Feed RSS

Le physique du role

Inserito il

Sottotitolo: Standing ovation per Beppe Grillo:

“Costa Concordia è la metafora dell’Italia. Una balena arenata sugli scogli. Il capitano prima ha causato il problema, poi lo ha negato e poi è scappato. Come Piè Veloce Berlusconi. Il capitano pretendeva di dare istruzioni dalla spiaggia, con i piedi all’asciutto, mentre i suoi secondi erano rimasti a bordo (conversazione). Esattamente come i partiti con il governo Monti. La nave ha un nome italiano, ma il proprietario è americano… come il nostro Paese. Il padrone americano si chiama Carnival, come la gestione della nostra finanza pubblica. L’equipaggio era formato da extracomunitari sottopagati, belìn, proprio come quelli che lavorano in Italia. Il titolo di Carnival è sprofondato in Borsa, come i nostri titoli pubblici. Per salvare il salvabile il personale di bordo si è ammutinato mentre la nave si inclinava sul fianco. Ecco, questo non è ancora successo sulla terraferma. Sulla Concordia l’equipaggio ha potuto ribellarsi soltanto perché non era presente la forza pubblica a manganellare agli ordini del comandante, come in Val di Susa.”

 

Adesso tutti a fare la parte della vergine violata, ma che differenza c’è fra Schettino e chi rideva su trecento morti pensando ai soldi che avrebbe guadagnato? e quale sempre fra gli schettini e chi manda un bidello invece di un ingegnere esperto a fare il sopralluogo in una palazzina resa pericolante dalle scosse di terremoto sotto la quale sono morti ragazzini che potevano essere i figli di tutti? ma noi pensiamo davvero di avere le physique du role per scandalizzarci di questo e quello dopo aver permesso ad un delinquente impostore abusivo e ai suoi ascari di occupare i palazzi del potere? ce l’abbiamo ogni volta che i diritti di qualcuno vengono calpestati? ce l’abbiamo quando non pretendiamo quelle leggi che renderebbero questo, un paese appena normale? ce lo abbiamo avuto ogni volta che i governi di tutti i colori si sono inchinati davanti al capo di uno stato estero in gonnella invece di zittirlo così come lo si è fatto con un Sarkozy e una Merkel che ridevano sulle nostre disgrazie?

Gli schettini servono, altroché, servono a ricordarci che in questo paese tutto è possibile.

CASTA CROCIERE
Marco Travaglio

 

Ora diranno che noi italiani non riusciamo a diventare seri nemmeno nelle tragedie, anzi riusciamo subito a trasformarle in macabre farse. Gli altri hanno il Titanic, noi la Concordia. L’italianissima “nave più grande del mondo” che, già per com’è posizionata, mezza sott’acqua e mezza sopra con uno squarcio nella chiglia, è la migliore icona del paese che siamo. Più che un naufragio, una parabola. 

Del capitano Schettino sappiamo tutto e forse, si spera, anche troppo. Ma non era mica solo, sulla nave. Invece è come se lo fosse: se il comandante impazzisce, o si ubriaca, o picchia la testa, non c’è niente da fare. Nessun controllo, nessuna valvola di salvaguardia. Un uomo solo al comando, con potere di vita e di morte su tutti gli altri. E, se dà via di matto o semplicemente si fa gli affari suoi, peggio per noi. Vi ricorda qualcosa? Poi ci sono i passeggeri, che al “si salvi chi può” danno il meglio, ma anche il peggio. Uno, accecato dalla disperazione, strappa il salvagente al vicino e lo lascia affogare. Altri fanno a botte o calpestano la massa per arrivare prima alle scialuppe saltando la fila e, conquistato un posto sulla barchetta, scacciano i bambini o i vecchi o le donne o disabili perché “non c’è più posto”. Vi ricordano qualcuno? Il “par ticulare”, lo chiamava Guicciardini. Poi c’è Costa Crociere, che prima difende il comandante e poi lo scarica, dichiarandosi parte lesa perché ha fatto tutto da solo (ma proprio perché poteva fare tutto da solo Costa Crociere non è parte lesa). Vi ricorda qualcuno?

