salottiera? Un giudice talebano e puritano (naturalmente donna) che vuole processare lo stile di vita di un avversario politico? Un nemico della pacificazione e delle larghe intese che vuole perpetuare all’infinito la guerra dei vent’anni? No, Silvio Berlusconi, il 24 giugno 2009, presentando da presidente del Consiglio, seduto accanto all’allora ministro delle Pari Opportunità Mara Carfagna, il disegno di legge del suo governo che inaspriva le pene sulla prostituzione, anche minorile. Il video è in rete, a disposizione degli increduli e soprattutto dei creduloni. Basta questo per tappare la bocca in eterno alle prefiche arcoriane, ai Ferrara col rossetto, ai pompieri della sera e ai nove decimi dei trombettieri olgettini che si alternano in questi giorni sui giornali e in tv lacrimando per la condanna di B., ritenuta clamorosa, spropositata, sorprendente, nel processo Ruby. Non sanno, o fingono di non sapere, che i giudici gli hanno applicato la pena più bassa possibile in base alle leggi vigenti sulla concussione per costrizione e alla prostituzione minorile. Ma soprattutto che ad alzare le pene per entrambi i reati sono state tre leggi votate dal Pdl e dunque anche da B., due delle quali furono proposte e approvate dal suo secondo e terzo governo. Fino all’anno scorso, la pena minima per la concussione era di 4 anni e la massima di 12. Poi, siccome B. e Penati erano accusati dai pm di concussione per induzione, la ministra Severino — con i voti del Pdl e del Pd — trasformò questa fattispecie in un reato minore, punito da 3 a 8 anni e con prescrizione abbreviata da 15 a 10 anni. Per quella per costrizione, invece, fu alzata la pena minima da 4 a 6 anni. Tanto, si pensava, non riguarda né B. né Penati. Non potevano prevedere, né lei né i berluscones, che i giudici avrebbero riformulato la concussione di B. da induttiva a costrittiva. Risultato: gli hanno affibbiato 6 anni, cioè il nuovo minimo della pena. Meno di così non potevano, grazie a una legge votata dallo stesso imputato. Una legge ad personam e a sua insaputa, ma all’incontrario, in base all’eterogenesi dei fini. Il settimo anno invece B. se l’è buscato per prostituzione minorile. Su quel reato sono intervenute ad aggravare le pene e a ridisegnare la competenza territoriale dei pm due leggi dei governi B.: la Prestigiacomo n. 38/2006 e la Carfagna n. 48/2008. Da allora “chiunque compie atti sessuali con un minore di età compresa tra i 14 e i 18 anni, in cambio di denaro o di altra utilità economica, è punito con la reclusione da 6 mesi a 3 anni e con la multa non inferiore a euro 5.164”. E fra gli atti sessuali la Cassazione comprende anche la “palpazione concupiscente”, i balletti osé ecc. Non occorre neppure dimostrare un rapporto completo. Per questo reato B. è stato condannato “in continuazione” con l’altro a 1 anno di carcere, cioè a una pena molto più vicina al minimo (6 mesi) che al massimo (3 anni). Cioè l’imputato ha fatto tutto da solo. Prima ha fatto i divieti, poi li ha violati e ora che l’hanno beccato e condannato se la prende con i giudici che hanno applicato le leggi.

Le sue. Bel pirla.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...