Il giorno dopo

Sottotitolo: Un governo che non sa garantire l’ordine e la sicurezza di una manifestazione autorizzata e pacifica nella propria capitale, che non sa prevedere e prevenire quello che tutti noi avevamo temuto, che permette a centinaia di professionisti dello sfascio di arrivare tranquillamente lungo il percorso annunciato della sfilata addirittura con “uniformi nere e maschere antigas” dovrebbe dimettersi, invece di tentare di strumentalizzare le operazioni di questi spaccavetrine.
(Vittorio Zucconi, 15 ottobre 2011)


Naturalmente per capire (e ammettere) quello che è successo ieri bisogna esserci come dire? portati. Quel tanto che basta  per non scendere al livello infimo dei servi di questo potere criminale. Bisognerebbe smetterla di pensare di vivere in un paese normale. Pensiamo a cosa starebbe succedendo in queste ore se Napolitano, anziché stigmatizzare i cattivoni delinquenti con osservazioni degne del peggior qualunquista ignorante avesse detto che la responsabilità di quel che è successo ieri, come dieci anni fa e come decine di altre volte è di un governo incapace, inadatto a gestire i grandi eventi e che per questo (e molte altre cose), deve andare a casa; perché negli altri paesi, quelli sì, normali, non è successo praticamente nulla. E che comunque, qualche vetrina rotta, qualche macchina bruciata non possono mai essere paragonate alla gravità di quel che succede quando ogni giorno ci sono diritti che vengono negati.

Se in un qualsiasi Paese al mondo dove ieri si sono svolte le manifestazioni degli indignados fosse successo la metà di quello che e’ successo ieri a Roma il governo di quel Paese sarebbe stato messo sotto accusa e il suo ministro degli Interni obbligato a dimettersi.

Qui, invece, è il governo a fare la vittima e, grazie a giornali e tv al servizio del premier, a fare il lavaggio del cervello agli italiani. E l’opposizione – come al solito – non sa approfittare della situazione. Anzi, batte in ritirata e , invece di richiedere a gran voce le dimissioni di Maroni, balbetta scuse e si affretta, tutta tremante, a dissociarsi dai delinquenti.

E quando è mai successo nel mondo che devono essere le opposizioni a doversi dissociare dalle violenze di una manifestazione? In un Paese normale dovrebbe essere il governo a doversi difendere dalle accuse delle opposizioni. Qui, nel Paese di Patonzia, avviene il contrario.

Quando ci sono state le rivolte nelle banlieues francesi i media hanno accusato il governo o le opposizioni? E quando è stata messa a ferro e fuoco la periferia di Londra è stato accusato Cameron di non saper gestire l’emergenza o le opposizioni?

Deve essere il governo a dimostrare che non c’è stata INCAPACITA’ nel gestire la situazione. O, fatto di gran lunga più grave, deve dimostrare – qualora le opposizioni lo mettessero con le spalle al muro con documenti video o fotografici – che non c’è stata CONNIVENZA.

Invece, da oggi assisteremo – chissà per quanti giorni – ad un’opposizione tremebonda e impaurita che si difende e a un governo che non esiste più nel Paese che attacca su tutti i fronti. Ecco cosa scrive “Il Giornale” oggi: «A settembre Di Pietro sentenziava: “Se Berlusconi non si dimette, ci scappa il morto”. Nelle scorse settimane tutto il centrosinistra ha sposato la battaglia degli indignados. Vendola: “La politica stia zitta e ascolti”. Ecco chi ha contribuito a scaldare gli animi dei giovani indignati». Quale migliore occasione per far dimenticare la maggioranza di 316 voti, la compravendita di deputati e senatori, l’art.1 del rendiconto finanziario, il processo breve e la legge-bavaglio?

E poi ci stupiamo ancora se il Maiale ci governa da vent’anni?

DUE ULTIME CONSIDERAZIONI
Prima considerazione. Anche ieri il Presidente Napolitano ha perso l’ennesima occasione per stare zitto. Ha parlato di “inammissibili violenze”. Una frase banale, buttata giù solo per il gusto di dire qualcosa. Immaginate, invece, una frase del tipo “inammissibili mancanze da parte di chi doveva vigilare” quali e quanti problemi avrebbe creato alla maggioranza di governo e, soprattutto, quale contributo avrebbe dato ad una giusta visione delle cose. Ma tant’è.
Seconda considerazione. Definirsi “indignados” e organizzare una manifestazione di quella portata senza avere un servizio d’ordine proprio equivale – in un Paese dove le teorie di COSSIGA hanno fatto scuola – ad andare incontro ad un “suicidio”. Che quello che è successo ieri a Roma serva da monito per il futuro. Non si può e non si deve giocare con la vita delle persone.

(G.Salerno)

8 thoughts on “Il giorno dopo

  1. Operazioni studiate a tavolino,tutto pianificato alla perfezione,con le forze dell’ordine assenti.
    Quello che mi viene in mente oggi è che non si può regalare a questo governo di mafiosi e delinquenti un pretesto come questo,le manifestazioni si organizzano in altro modo,con un servizio d’ordine vero. Se ieri fosse stato presente il servizio d’ordine della fiom,le cose sarebbero andate in modo molto diverso.
    Sono sempre più convinto che se la protesta non riuscirà a raccordarsi e organizzarsi in una forza politica vera,tutto finirà inghiottito da un sistema in mano a cialtroni di destra e di sinistra. Ieri le uniche organizazioni politiche in campo con le loro bandiere e i loro dirigenti erano il PRC-federazione della Sinistra e qualche spruzzata di SEL,gli altri hanno solo tentato di tirarci il cappello,restando al sicuro nei loro eleganti salotti,compresi i loro militanti che cominciano ad assomigliare ai capi.

      • Certo che l’ho fatto e devo dire che era cominciato uno spontaneo e franco scambio di opinioni,il problema è sensibile,pare che anche altre piattaforme adottino una censura strisciante. Poi è cominciato l’inferno,un 50 metri avanti a me,è cominciato un parapiglia incredibile,ho dovuto abbandonare il sandwich e ho rimediato una ferita alla gamba destra,regalo di uno scooter gettato in mezzo alla gente.

    • Gossip? quelli sono terroristi: non cadiamo nello stesso errore fatto con la lega. Credo che quando un presidente del consiglio invita apertamente all’eversione bisognerebbe cominciare a pensare in modo diverso. Buongiorno a te…

  2. Io però non capisco come fai a dare spazio al qualunquismo più becero e ignorante.C’è gente che parla di diritti (che non conosce) e di cose importanti con gli stessi toni con cui lo farebbe per la fica, il sesso e il gossip.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...