Beauty Contest

            

Sottotitolo: se  qualcuno avesse detto a Berlusconi che bastava piangere durante una conferenza stampa…ma per carità, non voglio infierire su un momento di evidente debolezza e stanchezza.

“I grandi patrimoni sono un concetto facilissimo da cogliere mentalmente, difficilissimo da cogliere fiscalmente. Così il premier Mario Monti spiega l’assenza della patrimoniale tra le misure della manovra.”

Quelli piccoli, quelli semplicemente normali, invece, si colgono benissimo sia mentalmente che fisicamente. Eccome, se si colgono.
Non so, a me, se la Marcegaglia è contenta di questo decreto cosiddetto salvaitalia e la Camusso no, istintivamente viene da appoggiarmi spalle al muro.
Apprezzo comunque il presidente del consiglio tecnico del governo tecnico che rinuncia al suo stipendio: la politica è fatta anche, certe volte soprattutto, di gesti simbolici.

Preambolo: una casa di proprietà costa molto più di quanto in realtà renda. E se i soldi dell’ICI vengono poi spesi per opere e strutture pubbliche a beneficiarne saranno anche le persone che si pagano un affitto, quindi sarebbe corretto che contribuissero anche loro. Per pagare un mutuo s’impiegano anche vent’anni di vita, durante i quali si deve per forza di cose rinunciare ad un’enormità di altre cose, io quando leggo che una casa comprata, quando è la prima, l’unica, un’abitazione al limite della modestia, “fa reddito”, rabbrividisco. Per me l’ICI sulla prima e unica casa è ancora un ladrocinio, crisi o non crisi.

Riduzione drastica delle spese militari, un solo aereoplanino da guerra vale 183 asili che potrebbero ospitare 12.810 bambini: inutile santificare la famiglia se poi non si fa niente per la famiglia. Sulle armi non risparmia mai nessuno, a destra come a sinistra e nemmeno i cosiddetti tecnici: 15 miliardi per l’ acquisto di 131 cacciabombardieri ( circa metà della manovra). Aumento delle misure per combattere i grandi evasori fiscali, le mafie e la corruzione in generale; tasse per la Chiesa dove è giusto che si paghino e cioè su tutto ciò da cui scaturiscono guadagni quindi sì, anche l’ICI sugli immobili destinati ad usi diversi dal mero esercizio del culto; eliminazione dei finanziamenti destinati a mega opere pubbliche (che hanno il solo scopo di ingrassare le solite caste grandi e piccole e di aumentare il debito pubblico); riduzione degli stipendi e dei privilegi riservati ai parlamentari; eliminazione dei finanziamenti ai partiti sotto forma di rimborsi elettorali e ai giornali (quasi tutti di partito: che se li paghi chi li legge, i vari feltri, belpietro, sallusti e compagnia diffamante); eliminazione dei fondi per scuole e cliniche private e per fondazioni in memoria di gente che è scappata ad Hammamet non da esiliata ma da latitante.
Dopodiché, se non dovesse bastare allora sì, è giusto che siano anche le categorie più deboli a partecipare nella giusta misura ai sacrifici, altrimenti no, non si può parlare di equità.

10 thoughts on “Beauty Contest

  1. sulle lacrime della Fornero ho detto da me: le credo sincere anche se come scrivi sono ben poca cosa rispetto quelle che dovremo versare noi. Personalmente non credo sia la manovra di Monti, penso sia il giusto compromesso con i partiti che poi l’approveranno. Se siamo arrivati a questo punto, a chi dobbiamo dire grazie?…..

  2. se le riforme economiche fossero state fatte l’anno scorso forse quelle di oggi sarebbero state un po’ più morbide. Certo questo i leghisti oggi lo negano…è comodo ora criticare (così come fanno i giornali di destra) e parlare populisticamente di secessione. Ma fino a ieri questi razzisti cosa hanno fatto per il nord italia?

  3. Comincio dalle lacrime della Ministra..penso che in fondo siano lacrime vere in quanto la Signora non è a sufficenza infettata dalla carognaggine propria della politica..è una novizia che sta prendendo ora i voti..ancora mantiene una coscienza..l’unica critica è che se proprio si sentiva tanto a disagio poteva rassegbare le dimissioni motivandole con il fatto che la sua onestà non le permetteva di privare i pensionati di quella tenue protezione che è l’adeguazione all’inflazione..ma questo forse sarebbe chiedere troppo..Per il resto mi limito..come da tempo faccio..a maledire un presidente della repubblica oppurtunista..squallido e cialtrone fin da giovane e ora che è VECCHIO aggravato da una demenza senile evidente che ha fatto sì che tutto questo scempio fosse possibile privando i cittadini di quel diritto costituzionale che impone di ritornare alle urne quando la situazione politica diventa priva di ogni prospettiva legale..L’ambizione mescolata ad una disonestà politica ed intellettuale che sta distruggendo valori politici e sociali rendendo tutti uguali..napolitano non ha mai contato nulla negli anni in cui esistevano personalità politiche di peso..ora è il capo dei nani ed eccone i risultati..

  4. Non è retorica né cinismo dire che ci sono persone fra cui moltissime donne che piangono tutti i giorni nell’indifferenza generale per motivi spesso irrisolvibili e legati proprio alle leggi che certi lor signori hanno fatto prima e altri confermato dopo.Quindi basta con questo viscidume, da quando si è insediato il governo di Monti ci sono giornali che non si riescono neanche a prendere in mano per quanto sono unti e straunti di complimenti e osanna. A ognuno il suo, perché il nostro è peggio, chiunque sia a doversene occupare.
    Intanto: contemporaneamente alla presentazione del decreto, il governo acquista 131 cacciabombardieri per 20 miliardi di euro.
    Nel caso i pensionati si lamentassero.
    Non ho mai creduto che Monti fosse un anziano Che Guevara in giacca, cravatta e loden (sobri, ci mancherebbe), ma non mi sono mai seduta nemmeno dalla parte dei “menopeggisti” come quelli che i primi giorni si divertivano a evidenziare le differenze fra il tacco 5 e quelli a spillo, come se davvero lo sfacelo di questo paese si potesse tradurre in una banalissima questione di stile; non me ne fotte niente della bella presenza, delle lacrime, dei toni pacati se poi i risultati non sono quelli che la maggior parte della gente si aspettava. Quindi chiedo solo una cosa: mi sta bene la rassegnazione perché altro non possiamo fare ma non la presa per il culo, perché EQUITA’ significa altro, quello che Monti NON HA messo in pratica.

  5. Se hai risposto a me,mi viene il dubbio che io penso in italiano e poi scrivo in aramaico..Ho detto solo che la ministra ancora non è sufficentemente carogna politica da rimanere indifferente..per il resto non capisco dove tu intravveda in me una rassegnazione..anzi da oggi si comincia a pianificare uno sciopero generale che dovrebbe portare in piazza milioni di persone che spero possano spazzare via gli ultimi barlumi di legittimazione di questa classe politica putrefattae inadeguata..

    • E’ che non leggo altro che ‘sta storia delle lacrime, ho un’amica che il 30 dicembre resterà senza lavoro. Senza un lavoro per il quale si è dovuta trasferire a 600 chilometri da casa. Per dire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...