C’è grossa crisi…

Sottotitolo:  il governo Monti ne ha fatte un sacco e una sporta, ma mò mettetevi nei panni di professoresse e professori, e pensate per un attimo alla sensazione che possono provare sentendosi dire dalla copia malriuscita di bugs bunny che l’esperienza di governo è finita.
Che tristezza…

Aveva ragione Don Paolo Farinella in un bellissimo articolo di Micromega di qualche mese fa [ Mario D’Azeglio e Massimo Monti].  Monti doveva prendere le sue decisioni e poi andare davanti agli italiani e dire: signore e signori, io volevo fare questo ma non me lo hanno fatto fare, vorrei fare ma mi impediscono di fare. 
E farlo ogni volta che i politici tradizionali tanto cari al presidente Napolitano  si mettevano di traverso. 

Alla fine qual è il motivo della crisi?  more solito   i problemi giudiziari di berlusconi, le sue beghe personali.

Il governo  prova a fare una cosa da governo  presentando il decreto sull’incandidabilità dei condannati e la decadenza dall’incarico per i condannati già in parlamento, uno a caso berlusconi ma giusto per per dire,  e cinque minuti dopo arriva la decisione del pdl di staccare la spina a Monti dopo aver votato insieme al governo e al pd tutte le porcate inimmaginabili in materia di economia e finanza, quelle che avrebbero dovuto salvare il paese dal default ma che in realtà sono ricadute sui lavoratori, sugli studenti, sui malati, sulla gente, su cittadini incolpevoli che con la crisi nulla c’entrano.

Contro Monti la stessa operazione di terrorismo psicologico come fu  per l’indulto di mastella, voluto perché serviva a berlusconi per previti,  ma alla fine chi ci ha rimesso è stato Prodi perché il tutto si è svolto mentre a palazzo Chigi c’era lui,  ma questa è real politik, ognuno si deve prendere le sue responsabilità e Prodi quell’indulto non lo doveva fare.

Il marchio dell’onta è rimasto a lui e chi ne ha goduto sono stati altri, ma sicuramente qualcuno, molti, i soliti italioti invasati penseranno  che è per merito del pdl se Monti va a casa dimenticando invece che Monti è arrivato proprio per colpa e incapacità del governo di berlusconi.

Quindi non le leggi che hanno impoverito i già poveri, non i favori al vaticano, non i tagli alla sanità, alla scuola pubblica mentre si regalavano milioni a quella privata,  non la cosiddetta  riforma della fornero, non i diritti che si continuano a negare ma una legge RIDICOLA sull’incandidabilità dei condannati che nei fatti non produce nessuna eclatante novità positiva, i delinquenti lì stanno e lì rimangono se Monti va a casa è perché ci vuole una legge che stabilisca che i delinquenti devono fare i delinquenti e i politici politica, possibilmente buona.

E’ meraviglioso tutto questo, dà l’esatta misura di come sia stato gestito questo paese fino ad ora.

Aveva proprio ragione Woody Allen: “i politici hanno una loro etica. Tutta loro. Ed è una tacca più sotto di quella di un maniaco sessuale.”

Quelli del pdl anche qualche tacca più sotto.

Spero che adesso tutti gli italiani capiscano che a berlusconi  del bene del paese non è mai interessato nulla.
Sono [e siamo] al si salvi chi può e ancora c’è un 15% di indefinibili creature disposto e disponibile a riportarlo a palazzo Chigi.

Tutto questo perché la politica in diciotto anni, dopo averlo costruito, non ha trovato un solo sistema per liberare l’Italia dalla zavorra berlusconi.

Viene voglia di scappare da qui  senza nemmeno fare le valigie.

One thought on “C’è grossa crisi…

  1. L’inizio del post è esemplare. Io sono totalmente contrario alla linea del governo Monti ma da qui a dargli la colpa di tutti i mali, ce ne corre.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...