E siamo a Schettino, per gli amici “Top Gun”, che nelle interviste fa il ganassa con le battute sul Titanic. Se c’era bisogno di qualcuno che rinfocolasse i luoghi comuni sull’italiano in gita, eccolo pronto alla bisogna. Il tipico fesso che si crede furbo, ganzo, fico. Il bullo abbronzato coi ricci impomatati e i Ray-ban neri che conosce le regole e le rotte, ma è abituato ad aggirarle, a smussarle. C’è l’amico di un amico a riva da salutare a sirene spiegate? Che problema c’è, se po’ fa ’. C’è da accostare per il rito dell’“inchino ” ai turisti portati dalla proloco? Ma per carità, si accosta. Accosta Crociere. Perepèèèèè. Crash! Ops, uno scoglio. E lui dov’è, al momento del cozzo? Una turista olandese giura che era al bar a farsi un drink con una bella passeggera appena rimorchiata. Perché la patonza
deve girare, no? 

A quel punto, con la nave gonfia d’acqua, si chiama la Capitaneria per dire “Tutto ok, positivo ”. Poi si parla di “guasto a un generatore”. Minimizzare, sopire, troncare finché si può. Crisi? Quale crisi? I ristoranti sono pieni, le stive pure. L’affondamento è solo psicologico, il classico naufragio percepito. Basta non parlarne e sparisce. Negare tutto, anche l’evidenza. Infatti è la Capitaneria a informarlo che la sua nave affonda. E allora “abbandonate la nave”: lui per primo, assicurando però “stavo a poppa, ora torno sul ponte, a bordo ci sono solo 2-300 persone” (sono ancora tutte e 4 mila, però il vero bugiardo dà sempre cifre false ma precise). Il solito De Falco – c’è sempre un De Falco sulla rotta dei furbi fessi – lo sgama: “Ma lei è a bordo?”. “No”. “Vada a bordo, cazzo! È un ordine”. “Sono qua sotto a coordinare i soccorsi, ora vado a bordo”. Invece è già all’asciutto, aggrappato a uno scoglio. Verrà avvistato sulla banchina mentre aspetta il taxi per l’hotel Bahamas. 

Manca ancora un ingrediente: la telefonata a mammà. “Sto bene, ho cercato di salvare i passeggeri”. Come si chiama mammà? Rosa, e come se no? Lui intanto mente pure sull’ultima manovra: “L’ho fatta io per facilitare i soccorsi”. Invece l’han fatta le correnti. Poi pesca a piene mani dall’inesauribile serbatoio dello scusario vittimistico nazionale: tutta colpa di “uno sperone di roccia non segnalato, la carta nautica dice che non doveva essere lì”. Il solito complotto degli speroni rossi, degli scogli spuntati a sua insaputa: se Vespa lo chiama a Porta a Porta, lui tira fuori il plastico. Non resta che svignarsela nella notte, quatto quatto, “per senso di responsabilità”, lasciando fare agli altri, ai tecnici. Vi ricorda qualcuno? Tipo un altro che aveva cominciato sulle navi da crociera?

 

Annunci

»

  1. Perchè poi ci si lamenta dei declassamenti e dei sorrisi francesi e tedeschi. Sembriamo tutti come quei pensionati che per sbarcare la giornata non trovano di meglio che accalcarsi davanti ad un cantiere di lavori pubblici ed immaginarsi architetti ingegneri capomastri o quant’altro.
    Basta,non c’era bisogno di un disastro per reiventare paragoni,che berlusconi sia un delinquente è ormai assodato ma secondo me più delinquente è chi lo tiene ancora in scena negando quelle elezioni che lo avrebbero spazzato via.
    Poi però c’è il realismo e la consapevolezza delle opposizioni di avere le stesse capacità di governo del cialtrone e che quindi era meglio chiamare il capo dei briganti (banchieri) a risolvere i problemi.
    La sciagura marinara dovrebbe essere trattata con velocità e negli ambiti propri,non in televisione,al comando delle navi non ci sono solo gli schettino ma fior di professionisti,ma noi invece buttiamo fango e screditiamo anche quel poco di buono che ci è rimasto,come il turismo e la cantieristica.
    Siamo un popolo di cialtroni ignoranti e ci meritiamo tutto quello che ci capita.

