Feed RSS

La condotta

Inserito il

Preambolo: insegnate ai bambini ad essere indipendenti, senza dover seguire dottrine stabilite da altri.
Liberateli dalla schiavitù delle religioni insegnando loro quanto amore, quanta umanità e quanta cristianità ci sono nella poesia, nell’arte, nel sapere, nella fantasia, nella bellezza delle cose e nelle persone concrete, quelle che si vedono, si toccano, si annusano, si baciano, si mangiano, ci si fa l’amore. 
Non c’è un’altra vita, la menzogna di quel regno dei cieli destinato ai ‘buoni’ per mezzo della quale da millenni la chiesa tiene sotto scacco miliardi di persone: c’è solo questa.

Sottotitolo: Jack lo squartatore aveva una condotta sociale un po’ sotto lo standard.

Chissà il cardinale “quante volte viene”.
Per lo standard, dico.

Il cardinale O’Brien: “Cattiva condotta sessuale“.

Un uomo di chiesa non dovrebbe proprio avercela, una condotta sessuale, poiché  vi ha rinunciato per scelta sua e non per costrizione.

Almeno dovrebbe essere così.

Conclave, il cardinale O’Brien: “Mi scuso per la mia condotta sessuale”

Il cardinale Keith O’Brien, alla fine, ha ammesso le proprie responsabilità. L’ormai ex primate di Scozia e arcivescovo di St.Andrews e Edimburgo, accusato da quattro sacerdoti di comportamenti “inappropriati”, ha affidato il proprio “mea culpa” a una nota diffusa dalla Bbc.

O’Brien, che lo scorso 25 febbraio aveva presentato le proprie dimissioni in seguito allo scoppio dello scandalo, annunciando contestualmente di non poter più partecipare al Conclave, ha riconosciuto che la sua condotta sessuale “è scesa al di sotto degli standard che ci si doveva aspettare da me come prete, arcivescovo e cardinale”.

Il cardinale 74enne ha chiesto scusa “a quanti ho offeso, alla chiesa cattolica e agli scozzesi”. Il cardinale britannico è sempre stato un acceso critico del movimento gay, condannando l’omosessualità come immorale e i matrimoni gay come “pericolosi per la salute fisica, mentale e spirituale delle persone coinvolte”.

‎”Gli omosessuali sono un pericolo per la pace”. [Benedetto Emerito XVI un po’ prima di dimettersi].

La pedofilia, invece, ovvero lo stupro su persone non consenzienti e perlopiù minorenni, a differenza del rapporto omosessuale che rientra in una normale scelta di vita, un orientamento sessuale di persone rispettabili e soprattutto da rispettare ché non nuocciono né danneggiano nessuno, rientra nelle normali condotte sessuali alla quale si può dare anche una valutazione, non in un tribunale ma mentre si partecipa alla nomina di un nuovo papa.
Avranno pure smesso di mettere gente sui roghi – se potessero lo farebbero volentieri ancora oggi – ma il livello della considerazione per l’umanità che hanno certi “uomini” di chiesa resta più o meno quello di qualche secolo fa.
Ci sarebbe da chiedersi quanti stupri ci vogliono per scendere al di sotto dello standard di uomo di chiesa.
Perché per tutti gli altri uomini che non indossano un abito talare non c’è mica lo standard di riferimento e la possibilità di scegliere il nuovo papa: c’è la galera.
Vivissimi complimenti a chi ha ancora bisogno di questi punti di riferimento.

L’amore, il rispetto, la cristianità sono cose che si portano dentro, si regalano, senza la necessità di farselo insegnare dalle religioni che per mezzo dei suoi uomini, referenti sulla terra di qualcuno che nessuno ha mai visto né sentito parlare per imporre la loro idea di amore hanno bruciato la gente sui roghi, l’hanno torturata, ancora oggi si continuano a fare guerre in nome di un dio, per evidentemente, spiegare che dio è amore anche quando si bombardano civili innocenti, si lapidano le adultere in una buca di terra perché non sono state fedeli al loro uomo e padrone o quando si impiccano ragazzini di 15 anni grazie alla sharija, perché non pensano che l’amore sia solo quello fra uomini e donne.
O quando si violentano bambini e ragazzi – da uomini di chiesa, dunque portatori di un messaggio di pace, fratellanza e rispetto per l’altr* pretendendo poi di dare una valutazione al proprio agire anziché permettere che quella valutazione la dia il giudice di un tribunale così come avviene per tutte le persone che si macchiano del crimine più odioso di tutti perché riguarda bambini e ragazzi, il futuro di tutte le società civili che vedranno negarsi per sempre la possibilità di vivere una vita normale, sana, libera e felice.
Che dio, se esiste davvero, vi maledica, visto che gli uomini e le donne di questa terra non lo sanno fare.

Annunci

Una risposta »

  1. il cardinale voleva dire che due o tre pippette se le possono fare. Ma non di più!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...