Leggi ad (molte) personam

Sottotitolo:

Altre ragioni di stato attendono verità e giustizia.

Preambolo:  Il lavoro va meritato,  non è un diritto, secondo LA fornero (mi ha rotto i coglioni, da oggi il maiuscolo non vale più nemmeno per lei), il lavoro non è un diritto; invece i redditi superiori ai 70.000 euro (che è già una cifra scandalosa per un paese in recessione), sì? e che bisogna rispondere a un oltraggio simile? ma soprattutto, CHI risponderà in un paese in cui non c’è più nessuno a difendere i diritti della gente?

La Costituzione Italiana:
Art.1 – L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.

Art. 35 – La Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni.

Spending review: salve le pensioni d’oro

I tagli? Sui buoni pasto dei dipendenti 

 Quando in una proposta di legge si prevede di tagliare sui buoni pasto dei dipendenti per mantenere intonse, intatte e intoccabili pensioni da molte migliaia di euro al mese non dovrebbe esserci qualcuno tipo chenesò, i sindacati che consigliano – una volta tanto eh? – a questi parassiti, a questi pozzi senza fondo d’indegnità, a questi stupratori della giustizia sociale e dell’equità di andare a risparmiare altrove?
Ma con che faccia i rappresentanti sindacali si presentano davanti ai lavoratori se non riescono nemmeno a difendere due fottutissimi euro di buoni pasto? e inoltre, perché non ci si è pensato mai prima ad ottimizzare visto che c’è chi quelli da cinque euro li prendeva ex ante, ovvero prima dell’esplosione della  crisi a fronte di chi da anni si gode  quelli da dodici? non si poteva fare sei per uno prima, troppo facile e poco tecnico. 

“Nessun taglio alle  centomila pensioni d’oro che ogni anno costano 13 miliardi. Sì invece a quello dei buoni pasto per 450mila dipendenti pubblici che fa risparmiare solo 10 milioni.”


Per salvare una banca PRIVATA depredata dai creativi della finanza a vantaggio dell’avidità del solito 10% dei possessori dell’intero patrimonio nazionale il governo di Monti rapina i cittadini e nessuno fa un fiato? sindacalisti, politici de’ sinistra tutti zitti? “paccate di miliardi” al monte dei paschi e tagliano sui buoni pasto dopo aver tagliato ovunque fosse possibile meno però nelle tasche dei ladri e degli approfittatori di stato? In America il responsabile del tracollo del MPS sarebbe finito in galera per 350 anni almeno, qui è stato nominato presidente dell’ABI.
Sono, come sempre, soddisfazioni.

“La banca di Profumo, indebitata e indagata, non trova i soldi per rispettare gli impegni. Ma niente paura, glieli presta il governo.”

L’importante è salvare sempre le banche, eh, come avremmo fatto senza questi tecnici e senza gli assistenti dei tecnici recentemente assunti da Monti  fra i quali un certo signore che prende 32.000 euro al mese di pensione e la loro genialità? meno male che ci sono questi geni della scienza e della tecnica, non oso pensare a cosa sarebbe successo se ci fosse stata la politica tradizionale, al posto loro. E Napolitano, di solito così loquace in questo ultimo periodo non dice niente, nessun conato di monito? nessuna viva & vibrante soddisfazione da esternare?


Il matrimonio di Figaro o la Folle giornata

[Il Contropelo, di Massimo Rocca per Radio Capital]

Con una sigla così ci si dovrebbe trovare bene in una folle giornata. Però a sapere che il nostro presidente del consiglio alla camera ha detto no alla trappola della recessione che sarebbe innescata dal “rigore che frena la crescita” perché sarebbe “la ricetta migliore per ridurre l’accettazione della costruzione europea tra i cittadini e per trascinarci nel provincialismo e nell’isolazionismo”, cascano le braccia. Viene da chiedersi dove StranaMonti abbia passato gli ultimi sei mesi, e se la sua mano destra sappia che cosa fa la sinistra. Temiamo seriamente di no. E che dire poi del silenzioso e discreto salvataggio del Monte Paschi Siena. Gli sono appena stati somministrati un miliardo e settecento milioni di vostri euro sotto forma di tremonti bond, cioè obbligazioni spazzatura emesse dalla banca e comprate dallo stato, perché nessun altro lo farebbe, che si aggiungono al miliardo e novecento milioni già erogato e rinnovato. Il Monte Paschi in borsa vale due miliardi e mezzo, l’avessero nazionalizzato risparmiavano anche qualcosina. Ma tanto van di moda le privatizzazioni, non è vero?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...