    Rispondi
    • Più che uno Schettino in parlamento, come scriveva ieri Gramellini paragonando la tragedia all’Italia, ci vorrebbe un De Falco all’opposizione. Questo, ci vorrebbe, uno con il coraggio di dire a tutti gl’impostori di togliersi dal cazzo.

      Rispondi
      • Per una volta in vita mia sono daccordo con Cacciari che questa mattina ha sostenuto che anche De Falco qualche cazzata l’aha detta,come quella pretesa di avere da un cretino l’elenco di quelli che erano a bordo divisi per categorie.
        Ma la capitaneria di porto,con tutti i suoi radar ed attrezzature satellitari dove cazzo era quando gli strumenti segnalavano una nave impazzita che stava andando sugli scogli.

  2. Vada a bordo, cazzo! ( e il gioco è fatto)
    Di Rita Pani

    Il capitano è già a casa, scrivono i giornali questa mattina. Agli arresti domiciliari, è arrivato al suo paese nottetempo, criticato ma protetto dalla cittadinanza che ora teme il circo mediatico, in questo paese di panem et circenses.

    Quel che resterà di questa storia, quando tutte le telecamere saranno spente, temo sarà quella frase disperata: “Vada a bordo, cazzo!” che da ieri gira, e si annuncia già come il “tormentone” dell’anno. Finirà, immagino, dopo che un po’ di bare allineate saranno benedette tutte insieme, in diretta TV, così come si usa fare quando la morte fa spettacolo, e aiuta la sopravvivenza dei vivi. Sappiamo tutto ormai di quella nave, e di quella crociera. Tutto il visibile è stato visto, le persone allineate come formichine, le immagini sottomarine, l’inchino al capitano, la faccia da coglione del capitano, la sua codardia – ancora da decifrare – e altro sapremo in ore e ore di dirette televisive alla ricerca di uno scoop che ci tenga distanti dal resto e obnubilati.

    L’invisibile è quello che si dovrà dimenticare, di quella nave come troppe altre, che forse resterà inghiottita dal mare, e chissà, magari diventerà un altro reperto di archeologia sottomarina, che si potrà anche sfruttare negli anni a venire, quando finalmente avremo scordato i morti, la strage e tutte le altre anomalie.

    L’invisibile è comprendere finalmente che le crociere Costa sono diventate accessibili a quasi tutti, anche a coloro che vogliono fingere di essere un po’ ricchi comprando pacchetti offerta sul modello “low cost”, perché come tutte le altre aziende che si rispettino, c’erano a bordo le maestranze extracomunitarie, quelle invisibili anche loro, che muovendosi con discrezione pulivano cessi o preparavano pietanze della tradizione italiana, in cucina. Lo si evince dai nomi dei dispersi, e c’è da gioire del fatto che forse, almeno per una volta, essendo sulla lista dei dispersi, son diventati persone anche loro, che se non fossero morti non ce li saremo mai nemmeno immaginati.

    Poi, come per ogni tragedia che si rispetti, ecco nascere gli eroi. Anche di quelli sentiamo un bisogno disperato. Di solito sono uomini (quasi mai donne) che non hanno fatto nulla di più che il loro dovere; ma anche questo, ormai, fa parte delle eccezioni in questo paese al contrario, dove è speciale quello che dovrebbe essere normale.

    E così un’altra tragedia è giunta in soccorso di questo paese che come la Concordia, affonda lentamente, piegandosi su sé stesso sulle proteste che non trovano spazio sotto il tendone del circo mediatico, e non attecchiscono, non coinvolgono e non contagiano. “Vada a bordo, cazzo!” è più simpatico di uno slogan lanciato in Sicilia, forcone in mano, e senza dubbio più sensato dei cartelli dei taxisti romani, che hanno paura di “Questo governo comunista”.

    Ci sarà solo da aspettare per vedere tutti i numeri del gradimento popolare, soprattutto quando finalmente il comandante codardo siederà al banco degli imputati, nel processo che ci sarà. Per assistere a quello dell’omicidio Scazzi, per entrare a teatro si fanno due ore di fila, chissà come andrà per Schettino!

    Rita Pani (APOLIDE)

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...